Home / News / Ivan Confortini
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Ivan Confortini

DSCF1464-BASSA

DSCF1473-BASSA

Ivan Confortini, Simulacro solare, 2014 travertino rosso, 60 x 50 x 12 cm

DSCF1494-BASSA

 

Autore: Ivan Confortini

Titolo opera: Simulacro solare

Anno: 2014

Tecnica e materiali: opera in travertino rosso

Misura: cm 60x50x12

Nota esplicativa: Simulacro solare è un’opera che sintetizza il lavoro ancestrale sul disco solare riassumendo i caratteri spaziali tra pieni e vuoti, luci ed ombre, sbozzato e finito, divenire ed essere. Metafora della vita.

 

Biografia

Nato a Brescia il 20 marzo 1980, residente a Virle in via Cesare Battisti, 10. Laureato nel 2003 in scultura presso l’Accademia delle Belle Arti di Brera a Milano. Dal 2004 svolge attività di artigiano presso lo Studio Bottega Confortini a Virle, portando avanti una tradizione che dal 1572 continua a tramandarsi di generazione in generazione caratterizzandosi per la creazione di sculture originali. Dal 2006 svolge attività di docenza presso la Scuola delle Arti e della Formazione professionale Rodolfo Vantini sia nei percorsi diurni di qualifica professionale che nei corsi serali di scultura e scalpellino. Ha collaborato con numerosi architetti ed artisti tra i quali Fumio Itai, Celina Spelta, Renata Boero e Pietro Cenedella.

“Abilità artigianale e ispirazione artistica, tradizione ed innovazione si coniugano nel lavoro di Ivan Confortini che nella natura trova una fonte di ispirazione per forma e contenuto. L’opera d’arte nasce così da un legame indissolubile tra uomo e natura che non è solo qualcosa da osservare, indagare ed emulare, ma si trasforma anche nella ancestrale riscoperta delle origini e delle emozioni autentiche che sanno tradursi nel linguaggio simbolico della creatività

 

Sito web & Links: 

www.ivanconfortini.it

Facebook: Ivan Confortini 

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica