Home / Gli animali nell'arte / Il cane nell’arte – Nell’Ottocento il massimo del sentimento. I quadri nel filmato
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

cane

Il cane nell’arte – Nell’Ottocento il massimo del sentimento. I quadri nel filmato

Nel passato più remoto era simbolo di fedeltà coniugale ai piedi delle regine defunte, animale da compagnia o da caccia nel Cinquecento oppure rappresentazione della Chiesa che veglia contro il demonio. Nell’Ottocento e e nel Novecento il cane, nell’arte, assume una connotazione sempre più sentimentale.

Nel filmato potremo vedere l’evoluzione affettiva del rapporto o comunque il procedere della pittura nell’osservazione dei minimi aspetti della quotidianità. Per chi volesse approfondire il significato simbolico del cane nei dipinti sacri può accedere al nostro link: www.stilearte.it/abbaiando-al-peccato/; come chi intende conoscere il ruolo semantico svolto dai piccoli animali nei quadri rinascimentali: www.stilearte.it/silenzio-parla-il-cane/   oppure, ancora, come chi vuole conoscere le boccaccesche allusioni del rapporto troppo stretto tra padrona e cane nel secolo di Tiziano: www.stilearte.it/il-miglior-amico-delle-donne-sottintesi-erotici-nei-quadri-tra-cani-e-padrone/


x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico