Home / Arte contemporanea / Maria Lai – Ricucire il mondo, il filo d’Arianna e di Penelope
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Maria Lai – Ricucire il mondo, il filo d’Arianna e di Penelope

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995 

MA

Maria Lai, il mare ha bisogno di fichi, 1996, stoffa e filo, 25,5x17,5x3,5cm, foto: pierluigi dessì/confini visiv

Maria Lai, Il mare ha bisogno di fichi, 1996, stoffa e filo, 25,5×17,5×3,5cm, foto: pierluigi dessì/confini visivi

RIA LAI. Ricucire il mondo

Sedi Varie
Dal 10 luglio al 2 novembre 2014

Palazzo di Città – Cagliari
Dagli anni Quaranta agli anni Ottanta
10.07 – 2.11.2014

Museo MAN – Nuoro
Dagli anni Ottanta al Duemila
11.07 – 12.10.2014

Ulassai (OG)
Una stazione per l’arte
12.07 – 2.11.2014

Con un progetto speciale di Claudia Losi e Antonio Marras

“Ricucire il mondo” è un progetto espositivo dei Musei Civici di Cagliari e del Museo MAN di Nuoro dedicato a Maria Lai (1919-2013), una delle figure femminili più importanti e affascinanti della storia dell’arte italiana della seconda metà del Novecento. L’esposizione, realizzata grazie al contributo della Fondazione Banco di Sardegna, propone un percorso cronologico e tematico strutturato in tre diverse sedi: il Palazzo di Città di Cagliari, il Museo MAN di Nuoro, il paese di Ulassai. Con più di trecento opere provenienti da raccolte sia pubbliche sia private, oltre che dalla collezione della famiglia, Ricucire il mondo è la prima retrospettiva completa dedicata all’artista.

Maria Lai è nata ad Ulassai il 27 settembre 1919.
Per la sua salute cagionevole viene affidata fin dall’infanzia a degli zii che vivono in campagna, rinviando il suo inserimento nella scuola e permettendole di prolungare il tempo della libertà. In campagna il suo gioco preferito diventa scarabocchiare i muri della sua stanza. Inventando storie cresce felice, ma la solitudine dell’infanzia le riserva un impatto difficile col mondo esterno, che avverrà quando, a nove anni, trasferita a Cagliari, inizia a frequentare la scuola pubblica.

Maria Lai 2011, foto: gianluca vassallo

Maria Lai, 2011, foto: gianluca vassallo

Adolescente conosce lo scrittore Salvatore Cambosu, suo professore d’Italiano, con cui impara a leggere e ad amare la poesia.
A quindici anni riesce a convincere la famiglia a mandarla a lezione da Francesco Ciusa e successivamente dal pittore futurista Gerardo Dottori presente a Cagliari per un breve periodo.
Nel 1940 lascia la Sardegna per iscriversi al Liceo Artistico. Determinanti per la sua formazione diventano prima l’incontro con Marino Mazzacurati a Roma, e poi quello con Arturo Martini e Alberto Viani conosciuti al Corso di Scultura dell’Accademia di Belle Arti di Venezia frequentato dal 1943 al 1945.

Dopo la guerra, tornata in Sardegna, ritrova Salvatore Cambosu con cui intrattiene una intensa amicizia, che le sarà di sostegno in uno dei momenti più critici del suo lavoro. Con Cambosu, tra il 1946 e il 1954 raccoglie energie e fiducia per riprendere il suo cammino e rientrare a Roma. Ciò che Martini sembrava averle spento, con la sua sfiducia nella scultura contemporanea, comincia ora a rinascere. È negli anni Cinquanta, nel contesto dei nuovi fermenti che disorientano il mondo dell’arte, che la lezione di Martini si rivela feconda. Nel 1956, a Roma, ritrova lo scrittore Giuseppe Dessì che sarà suo amico e suo vicino di casa per vent’anni.
Del 1957 è la sua prima mostra romana alla Galleria dell’Obelisco.
Nel 1961 inizia per Maria una profonda crisi poetica ed esistenziale che durerà dieci anni, durante i quali mutano radicalmente i materiali e le tecniche della sua ricerca. Nascono i Pani e i Telai che saranno esposti poi in una sua mostra organizzata da Marcello Venturoni alla Galleria Schneider di Roma nel 1971.
Tra il 1971 e il 1978 la sperimentazione si estende a nuove materie e nuovi linguaggi: libri e tele cucite, pani, terracotte, fino alla partecipazione alla Biennale di Venezia di un progetto multimediale di Mariella Bentivoglio.
I pani, le tele cucite, le scritture fantastiche delle fiabe e gli interventi ambientali di Maria Lai diventano così il punto d’incontro tra la memoria e la fantasia.

Maria Lai: Asfalto, 1974, collage di stoffe e filo, 100x63x4cm, foto: pierluigi dessì/confini visivi

Maria Lai: Asfalto, 1974, collage di stoffe e filo, 100x63x4cm, foto: pierluigi dessì/confini visivi

Cagliari – Palazzo di città (Inaugurazione giovedì 10 luglio ore 19)
Il Palazzo di città di Cagliari ospiterà la prima parte del progetto, a cura di Anna Maria Montaldo, direttrice dei Musei Civici, dedicato alla produzione dell’artista dagli anni Quaranta alla metà degli anni Ottanta del secolo scorso. Il percorso espositivo, articolato in aree tematiche, muove dal cospicuo corpus di disegni, realizzati a penna o matita a partire dai primi anni Quaranta, per arrivare alle tempere dedicate al tema del lavoro femminile, alla produzione ispirata alla tessitura (lavagne, libri cuciti, geografie), fino ai Paesaggi, le Terrecotte, i Pani, i Presepi e i Telai degli anni Settanta, centrali nella produzione dell’artista. La parte cagliaritana della mostra sarà arricchita dalla presentazione di materiale documentario, interviste e filmati d’archivio a ricostruire alcune tra le tappe più significative del percorso creativo dell’artista. Tra questi anche il celebre video della performance collettiva Legarsi alla montagna, realizzata a Ulassai nel 1981, lavoro chiave nello sviluppo dei linguaggi dell’artista, identificato come possibile elemento unificante le tre sedi del progetto.

Maria Lai: Asfalto, 1974, collage di stoffe e filo, 100x63x4cm, foto: pierluigi dessì/confini visivi

Maria Lai, Asfalto, 1974, collage di stoffe e filo, 100x63x4cm, foto: pierluigi dessì/confini visivi

Nuoro – Museo MAN (Inaugurazione venerdì 11 luglio ore 19)
Il MAN di Nuoro ospiterà la seconda parte della mostra, a cura di Barbara Casavecchia e Lorenzo Giusti, direttore del museo, dedicata alla produzione di Maria Lai successiva ai primi Ottanta, un momento di particolare intensità creativa per l’artista, portato avanti in sintonia con gli sviluppi delle coeve ricerche internazionali di ambito performativo, relazionale e pubblico. Oltre a Legarsi alla montagna, la celebre azione collettiva del 1981, in mostra saranno presentati alcuni tra i principali interventi ambientali realizzati successivamente, da La disfatta dei varani (Camerino, 1983) a Essere è Tessere (Aggius, 2008). La mostra ricostruisce le tappe principali di questo percorso tramite opere, materiali documentari, foto e video, intrecciandole alla ricerca svolta da Lai nell’ambito del teatro e della performance. Un altro elemento nodale del percorso espositivo (che comprende alcune importanti serie di lavori, tra cui Lenzuoli, Libri cuciti e d’artista, Geografie e Telai) è la relazione con il mondo dell’infanzia e della didattica, esplorata da Maria Lai tramite la produzione di fiabe, libri, giochi e laboratori, volti a coinvolgere nella riflessione sul potenziale liberatorio dell’arte ogni genere di pubblico, fino dalla più giovane età.

