Home / News / Hermann Hesse pittore: storia, opere e quotazioni
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Hermann Hesse pittore: storia, opere e quotazioni

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Tremila acquerelli, furono dipinti dallo scrittore Hermann Hesse, l’autore di Siddharta e di Narciso e Boccadoro, tra il 1919 e il 1938 nei e nei prati di Montagnola, un paese svizzero  di lingua italiana, nel Canton Ticino, sopra Lugano Hesse, tedesco, era giunti in Svizzera nel 1912. Aveva preso residenza a Berna, durante un periodo di profondo travaglio psicologico ed espressivo. Proprio durante questo periodo aveva iniziato a dipingere con l’acquerello, su taccuini che erano tanto simili a quelli degli scrittori.

Ma fu a partire dal 1919, quando da Berna si trasferì a Montagnola – in uno splendido paesaggio tra colline, a  un’altitudine di 5oo metri, ricco di castagneti – che, conquistato dal dolce splendore di quell’ambiente, moltiplicò le sue uscite. Il taccuino, uno sgabello, il cappello e la semplice scatola dei colori con una boccetta dell’acqua. Lo scrittore portava con sè anche le matite, con le quali rilevava le linee del paesaggio, che poi riempiva di colore, ponendo attenzione che il pigmento non fosse eccessivamente diluito. Questa cromoterapia lo aiutava a rilassarsi -a Montagnola dove abitò fino alla morte, sopraggiunta nel 1962, scrisse i suoi grandi romanzi poco sopra citati – poichè l’attività del pittore en plein air occupa uno spazio della mente contiguo rispetto a quella dello scrittore. Scrivere richiede molta concentrazione, mentre accordare la tavolozza alle vibrazioni dei colori del paesaggio libera la mente, creando una profonda unità con la natura. Le sue opere dimostrano la consapevole scelta di una semplicità poetica coincidente con le ricerche che, all’inizio del secolo, venivano svolte da Matisse e Kandisky. E a ben vedere, Hesse si colloca in un punto mediano tra i due grandi artisti. Nonostante egli facesse uso dell’acquerello, i colori – che mostrano una dominanza dei primari: rosso, giallo e blu – appaiono intensi e non realistici. La rappresentazione della realtà è sintetica, infantile, gioiosa e rivela il percorso lungo una via kandinskyana, nello “spirituale dell’arte”, tracciato che risulta, peraltro, particolarmente evidente nei suoi romanzi, nei quali contemperò Oriente e Occidente, in direzione non tanto del rifiuto orientale della sofferenza attraverso il distacco del mondo, ma con la cognizione del dolore come parte gloriosa della natura umana (Siddartha).

Numerose opere pittoriche dell’artista sono conservate nel Museo Hermann Hesse, allestito nel 1997 a Montagnola nelle sale della Torre Camuzzi. Accanto, si trova la pittoresca Casa Camuzzi, nella quale lo scrittore visse, dal 1919 al 1931, in un appartamento che godeva di una magnifica vista sul lago di Lugano. Pur raramente, alcuni suoi fogli dispersi passano per il mercato. Un suo acquerello è stato venduto all’asta da Sotheby’s, (ne vediamo un particolare in copertina) nel 2014, a 21.125 dollari

UN VIAGGIO TRA LE OPERE PITTORICHE DI HERMANN HESSE

I RISULTATI D’ASTA, LE QUOTAZIONI, IL VALORE DI MERCATO, LE STIME DI BASE, I RECORD DELLE OPERE SEMPRE AGGIORNATI DI , CON FOTOGRAFIE E SCHEDE. PER ACCEDERE, CLICCA QUI SOTTO. ALL’INIZIO DELLA PAGINA VEDRAI SE CI SONO OPERE DI ALL’ASTA IN QUESTO MOMENTO. SE NON CI FOSSERO OPERE ALL’ASTA TI APPARE ZERO. SCENDI CON IL CURSORE VERSO IL FONDO DELLA PAGINA PER TROVARE I RISULTATI D’ASTA

www.christies.com/LotFinder/searchresults.aspx?action=search&searchtype=p&searchFrom=auctionresults&entry=%22hermann%20hesse%22

www.sothebys.com/it/search.html?keywords=Hermann+Hesse#keywords=Hermann Hesse

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista