Home / News / Happy in Siena, città d’arte felice. Tutti si mettono a danzare
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Happy in Siena, città d’arte felice. Tutti si mettono a danzare

happyinsiena

Certo: la candidatura di Siena come città europea della cultura mette in luce anche le caratteristiche antropologiche dei suoi abitanti. Non c’è città di bellezza che non sia in grado di incidere sul carattere dei propri abitanti. O, al contrario, come avviene in tante città del nord, la plumbea natura degli abitanti e degli amministratori induce a una precipitazione della bellezza urbana che crea spazi inaccoglienti.. Il modello Toscana è un esempio per tutti. Per chi vuole migliorare la qualità della vita e vuole puntare a cultura e turismo.


 

Con ironia  e autoironia tipicamente toscane, i giovani senesi hanno girato questo video, che in pochi giorni ha raggiunto le vette di toutube, nell’ambito dei clic. E’ un lavoro molto carino. La felicità si trasfonde, diventa ballo e danza, coinvolge vecchi e giovani. “Questo video – avvertono autori e sostenitori – è stato realizzato con la partecipazione e il coinvolgimento di tutta la comunità senese.  Grazie a tutti quelli che sono stati HAPPY insieme a noi!”

«Per realizzare la nostra versione di Happy abbiamo coinvolto il più possibile la comunità senese, che ha risposto con un entusiasmo travolgente che si riflette molto bene nell’atmosfera del video – ha sottolineato ad agenziaimpress.it il direttore di candidatura di Siena Cec2019, Pier Luigi Sacco -.  La comunità senese mostra di essere pronta per una nuova primavera, e il progetto di candidatura a capitale europea della cultura può essere il punto di svolta per darle concretezza».
Il video si inserisce pertanto nelle iniziative a sostegno della candidatura di Siena come capitale europea della cultura, nel 2019. E il video è ispirato a “Happy” di Pharrell Williams. Meditate, amministratori neo-asburgici e neoborbonici d’Italia. Meditate su quest’altra Italia. Altro che Expo
.

SE HAI GRADITO IL SERVIZIO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DI QUESTA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”. RICEVERAI GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, SULLA TUA HOME PAGE DI FACEBOOK ARTICOLI E SAGGI DI STILE ARTE, QUOTIDIANO ON LINE DI ARTE, CREATIVITA’ E CULTURA

 

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista