Home / News / Elisa Pezzotti
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Elisa Pezzotti

IMPULSO 3 -1 BASSA

IMPULSO 3 -2 BASSA

Elisa Pezzotti, IMPULSO3, 2014, scultura in marmo di Carrara, 105 x 50 x 28 cm

IMPULSO 3 -3 BASSA

Autore: Elisa Pezzotti

Titolo opera: IMPULSO3

Anno: 2014

Tecnica e materiali: scultura in marmo – marmo bianco Carrara

Misura: cm 105x50x28

Nota esplicativa: Guardo il corpo per la prima volta, lo riscopro nelle sue forme, nelle relazioni tra le sue membra, lo indago e lo scompongo mettendolo sul tavolo anatomico della scultura. Scelgo le parti meno visibili e più nascoste, cercando quei frammenti dove la relazione tra forma e funzione sembra unita in un legame più intenso e necessario. Le ri-creo, ma senza fermarmi alla loro semplicistica riproduzione, bensì esaltandone la bellezza, ampliandone le potenzialità anche simboliche ed espressive attraverso la loro trasformazione in altre immagini fortemente evocative. Tutto comincia con un dialogo silenzioso tra me e la materia. È lei che mi suggerisce la forma e mi dice che segni usare e dove. Non voglio tanto rappresentare un corpo umano in scultura, quanto piuttosto trasformare la materia della scultura in un corpo vivente; creare “Entità” che hanno una loro propria essenza, una loro anima e un loro concetto da trasmettere. Non sempre sono pienamente cosciente del mio lavoro, anzi diciamo che le mie sculture per lo più nascono grazie al mio inconscio. Non sempre so che cosa guida la mia mano, ma ho fiducia. Sento in me la presenza di una volontà trainante, perciò mi lascio guidare dal mio essere, dal mio pensiero, dalla mia anima. A poco a poco libero la forma: la faccio respirare, la riporto al mondo, la risveglio dal suo letargo. Infusione del proprio spirito nella scultura. Trasposizione del mio corpo e del mio pensiero nell’opera. C’è un bisogno di esternare, di tendersi, di esprimere con chiarezza senza fraintendimenti, su un diverso gradino di comunicazione. L’archetipo è qualcosa di viscerale, intimo, impulsivo, un tentativo di elevazione e liberazione del proprio essere. Necessità di trasformare la propria essenza in qualcosa di tangibile che si possa vedere, toccare, sentire, odorare, gustare. Non serve parlare, non serve spiegare, ma solo guardare, interiorizzare e vivere.

Biografia

FORMAZIONE

2012-2015

Laurea di secondo livello in Scultura Pubblica Monumentale, Accademia di Belle Arti SantaGiulia

di Brescia. [Docenti di riferimento: Pietro Ricci, Agostino Ghilardi].

2009-2012

Laurea di primo livello in Scultura, Accademia di Belle Arti SantaGiulia di Brescia

2004-2009

Liceo Artistico “Decio Celeri” Lovere (Bergamo).

Diploma di Maestro d’arte e completamento con anno integrativo.

MOSTRE COLLETTIVE

2015 ( in atto)

-La disciplina scolpita, Centro Pastrorale Paolo VI, via Calini Gezio 30, Brescia, a cura dei

professori Pietro Ricci e Agostino Ghilardi, da Maggio a Settembre 2015

2014

-Assenze, sala dei Santi Filippo e Giacomo, via Battaglie 61, Brescia, a cura del professor Agostino

Ghilardi, 1-16marzo

2013

-LE METAMORFOSI: arte-uomo–natura, Palazzo Martinengo, Spazi espositivi, Via dei Musei 30,

Brescia, a cura di Accademia SantaGiulia, 13 giugno-07 Luglio

-Nuovi talenti, Museo Grande Miglio, Castello di Brescia, a cura di Pietro Ricci e Alberto

Zanchetta, febbraio- marzo

-Mostra di scultura, via San Faustino e Galleria Dolci, via San Faustino, Brescia, a cura di

Agostino Ghilardi e Pietro Ricci, febbraio

2012

L’istinto segreto dell’aima, Casa circondariale, Verziano (Brescia), a cura di Agostino Ghilardi,

dicembre 2012 – gennaio 2013

Esposizione premio Nocivelli 2012, chiesa della disciplina, Verolanuova (Brescia), a cura di

Associazione Culturale Techne, ottobre

Esposizione premio Nocivelli 2012, parco comunale Lina e Angelo Nocivelli, Verolanuova

(Brescia), a cura di premio Nocivelli, settembre

Giovane Arte Bresciana 2012, Pieve di Urago Mella (Brescia), a cura di Fondazione Martino

Dolci, luglio

Occhio alla scultura, sala Piamarta, via S. Faustino, Brescia, a cura di Agostino Ghilardi e Pietro

Ricci, marzo

2011

Linee di costruzione, Accademia di Belle Arti SantaGiulia, Brescia, a cura di Agostino Ghilardi,

marzo

Sacro Contemporaneo, Brolo della canonica vecchia, Iseo (Brescia), a cura di Agostino Ghilardi,

giugno

PREMI

2012

-Selezionata alla IV edizione del Premio Nocivelli 2012, Associazione Culturale Techne.

-Selezionata al Settimo premio provinciale d’arte: Giovane Arte Bresciana 2012, in memoria di

Giovanni, MartinoDolci e Angiolina Bettoni Dolci.

Sito web & Links: 

www.facebook.com/elisapezzottiscultrice

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista