Home / Aneddoti sull'arte / Perché il comunista Rivera celebrò con gli affreschi le fabbriche del capitalista Ford?
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Perché il comunista Rivera celebrò con gli affreschi le fabbriche del capitalista Ford?


DIEGO, EDSEL, COMPLEMENTARI CHE SI ATTRAGGONO 

di Stefano Maria Baratti

Il merito dello storico dell’arte tedesco William R. Valentiner (curatore del  Detroit Institute of Arts a partire dal 1924) fu quello di trasformare una mediocre istituzione  in uno dei  più grandi e importanti musei d’arte negli Stati Uniti , durante un periodo caratterizzato dalla precarietà economica della grande depressione,  in seguito al crollo di Wall Street e la successiva crisi  finanziaria che sconvolse l’economia mondiale. Questo ridimensionamento avvenne grazie all’acquisto della “Danza Nuziale” di Pieter Bruegel il Vecchio, un dipinto a olio su tavola datato 1566, unitamente alla creazione del grandioso ciclo di pitture murali intitolato “Detroit Industry” (o “The Man of the Machine”) sulle facciate del museo, opera del pittore muralista messicano Diego Rivera, commissionato dal presidente della commissione municipale per l’arte Edsel Ford, figlio  del barone del settore automobilistico Henry Ford.

detr

Nel 1931, Diego Rivera e la moglie Frida Kahlo si trasferiscono negli Stati Uniti, prima a San Francisco poi a New York, per la realizzazione di numerose opere in cui le tematiche socialiste di Rivera (iscritto al Partito Comunista Messicano nel 1922) provocarono una serie di polemiche, tra le quali il famoso scontro politico con Rockefeller, il suo sponsor  e simbolo del capitalismo americano in persona, per via dell’inclusione di un ritratto di Lenin sul murale del Rockefeller Center di New York intitolato “El Hombre in cruce de caminos”.  Ma quando, nel 1932, Rivera inizia le pitture murali per il Detroit Institute of Art, basate sulla tematica dell’industrializzazione in seno alle tecniche della catena di montaggio introdotte da Henry Ford, e malgrado tale assemblaggio  rappresenti  forti connotazioni di sfruttamento della classe operaia e alienazione della psiche,  Rivera è incantato dalla “meravigliosa sinfonia” delle officine dell’impero industriale di Edson Ford, che a sua volta è incantato dal pittore,  “un vero poeta e artista, uno dei più grandi del mondo”.  Da tale connubio tra l’artista del pueblo e  il capitalista a capo della Ford Motor Company nascono una serie di affreschi frutto di un lavoro collettivo orchestrato da Rivera, prodotto da Ford, al modo delle botteghe del Rinascimento italiano: un esercito di operai intonacatori coprono i muri a mezzanotte, all’alba gli aiutanti tracciano con lo stencil i contorni della  composizione, applicando i primi colori, quindi Rivera sale sulle impalcature per realizzare il disegno definitivo, le ombre e le sfumature.

detr1

 

Le mura dell’istituto d’arte sono presto trasformate in un inno alla creazione umana e della civiltà moderna, dagli strati geologici per l’estrazione e la fabbricazione del ferro,  a tutte le tappe della catena di montaggio, le tecniche di produzione di massa che stabilirono gli standard della produzione industriale  mondiale nella prima metà del XX secolo.


x

Ti potrebbe interessare

a pornopitocchetto

Che fai, ragazza con quella mano? Il Porno-Pitocchetto e dintorni nel Settecento contadino

musei gratis domenica

Musei gratis il 4 dicembre. Qui l’elenco completo Italia. #DomenicalMuseo