Home / News / Giacomo Balla: Il pittore allo specchio, un due tre
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Giacomo Balla: Il pittore allo specchio, un due tre


Proponiamo qui tre autoritratti di Giacomo Balla, emblematici del percorso creativo dell’autore. I primi due, risalenti agli anni Venti, sono da interpretare quali tentativi di fornire una risposta a quella che il Balla futurista definiva, in un suo scritto, “la necessità di entrare nel grande dominio dello stato d’animo plastico con delle nuove forme astratte equivalenti”.

Autoritratto, 1927

Autoritratto, 1927

Autostato d’animo, 1920

Autostato d’animo, 1920



Il terzo ritratto è del 1947. Intitolato Autodolore, ci appare come il dolente testamento del vecchio artista, che si effigia con un realismo intenso e drammatico.

Autodolore, 1947

Autodolore, 1947

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Le dominatrici mondiali della pittura. Debora Hirsch racconta le sue opere

5 cose da sapere su Perugino