Home / News / Gino Severini. Il solo pittore europeo che ha saputo coniugare Futurismo e Cubismo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Gino Severini-Danseu#1FDC14ape

Gino Severini. Il solo pittore europeo che ha saputo coniugare Futurismo e Cubismo


Voltate le spalle al Futurismo, Gino Severini – amico di Picasso, Braque e Gris – approda al Cubismo.
Nelle sue opere di quel periodo, le forme giacciono sulla tela in una perentoria piattezza. Perduta la propria consistenza, esse nascondono tuttavia un’imprevedibile vocazione dinamica, determinata dal sapiente ricorso allo slittamento dei piani. Un linguaggio ancora una volta unico e inconfondibile. Severini è il solo pittore in Europa ad aver trovato la formula di raccordo tra Futurismo e Cubismo, in una sintesi degli aspetti cardine dei due movimenti, che giganteggiano da rivali nella battaglia delle avanguardie.

Danseuse, 1915-16. Il quadro è ritenuto dagli studiosi un estremo tentativo di Severini di coniugare Futurismo e Cubismo, prima dell’abbandono del movimento fondato da Marinetti

Danseuse, 1915-16. Il quadro è ritenuto dagli studiosi un estremo tentativo di Severini di coniugare Futurismo e Cubismo, prima dell’abbandono del movimento fondato da Marinetti

Natura morta “Nord-Sud”, 1917

Natura morta “Nord-Sud”, 1917


9788884161895LETTURA CONSIGLIATA – CLICCA QUI E ACQUISTA IL VOLUME
La vita di un pittore
di Gino Severini
Prezzo: € 32.00

Le città a cui mi sento più profondamente affezionato sono Cortona e Parigi: nella prima sono nato fisicamente, nella seconda intellettualmente e spiritualmente. È questo l’incipit de “La vita di un pittore” di Gino Severini (1883-1966), non solo un documento indispensabile per conoscere uno tra i più importanti pittori del Novecento, ma soprattutto un affascinante, vivissimo affresco della irripetibile stagione artistica che si visse a Parigi nei mitici anni Venti e Trenta

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica