Home / Pittura antica / L’enigma degli Scrovegni
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

L’enigma degli Scrovegni

di Giovanna Galli

giotto1_1Un evento atteso da tempo. Ha riaperto al pubblico la Cappella degli Scrovegni di Padova, prezioso scrigno di uno dei massimi capolavori della storia dell’arte. Novecento metri quadrati di superficie dipinta, riportati all’originario splendore, ospitano le scene, i colori, i personaggi e le invenzioni di un pittore che nel XIV secolo è portavoce di una sensibilità incredibilmente moderna. La perfetta restituzione di ogni sequenza dell’affresco, lo svela inserito in una narrazione dal ritmo quasi teatrale, costruita con un naturalismo frutto di un studio attento, meticoloso, quasi maniacale, della realtà. Lo straordinario intervento di recupero, avvenuto in soli otto mesi grazie all’impegno di cinquanta restauratori diciotto imprese, ha riportato alla luce una serie di particolari che illustrano in maniera indiscutibile la grandezza di Giotto, non legata soltanto al suo genio estetico, ma anche ai molteplici interessi verso quelle discipline “accessorie”, come la fisica e l’ottica, la filosofia e la teologia, forse una fisiognomica ante-litteram, grazie alle quali egli non lascia al caso nessun elemento di un lavoro la cui portata pittorica, simbolica e contenutistica assume un eccezionale rilievo. La conclusione del restauro consente e consentirà, com’è ovvio, a molti studiosi di riconsiderare le proprie teorie in base ai nuovi elementi emersi.


Per esempio, secondo Bruno Zanardi acquistano ora nuova luce alcune delle più controverse questioni giottesche, ad esempio quella dell’attribuzione al maestro fiorentino delle storie di San Francesco nella Basilica superiore di Assisi (realizzate circa un decennio prima), che apparirebbero veramente molto distanti, per tecnica di esecuzione e stile, dal ciclo padovano. Da notare, invece, secondo lo studioso, la conferma del rapporto diretto che lega le scene della cappella a quelle degli affreschi della Basilica inferiore di Assisi – questi di attribuzione certa a Giotto -, rapporto che si manifesta in più occasioni con un’identità quasi fotografica in molte parti dei due cicli. Sempre secondo Zanardi, poi, viene riproposto il problema di come vada intesa l’autografia in opere che coinvolgevano più maestri, ognuno titolare di una propria “specializzazione”. Fondamentale è naturalmente l’individuazione della “mente” del disegno generale del progetto pittorico, di colui – in questo caso Giotto – che rende possibile il raggiungimento di una “qualità standard” di pittura; ma anche la possibilità di riconoscere in quali momenti si abbia di fronte la “vera mano di Giotto”. Zanardi suggerisce un esempio, scegliendolo fra molti altri: i quattro apostoli alla destra di Cristo nella mandorla del “Giudizio Universale” appaiono evidentemente dipinti da due diversi artisti: uno ha eseguito la coppia al centro, il secondo quelli laterali. Chi, fra i due, è Giotto? Un giorno, forse, qualcuno saprà sciogliere i nodi di questa e delle altre annose questioni che circondano l’opera del genio fiorentino; oggi, certamente, tutti noi possiamo godere lo splendore del suo capolavoro restituito.

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Architettura – Quando furono inventati vetri e vetrate per le finestre?

Sai perchè Babbo Natale porta i doni? Chi è? Da cosa deriva? Le testimonianze della pittura