Home / Aneddoti sull'arte / Diffamazione a mezzo quadro – Guido Reni, il diavolo è un cardinale
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

smichele_reniape

Diffamazione a mezzo quadro – Guido Reni, il diavolo è un cardinale

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

ARTE E DIFFAMAZIONE Ecco uno dei casi più curiosi e clamorosi del pennello al servizio della pubblica denigrazione.

QUI gli altri casi che coinvolsero i maestri dell’arte

Guido Reni dipingendo “San Michele Arcangelo che schiaccia il diavolo” (1636) disegnò Lucifero con le “fattezze” del cardinal Panfili che divenne poi Innocenzo X. Panfili era in disaccordo con la famiglia Barberini. E proprio Antonio Barberini, cardinale di Sant’Onofrio, fratello di Urbano VIII – come riporta lo storico Carlo Cesare Malvasia – aveva commissionato l’opera per collocarla nella chiesa romana dei Cappuccini.


Glissando sul volto del diavolo, preso a prestito dal Panfili, scrive il Reni: “Vorrei aver avuto il pennello angelico, o forme del Paradiso per formare l’Arcangelo, o vederlo in cielo; ma io non ho potuto salir tant’alto, ed invano l’ho cercato in terra. Sicché ho riguardato in quella forma, che sull’idea mi sono stabilita”.

Guido Reni, “San Michele Arcangelo che schiaccia il diavolo”

Guido Reni, “San Michele Arcangelo che schiaccia il diavolo”

Innocenzo X sarebbe stato ritratto da Velazquez, con espressione truce, e ripreso da Francis Bacon, nel Novecento

Innocenzo X sarebbe stato ritratto da Velazquez, con espressione truce, e ripreso da Francis Bacon, nel Novecento

 

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista