Home / Pittura contemporanea / L’anno di Piero Tramonta
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

L’anno di Piero Tramonta

Un’attenzione crescente per le opere di Piero Tramonta, che trova il giusto riconoscimento rispetto a un lavoro di qualità molto elevata, seguito, nel tempo, da Stile, certi com’eravamo di uno sviluppo che avrebbe portato l’artista bresciano a risultati di grande rilievo.
Il pittore di Bovezzo è stato segnalato dalla nostra rivista a realtà museali italiane, che hanno mostrato forte interesse per la sua attività. Ora la mostra-asta personale organizzata da Stile arte e Catawiki, a livello mondiale.
Proiezioni psichiche, nuclei di archetipi, scrittura automatica. “Piero Tramonta
– come afferma Maurizio Bernardelli Curuz – sviluppa la propria pittura in una dimensione introspettiva, portando a livello evidente, con un linguaggio che si delinea come trattamento figurativo di dati aniconici, il balenare di forze occulte, lo scoccare lampeggiante e il dardeggio di elementi dinamici che costituiscono la tessitura di autentici paesaggi dell’anima. La matrice di Tramonta è alimentata dal figurativo, e da un senso di riconoscibilità dell’irriconoscibile che sorprende lo spettatore nel reticolo dell’opera”.

Piero Tramonta: l’arte come liberazione

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Le dominatrici mondiali della pittura. Debora Hirsch racconta le sue opere

Capire Giorgio de Chirico – I passaggi essenziali per spiegare il suo mondo