Home / Corso di pittura on line gratis / Dipingere il mare – Acqua e nuvole, video tutorial paesaggio marino
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Dipingere il mare – Acqua e nuvole, video tutorial paesaggio marino


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995 

mare

Dipingere il mare, seguendo il canone del realismo, non è certamente facile. Questo perchè – come per la neve e il verde dei prati e degli alberi – dobbiamo cambiare atteggiamento verso il colore, smontando quelli che sono i preconcetti cromatici, cristallizzati dal linguaggio verbale. Il mare, per convenzione, è blu, come il cielo è azzurro. Il pittore sa che se dovesse stendere questi colori, otterrebbe un quadro pessimo, a meno che non li caricasse, non li estremizzasse in una direzione fauve. In realtà ogni colore ne contiene altri, come ben notarono gli artisti che decisero di compiere una svolta tonale. E’ difficile pensare che il mare, in distanza, contenga, ad esempio, un rosso bordeaux. Il mare color del vino, diceva, del resto il titolo di un’opera di Leonardo Sciascia. Il filmato che proponiamo presenta un approccio altamente professionale al tema pittorico della marina. Una realizzazione accademicamente impeccabile. Certo, poi ognuno varia, sintetizza. Ma “farsi l’occhio” su queste immagini è fondamentale

COME MONET DIPINGEVA IL MARE
L’acqua, perennemente in moto, salvo alcuni casi che poi il pittore esplorerà nel laghetto immoto di Giverny, con il fumo, le nuvole, le luci effimere in movimnto del sole dei sottoschi, la neve cangiante sono, nell’ambito naturale,i principali oggetti di osservazione da parte degli impressionisti – e siamo parlando della linea di Monet, poichè, quella di Degas, d’interno e introspettiba, prende altre direzioni-. Monet moltiplicò i segni che in Impression erano appena accennati, come quelli delle onde, e giunse a completare i quadri, passando da quello che era apparso realmente ai visitatori copme un bozzetto rapidissimo, a elaborazioni più compiute, più ricche di materia pittorica, come risulta dalle opere sottostanti. Interessante è il fatto che, come in un treccia di fili per il cucito, il lettore potrà estrarre i fili cromatici, dal grande maestro.

In questo contesto abbiamo proprosto al lettore che si interessa di storia dell’arte, all’artista o a chi ama sperimentare le tecniche dei pittori del passato, alcuni esempi eloquenti delle modalità con le quali Monet rendeva il fenomeno visivo delle acque, in diversi contesti (mare, laguna, fiume, stagno).

monet mare 1

monet mare 2

 

monet mare antibes

monet mare antibes mare

monet argenteuil alberi acqua

monet mare venezia

monet mare 2 luguna

monet venezia

monet acqua ninfee 2

monet acqua ninfee 1

 

 

Tecniche, tutorial, aggiornamenti tecnici e corso di pittura online gratis!

Clicca sul link azzurro per accedere

 

 

 

 

 

 

www.stilearte.it/category/corso-di-pittura-on-line-gratis/

x

Ti potrebbe interessare

velata 2

Sai come e perchè i grandi pittori hanno ingannato lo spettatore?

La craquelure della Gioconda di Leonardo da Vinci

Cosa sono cretto e craquelure nei quadri. Come prevenirli, come li realizzano nei falsi