Maria Lai: Libro, 1979, stoffa, carta e filo, 30x24cm, foto: pierluigi dessì/confini visivi

Maria Lai, Libro, 1979, stoffa, carta e filo, 30x24cm, foto: pierluigi dessì/confini visivi

Claudia Losi & Antonio Marras – Come piccole api operaie
Un progetto speciale, frutto di una collaborazione tra l’artista Claudia Losi e lo stilista Antonio Marras, amico e collaboratore di Maria Lai, unisce idealmente le sedi di Cagliari e Nuoro. A Cagliari l’intervento collega la facciata del museo e le vie circostanti con l’interno di una sala al piano terra, dove un’opera di Lai sarà visibile anche durante la notte. A Nuoro, una tessitura di fili metallici partirà dall’esterno del MAN per attraversarne mura e finestre, fino a “legare” alle pareti una galassia di piccoli oggetti (cartoncini d’auguri, grafiche, gioielli, stoffe, ricami), realizzati da Maria Lai nel corso della propria vita e donati ad amici e parenti, ricostruendone il ruolo di artista attiva nella propria comunità, che generosamente condivide e “disperde” la propria opera.

Maria Lai: paesaggio al vento, 1977, collage si stoffe e filo, 81x102x3cm foto: pierluigi dessì/confini visivi

Maria Lai, Paesaggio al vento, 1977, collage si stoffe e filo, 81x102x3cm foto: pierluigi dessì/confini visivi

Ulassai – Una Stazione per l’arte (Inaugurazione sabato 12 luglio ore 11.30)
Terza sede del progetto è il paese di Ulassai, che, in occasione delle mostre di Cagliari e Nuoro, con il coordinamento di Cristiana Giglio, direttore della “Stazione dell’Arte”, presenta due occasioni di visita. La prima coinvolge gli spazi dell’antica stazione ferroviaria, oggi sede del museo dedicato a Maria Lai, dove, per la prima volta dalla sua apertura, avvenuta nel 2006, le sale saranno riallestite secondo il progetto originale, ideato dalla stessa Maria Lai, con uno spazio dedicata alle carte geografiche, uno con gli omaggi ai maestri (Salvatore Cambosu, Giuseppe Dessì, Arturo Martini) ed una ospitante l’installazione Invito a tavola. La seconda occasione di visita riguarda invece gli interventi ambientali nel paese di Ulassai, realizzati a partire dai primi anni Ottanta. Il giorno dell’inaugurazione una navetta collegherà i diversi siti, dando la possibilità al visitatore di muoversi con facilità all’interno di quello che può essere considerato un vero e proprio museo all’aperto, con opere quali La strada delle capre cucite, Il gioco del volo dell’oca, il Telaio soffitto del lavatoio e molti altri. Una nuova segnaletica faciliterà la visita, con percorsi a terra e cartelli illustrativi.

Studio Esseci

***

Museo MAN
via S. Satta 27
- 08100 Nuoro
tel. +39 0784 25 21 10
orari: 10-13 | 15-20 lunedì chiuso

Palazzo di città
Piazza Palazzo, 6, 09124 Cagliari
tel. +39 070 677 6482
orari: 10-21 (giovedì 10-24) lunedì chiuso

Stazione dell’arte
Strada Provinciale 11, 08040 Ulassai (Og)
tel. 39 0782 787 055
orari: 9-20.30 (dal 1 ottobre 9-19)

NEL VIDEO UN VIAGGIO TRA LE OPERE DI MARIA LAI

 

MARIA LAI, IL FILO E IL MITO ANTROPOLOGICO. STOFFA, FILI, LIBRI E CEMENTO

IL VIDEO DELLA PERFORMANCE COLLETTIVA COORDINATA DA MARIA LAI, ULASSAI, 1978

 

 

x

Ti potrebbe interessare

Il critico e curatore Francesco Bonami

Mamma voglio fare l’artista. Come evitare delusioni

L'artista Mario Schifano

Mario Schifano – Giorgio Marconi: “Bello e impossibile, geniale e ingestibile”