Home / Pittura antica / Giorgione – I pentimenti. E Gesù Bambino abbassò gli occhi per lutto
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

giorgione-part

Giorgione – I pentimenti. E Gesù Bambino abbassò gli occhi per lutto


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995 

giorgione

La Pala di Castelfranco di Giorgione è un’opera realizzata col fine di adornare la cappella della famiglia Costanzo, in un connubio “divino” teso ad esaltare l’immortalità dell’anima attraverso la potenza evocatrice dell’arte. In seguito a radiografie, che integrano quelle effettuate nel 1978, si è scoperto come la pala abbia subito numerosi ritocchi sia per quanto riguarda la posizione del Bambino che nell’orientamento dello sguardo dello stesso; gli occhi, che erano precedentemente rivolti in direzione dell’osservatore, nella versione definitiva appaiono abbassati e chiusi in un atteggiamento riconducibile al sonno. Il volto è ora inclinato in direzione del sarcofago, quasi a volerlo proteggere.

giorgione-pala di castelfranco-particolare

giorgione-pala di castelfranco-particolare

Altre modifiche – e ciò appariva già chiaro nel 1978 – coinvolgono il sarcofago stesso, che è posto in sostituzione di quello che in precedenza era stato pensato come un parallelepipedo, mero elemento ornamentale.
In un saggio per il catalogo Giorgione (Skira), edito nell’ambito della mostra a Castelfranco, Francesca Cortesi Bosco sostiene che i pentimenti denoterebbero non indecisione da parte dell’artista ma una sua scelta ben ponderata; furono con ogni probabilità effettuati su richiesta del committente stesso. Secondo Stefano Settis le variazioni sono suscitate dalla vicenda estrema di Matteo Costanzo, giovane condottiero morto prematuramente in seguito a una malattia contratta nel corso della guerra del Casentino.
Francesco Sansovino nel Della origine et de’ fatti delle Famiglie illustri d’Italia lo descrive così: “formoso di volto, et di singolar presenza condottiero nel fior di 23 anni (…) si infermò nella guerra di Casentino (1498-1499); e morto in Ravenna l’anno 1504, gli fu inscritto nel sepolcro marmoreo”.
Appare allora evidente che la disposizione originale delle figure – già decisa da tempo dal padre di Matteo, il cavaliere Tuzio – fu cambiata in seguito al drammatico evento, e la pala conclusa e posta nella cappella entro la data scolpita nel sepolcro stesso, l’estate del 1504.
Gli occhi chiusi del Salvatore, infatti, il suo atteggiamento improntato alla dolorosa meditazione e il sarcofago sono elementi utilizzati nell’ambito dell’iconografia di morte e resurrezione e sarebbero da correlare al decesso del giovane. Un estremo, affettuoso omaggio di Tuzio all’amatissimo figlio.

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica

lorlotto ritrdlucill#1361C5ape

Quel bel pendente sembra un gioiello, ma è un prezioso stuzzicadenti d’oro