Home / News / Le dame del Pollaiolo. Quei ritratti nuziali che descrivono un’epoca
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

750x1113xPiero-del-Pollaiolo-Ritratto-di-giovane-donna-Berlino-Gemaldegalerie.jpg.pagespeed.ic.hpFE0ie4MW

Le dame del Pollaiolo. Quei ritratti nuziali che descrivono un’epoca

Stile arte inizia, con questo articolo, la collaborazione con Art Post Blog (www.theartpostblog.com), ideato  da Caterina Stringhetta e dedicato all’universo artistico 

di Caterina Stringhetta

Riunite per la prima volta le quattro Dame del Pollaiolo presso la casa-museo di Gian Giacomo Poldi Pezzoli e che vanta nella sua collezione proprio una delle Dame, considerato fra i maggiori capolavori della seconda metà del Quattrocento.

Protagonisti della mostra sono proprio i quattro ritratti femminili, riferibili ad Antonio e Piero del Pollaiolo, riuniti per la prima volta uno accanto all’altro e che offrono l’occasione per ammirare altre straordinarie opere della grande e celebre bottega di questi artisti fiorentini.

QUI LA SCHEDA DELLA MOSTRA

Antonio e Piero di Jacopo Benci, detti del Pollaiolo perché il padre era un venditore di polli nel mercato vecchio di Firenze, furono tra i maggiori protagonisti del Rinascimento fiorentino del XV secolo.
Antonio del Pollaiolo (1431/1432 – 1498) fu soprattutto un orafo, ma si distinse anche come incisore, pittore e sculture dimostrando grande versatilità tecnica. Il fratello Piero (1441/1442 – ante 1496) invece fu un pittore e realizzò numerosi dipinti per committenze pubbliche private.
La mostra intende ripercorrere la storia della fortuna artistica dei fratelli fiorentini e prende come punto di partenza il simbolo del Museo Poldi Pezzoli: il “Ritratto di giovane donna” di Piero del Pollaiolo, eletto ad effige della casa museo dai milanesi stessi e considerato uno dei maggiori capolavori della ritrattistica della seconda metà del ‘400.

750x588xDame-Pollaiolo.jpg.pagespeed.ic.JgvUqIUW1X

I dipinti delle quattro dame, appartengono probabilmente al genere del “ritratto nuziale” e sono un mezzo per conoscere la società di fine Medioevo, resa possibile proprio grazie alla bravura del Pollaiolo nel restituire la bellezza e la preziosità degli oggetti raffigurati. Questi, infatti, non erano mai di pura invenzione, ma venivano appositamente realizzati da artigiani, magari nella bottega dei Pollaiolo, e poi riprodotti nei dipinti.
I ritratti delle quattro dame raffigurano quindi un campionario delle capacità tecniche e del gusto raffinato custodito nelle botteghe del Rinascimento, non da ultime quelle dei fratelli Pollaiolo.

750x615xPiero-del-Pollaiolo-San-Michele-Arcangelo-e-il-drago.jpg.pagespeed.ic.SAflTXhs6m

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica