Home / Pittura contemporanea / La mia Itaca
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

La mia Itaca

intervista di Jacqueline Ceresoli

Stile ha incontrato Allegra Betti van der Noot nello studio milanese dell’artista.

Perchè – in quest’epoca ipertecnologica – ha scelto la pittura?
Mi piacciono anche altri media. Ma dipingere mi fa sentire davvero bene. Stupire con opere pittoriche è difficile, sembra sempre che sia stato già fatto tutto. Invece è esattamente il contrario. La pittura è un medium inesauribile, le combinazioni sono infinite.

Si racconti: quando ha iniziato a dipingere e che tecniche usa?
Dopo il liceo artistico ho scelto di studiare pittura a Brera perché mi sembrava che questo potesse offrirmi orizzonti più ampi da esplorare. Durante l’accademia lavoravo utilizzando principalmente acrilici e pastelli ad olio su tela, legno o cartone, ma mi sono cimentata pure con la fotografia e i video.
Ora preferisco l’olio su tela o su legno, tecniche miste, come la stampa su tela con interventi ad olio, e la serigrafia, partendo da disegni ad ecoline.

Suo padre è un importante compositore di musica jazz, sua madre è designer e creativo pubblicitario; entrambi sono appassionati d’arte contemporanea e velisti provetti. Quanto hanno influito sulla sua educazione l’arte e il mare?
Moltissimo. Sono cresciuta leggendo, e disegnando, i libri di Bruno Munari. Da piccola ho partecipato ad una sua mostra, in cui i bambini esponevano storie che avevano loro stessi scritto e illustrato.
Per quanto riguarda il mare, ho fatto la mia prima traversata a vela quando avevo un anno e mezzo, e continuo a navigare anche oggi, per tutto il Mediterraneo. In particolare, ho avuto la possibilità di conoscere a fondo i musei e i siti della Grecia antica e i luoghi dell’Odissea.
Il mare è una costante nella mia vita. La notte sogno di essere in barca a Itaca, nelle Ionie o in qualche isola del sud.

Lei documenta sempre i suoi lunghi viaggi con video e fotografie, che poi utilizza nell’attività artistica, almeno come punti di partenza.
Ho prodotto una serie di tecniche miste, che ho chiamato Visioni, in cui trasformo il documento di viaggio in chiave onirica. Nel ciclo Donne e Dee mi sono riferita ad immagini di divinità femminili che ho abbozzato sul mio album mentre visitavo l’Antico Egitto.
Uso la fotografia come strumento pittorico, e mi piace molto lavorare in camera oscura. Ho realizzato, ad esempio, un reportage sui ritratti del Cimitero monumentale di Milano, che si stanno lentamente ma inesorabilmente cancellando.
Nelle mie ultime opere attingo direttamente al ricordo, il tema della memoria è ricorrente. L’immagine richiama qualcosa che viene da dentro e che esisteva, anche se nascosta, da prima della sua concretizzazione.

Perché dipinge spesso corpi di donne come isole e simboli della natura?
Perché la donna è un’isola e l’isola è una donna. E’ un concetto che sento in me, che mi appartiene.
Paesaggi interiori, viaggi mentali… il viaggio non è altro che un brandello di tempo, un istante. Il paesaggio è un modo per fermarlo, per renderlo eterno. In quel momento viviamo noi stessi, e ci viene rivelato qualcosa di noi che non conoscevamo.

Che cosa ha esposto di recente?
In una galleria milanese ho esposto alcune tele dal ciclo Geografie Umane. Sono lavori piuttosto grandi, molto emozionali, per lo più oli. E poi un’installazione, The Humming Cloud, realizzata su tavole di legno sagomate, che rappresenta due donne/nuvole.

Come definirebbe la sua poetica?
La mia ambizione è di comunicare attraverso un linguaggio emotivo, lirico. La mia ricerca si concentra sulla vibrazione del colore e sulla spontaneità.

Quali sono gli artisti che continuano ad ispirarla e perchè?
Sono molti… Sicuramente Klein, per l’essenziale, la magia e il mistero che pervadono i Monocromi e le Antropometrie. Rauschenberg, per il trattamento della materia, che plasma l’emozione e stimola la memoria. Schifano, perché ne sento la straziante sofferenza. Dario Fo, perché riesce a fare tante cose diverse, sempre in maniera geniale. Gianfranco Pardi, intenso nei colori, nel concetto e nella sintesi. Picasso, in particolar modo quello dei primi tempi, per la lucidità del segno. Poi, naturalmente, i grandi maestri come Piero, Leonardo, Michelangelo, Caravaggio, Goya, Ingres…

Un’ultima domanda: lei afferma di sognare spesso Itaca. Ma quale sarebbe la “sua” Itaca, potendo scegliere?
Non c’è un altro posto come Itaca. Itaca è l’immagine simbolica che motiva il viaggio ed insieme il luogo dove andare a trascorrere la parte che ci resta della vita. Il viaggio rappresenta il rischio, l’incertezza: quindi la vita stessa.
La mia Itaca potrebbe essere la riscoperta dell’archetipo femminile, la donna selvaggia, che cura gli affetti ma che è anche in grado di spiccare il balzo e volare lontano.

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Le dominatrici mondiali della pittura. Debora Hirsch racconta le sue opere

Capire Giorgio de Chirico – I passaggi essenziali per spiegare il suo mondo