Home / News / Edouard Manet quotazioni gratis – Storia, stile, quadri
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Edouard Manet quotazioni gratis – Storia, stile, quadri


Gratis quotazioni di Edouard Manet, prezzi, costi, valore, aste, stime, valutazioni, risultati d’asta gratis. Manet; valore disegni, acquerelli, oli, stampe, cimeli, libri, paesaggi, nature morte, vedute urbane, ritratti

 

raimondi-manet

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Édouard Manet (Parigi 1832-83), nato in una famiglia borghese, dopo gli studi classici si arruolò in Marina. Respinto agli esami, decise di iniziare la carriera artistica. Dal 1850 al 1856 studiò presso il pittore accademico Couture, pur non condividendone gli insegnamenti. Viaggiò molto in Italia, Olanda, Germania, Austria, studiando, nella convinzione che il rinnovamento della pittura dovesse compiersi all’interno della tradizione, soprattutto i pittori che avevano scelto il linguaggio tonale quali Giorgione, Tiziano, gli olandesi del Seicento, Goya e Velazquez.

Notevole influenza ebbe sulla definizione del suo stile anche la conoscenza delle stampe giapponesi. Manet è stato un pittore poco incline alle posizioni avanguardistiche. Egli voleva giungere al rinnovamento della pittura operando all’interno delle istituzioni accademiche. E, per questo motivo, egli, pur essendo il primo dei pittori moderni, non espose mai con gli altri pittori impressionisti. Rimase sempre su posizione individuale e solitaria anche quando i suoi quadri non furono più accettati dalla giuria del Salon. La rottura con la critica avvenne solo dopo il 1863, quando Manet propose il quadro La colazione sull’erba. In questa tela sono già evidenti i germi dell’impressionismo. Manet aveva abbandonato del tutto gli strumenti classici del chiaroscuro e della prospettiva per proporre un quadro realizzato con macchie di colori puri e stesi uniformemente, pur riuscendo a ad ottenere una perfetta simulazione spoaziale.
Nei confronti degli impressionisti Manet ebbe sempre un atteggiamento distaccato. Partecipava alle loro discussioni, che si svolgevano soprattutto al Cafè Guerbois, e, in seguito, al Cafè della Nouvelle Athènes, ma non espose mai ad una mostra di pittura impressionista. Egli, tuttavia, non rimase impermeabile allo stile che egli stesso aveva contribuito a far nascere. Dal 1873 in poi, sono evidenti nei suoi quadri le influenze della pittura impressionista. Il tocco diviene più simile a quello di Monet, così come la scelta di soggetti urbani rientra appieno nella poetica dell’impressionismo. Egli, tuttavia, conserva sempre una maggior attenzione alla figura e continuerà sempre ad utilizzare il nero come colore, cosa che gli impressionisti non fecero mai.

Édouard Manet è noto a tutti noi come protagonista di una rivoluzione
espressiva determinante per lo sviluppo successivo della pittura. Manet “abolisce” chiaroscuro e mezze tinte, predilige contrasti cromatici netti e pennellate rapide, crea le forme attraverso il colore. “Padre” dell’arte del nostro tempo, scandalizza i suoi contemporanei mentre attinge a piene mani, con insolente libertà, dai maestri del passato, con cui instaura un dialogo continuo, profondo, attento e inatteso. Un dialogo che nasce durante le
frequentazioni del Louvre, prosegue nei viaggi in Italia e in Europa, e continuerà per tutta la vita.
Per molto tempo la critica ha evidenziato il ruolo della pittura spagnola tra le fonti di ispirazione
di Manet. Ma notevolissima, come ha dimostrato la mostra tenutasi a Venezia, l’importanza dei maestri del Rinascimento italiano nella formazione della sua poetica: da Tiziano a Raffaello, da Andrea del Sarto a Tintoretto, Manet studia, cita, interpreta, stravolge. È una rilettura che si integra e si connette, nel processo creativo, anche a rimandi di carattere psicologico o biografico, e si rivela attraverso gli esiti del tutto nuovi delle modalità pittoriche e del senso stesso di ogni composizione. Lo straordinario accostamento che la mostra veneziana propose per la prima (e forse unica) volta tra Olympia di Manet e la Venere d’Urbino di Tiziano ne è esempio eclatante.

A livello stilistico, Monet crea una sintesi tra il cromatismo di Goya, con un intenso uso del nero-blu e il richiamo all’impaginazione e all’assetto posturale dei dipinti italiani. E proprio su questa line segnaliamo la fonte di Colazione sull’erba, che l’artista trasse, sotto il profilo iconografico da un’incisione di Marcantonio Raimondi

Le stampe di Marcantonio Raimondi, influenzarono per lungo tempo l'arte occidentale. Il particolare de "Il giudizio di Paride" mostra l'atennta osservazione che ne fece Mane per "La colazione sull'erba", realizzata nel 1862-1863

Le stampe di Marcantonio Raimondi, influenzarono per lungo tempo l’arte occidentale. Il particolare de “Il giudizio di Paride” mostra l’atennta osservazione che ne fece Manet per “La colazione sull’erba”, realizzata nel 1862-1863

raimondi manet

NEL FILMATO UN VIAGGIO TRA LE OPERE DI Edouard Manet

 

 

GRATIS I RISULTATI D’ASTA, LE QUOTAZIONI, LE STIME DI BASE, I RECORD DELLE OPERE SEMPRE AGGIORNATI DI Edouard Manet CON FOTOGRAFIE E SCHEDE.DUE LE FONTI DI RILEVAMENTO. PER AVERE UN QUADRO COMPLETO CLICCATE UN LINK, POI L’ALTRO.

www.sothebys.com/it/search-results.html?keyword=Edouard+Manet

www.christies.com/LotFinder/SearchResults.aspx?action=search&searchFrom=header&lid=1&entry=%22Edouard%20Manet%22

x

Ti potrebbe interessare

a amazon

Regali di Natale. Scopri qui le super-offerte Amazon. Per categorie e prezzi. Ordina dal computer e ricevi a casa in poche ore

a merda

Perchè non ci facciamo un regalo dadaista? A 6 euro la Merda di Natale (che non offende nessuno)