Home / Gli animali nell'arte / Il cane nell’arte – Nell’Ottocento il massimo del sentimento. I quadri nel filmato
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Il cane nell’arte – Nell’Ottocento il massimo del sentimento. I quadri nel filmato

Nel passato più remoto era simbolo di fedeltà coniugale ai piedi delle regine defunte, animale da compagnia o da caccia nel Cinquecento oppure rappresentazione della Chiesa che veglia contro il demonio. Nell’Ottocento e e nel Novecento il cane, nell’arte, assume una connotazione sempre più sentimentale.

Nel filmato potremo vedere l’evoluzione affettiva del rapporto o comunque il procedere della pittura nell’osservazione dei minimi aspetti della quotidianità. Per chi volesse approfondire il significato simbolico del cane nei dipinti sacri può accedere al nostro link: www.stilearte.it/abbaiando-al-peccato/; come chi intende conoscere il ruolo semantico svolto dai piccoli animali nei quadri rinascimentali: www.stilearte.it/silenzio-parla-il-cane/   oppure, ancora, come chi vuole conoscere le boccaccesche allusioni del rapporto troppo stretto tra padrona e cane nel secolo di Tiziano: www.stilearte.it/il-miglior-amico-delle-donne-sottintesi-erotici-nei-quadri-tra-cani-e-padrone/


Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Il dramma vero de Il Diavolo in corpo, il figlio della colpa, la profe distrutta per aver sedotto un ragazzino

Sotto il vestito niente, gli scheletri eleganti del bergamasco Vincenzo Bonomini