Home / News / La via della Bellezza. Il linguaggio delle anime nella mostra curata da Barretta
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

La via della Bellezza. Il linguaggio delle anime nella mostra curata da Barretta

Brescia, Galleria ab/arte, dal 18 novembre al 22 dicembre 2017

La via pulchritudinis

Il senso e l’itinerario della mostra “La via pulchritudinis”, a cura di Andrea Barretta, che ha coinvolto musei, collezionisti e artisti di diverse discipline, sta nella ricerca di una rinnovata via verso la bellezza che va dall’arte sacra del Cinquecento ai maestri dell’arte moderna e fin sulla soglia di un’arte contemporanea nei segni del religioso, in continuità con la ricchezza del passato ma anche nei suoi molteplici significati nel legame inseparabile tra verità e bellezza da recuperare per poter giungere al cuore dell’umanità.

► In diverse occasioni, Benedetto XVI si è soffermato sul tema della “via pulchritudinis” attraverso le espressioni artistiche, richiamando l’uomo contemporaneo a recuperarne il significato. “Forse vi è capitato qualche volta davanti ad una scultura, ad un quadro, ad alcuni versi di una poesia, o ad un brano musicale – scrive – di provare un’intima emozione, un senso di gioia, di percepire, cioè, chiaramente che di fronte a voi non c’era soltanto materia, un pezzo di marmo o di bronzo, una tela dipinta, un insieme di lettere o un cumulo di suoni, ma qualcosa di più grande, qualcosa che ‘parla’, capace di toccare il cuore, di comunicare un messaggio, di elevare l’animo”. E’ l’arte capace di esprimere e rendere visibile il bisogno dell’uomo di andare oltre ciò che si vede, che manifesta la sete e la ricerca dell’infinito. Anzi, è come una porta aperta verso l’infinito, verso una bellezza e una verità che vanno al di là del quotidiano, continua Benedetto XVI. E un’opera d’arte può aprire gli occhi della mente e del cuore, sospingendoci verso l’alto. Ma ci sono espressioni artistiche che sono vere strade verso Dio, la Bellezza suprema, anzi sono un aiuto a crescere nella preghiera. Si tratta delle opere che nascono dalla fede e che esprimono la fede e fanno crescere in noi il desiderio di attingere alla sorgente di ogni bellezza.
Questo il senso e l’itinerario dato alla mostra “La via pulchritudinis”, a cura di Andrea Barretta, che ha coinvolto musei, collezionisti e artisti di diverse discipline, per una rinnovata via verso la bellezza che va dall’arte sacra del Cinquecento ai maestri dell’arte moderna e fin sulla soglia di un’arte contemporanea nei segni del religioso, in continuità con la ricchezza del passato ma anche nei suoi molteplici significati pur senza “fomentare un relativismo estetico” che possa oscurare il legame inseparabile tra verità e bellezza da recuperare per poter giungere al cuore dell’umanità.
Se, come afferma sant’Agostino, noi non amiamo se non ciò che è bello, ecco nella “Galleria ab/arte” di Brescia un cammino privilegiato per avvicinarsi al ruolo della bellezza e dell’arte così come individuato anche da Paolo VI e da Giovanni Paolo II, e da Papa Francesco che ha definito tutte le espressioni di autentica bellezza come “splendore di una gioia profonda” riconoscibili in un sentiero che aiuta a incontrarsi.
Il percorso espositivo, allestito da Riccardo Prevosti, vede capolavori di artisti che hanno testimoniato l’incontro tra estetica e fede, nel solco di Marc Chagall allorquando ha scritto che “i pittori per secoli hanno intinto il loro pennello in quell’alfabeto colorato che era la Bibbia”, nelle sale in cui hanno trovato posto dipinti dedicati alla figura di Maria, a iniziare da una museale opera del Cinquecento, “Madonna con bambino”, e la “Bella giardiniera” di Raffaello, conservata a Parigi al Louvre, in una pregevole copia firmata del 1879, accanto a un divino infante del Quattrocento con occhi di vetro.
Poi la fedeltà al verbo attraverso la proposta di alcuni “Dottori della Chiesa”, rappresentati da Lello Scorzelli, che raccontano l’ortodossia di scrittori illustri nella scienza di cose sacre, e “Gesù tra i bambini”, una scultura in argento dorato di Pericle Fazzini. Inoltre un da “Michelangelo” di Tano Festa, una “Cattedrale” di Franco Gentilini, un “Pescatore” di Giuseppe Migneco e la ritmica di linee e archi tracciati per uno scopo anche mistico da Walter Valentini, cui fanno da corona, quasi in una collocazione spazio tempo, due “Natività” di Salvatore Fiume, sculture in bronzo e in marmo di Carrara dipinto.
Infine, la narrazione del sacro che continua nei linguaggi del contemporaneo con artisti come Giacomo Bergomi, Emilio Contini, Piero Dalle Ceste, Emilio Greco, Ferdinando Quintavalle, Luciano Cottini con una “Madonna” da Correggio, e l’opera su tela di grande formato “Maternità” di Ugo Farina. Mentre avanzano le suggestioni di un angelo di Augusto Ghelfi che si confronta con una “Deposizione” nel disegno di Enrico Schinetti e con quella a olio su tavola di Giacomo Olini.
Ingresso libero, dal giovedì al sabato, dalle 9, 30 alle 12, 30 e dalle 15,30 alle 19.30.


“La via pulchritudinis”, dal 18 novembre al 22 dicembre 2017
A cura di Andrea Barretta
Progetto allestimento di Riccardo Prevosti
Relazioni esterne di Umberto Chiusi
Coordinamento di Gianni Eralio.

“Galleria ab/arte”, Vicolo San Nicola 6, Brescia. Info tel. 030 3759 779
Ingresso libero, dal giovedì al sabato, dalle 9, 30 alle 12, 30 e dalle 15,30 alle 19.30.
E’ possibile usufruire, su appuntamento, di visite guidate riservate a gruppi e scolaresche.

www.abarte.it info@abarte.it

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Trasparenze e luci fotografiche dell’eros negli acquerelli di Steve Hanks. Il filmato

Schad: Il ritratto “romano” dell’amante, Fornarina del Ventesimo secolo