Home / News / Primaticcio, chi era il re bolognese di Fontainebleau
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Primaticcio, chi era il re bolognese di Fontainebleau


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI SOPRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

La biografia – Le linee di una vita sublime tra donne, ninfe e dame

Nato a Bologna nel 1504, Francesco Primaticcio lavora in gioventù a Mantova al seguito di Giulio Romano nel cantiere di Palazzo Te. Nel 1532, chiamato dal re di Francia, Francesco I di Valois, giunge alla reggia di Fontainebleau, dove incontra il collega Rosso Fiorentino e inizia con la decorazione delle Camere del re e della regina (vi è rimasto l’affresco con “Venere e Adone”). Attorno al 1535 affresca l’interno della Porta Dorata con storie di Ercole e Onfale. Alla morte di Rosso (1540) assume la direzione generale dei lavori e nel 1544 viene nominato abate di San Martino a Troyes. Nella Galleria di Francesco I, lasciata incompiuta dal Rosso, realizza i due ovali con “Giove e Semele” e “Danae”. Si occupa della Camera della favorita, la duchessa d’Étampes, dei bagni e delle stufe. Nei giardini progetta la Fontana d’Ercole, sormontata dall’Ercole di Michelangelo, e il Padiglione di Pomona. La più grande impresa decorativa, incompiuta, è la Galleria di Ulisse (1541-1570, demolita nel 1739). Dopo la morte del re (1547), continua a lavorare sotto Enrico II, Francesco II e Carlo IX. Negli ultimi anni viene affiancato dal modenese Niccolò dell’Abate che, su suo disegno, affresca la Sala da ballo. Inoltre disegna costumi per mascherate, apparati scenici per feste, dirige la manifattura degli arazzi e cura la fusione dei bronzi (dai calchi fatti eseguire durante i viaggi a Roma); lavora a fianco del Vignola, di Benvenuto Cellini e dell’architetto Sebastiano Serlio. Per Diana di Poitiers, la favorita d’Enrico II, disegna vetrate nel suo castello ad Anet e progetta infine i monumenti funerari dei re, nella basilica di Saint Denis. Muore a Fontainebleau nel 1570.

L’ANALISI CRITICA
INTERVISTA A JADRANKA BENTINI

Stile arte intervista Jadranka Bentini, Commissario per l’Italia della mostra
“Primaticcio (1504-1570). Un Bolognese alla corte di Francia”.

“Penelope racconta a Ulisse le prove subite durante la sua assenza”

“Penelope racconta a Ulisse le prove subite durante la sua assenza”

Come si colloca quest’artista nell’ambito dell’arte del Cinquecento italiano e francese, dato che al suo nome si lega la nota scuola di Fontainebleau? Francesco Primaticcio è senza dubbio figura singolare e “bizzarra”. Trascorre la giovinezza nel cantiere di Giulio Romano in Palazzo Te, assimilando la straordinaria cultura antiquaria del maestro e, attraverso di lui, la lezione di Raffaello e di Mantegna. A ciò si aggiunge presto l’influenza della personalità singolare di Rosso Fiorentino che lo ha preceduto a Fontainebleau; nel 1540, a otto anni dalla morte di Rosso, Primaticcio gli succede in qualità di capo cantiere e autentico responsabile della Reggia; egli può così esprimere al meglio le sue doti di artista eclettico e completo: pittore, scultore, architetto, esperto di arti applicate e di decori effimeri.

“Minerva seduta sulle nuvole, in un’edicola”

“Minerva seduta sulle nuvole, in un’edicola”

In quanto responsabile dell’intero progetto decorativo della Reggia di Fontainebleau, Primaticcio è a capo di una équipe di artigiani esperti. Com’è il suo metodo di lavoro? Quali le sue realizzazioni più importanti? Primaticcio segue tutte le fasi di realizzazione dei lavori alla Reggia, dall’ideazione alla concretizzazione, dirigendo una équipe di artisti esperti in tecniche diversificate. Il suo metodo di lavoro in “équipe” si ispira a quello di Giulio Romano, caporegista di fabbriche di corte, e proprio Palazzo Te è preso a modello da Francesco I in qualità di raffinata dimora principesca e luogo di delizie. Quel gusto manierista, grottesco e bizzarro, viene tuttavia adattato ai più delicati umori francesi. Bisogna ricordare inoltre che in tale impresa Primaticcio non è solo, ma è affiancato da artisti francesi e italiani della levatura dell’architetto Sebastiano Serlio, del pittore modenese Nicolò Dell’Abate e di artisti quali il Vignola e Bagnacavallo Junior. Quanto alla realizzazioni più importanti, la Galleria d’Ulisse è certamente la più significativa (l’impresa pittorica ha una durata di quasi trent’anni e viene lasciata incompiuta a causa della morte dell’autore): un immenso ciclo di affreschi dal soffitto alle pareti, su modello delle Logge Vaticane di Raffaello.

“Giove nelle sembianze di Diana ed Amore sulle nubi”

“Giove nelle sembianze di Diana ed Amore sulle nubi”

I disegni costituiscono il settore più vasto nel corpus delle opere dell’artista. Risultano molto importanti anche come elementi di documentazione e di testimonianza dei suoi interventi a Fontainebleau nelle varie arti… Provenienti per lo più dal Louvre, i disegni, tutti meravigliosi. Documenti preziosissimi riferibili alle varie fasi preparatorie ma anche vere e proprie opere, finite, che assumono un valore pittorico. Risultano anche fonti fondamentali per proiettare virtualmente un’immagine di quei capolavori perduti a causa dei numerosi dissesti subiti dalla Reggia nei secoli.

Francesco Primaticcio, “Il supplizio di Perillo nel toro di bronzo”

Francesco Primaticcio, “Il supplizio di Perillo nel toro di bronzo”

Ci può segnalare infine le opere di Primaticcio in cui è possibile individuare un recupero – o comunque un confronto – con gli stilemi di Giulio Romano e del collega Rosso Fiorentino? Come Giulio Romano, Primaticcio riunisce in sè una gamma di vocazioni artistiche che ne fanno un artista versatile e completo capace di ideare, eseguire e dirigere molti cantieri contemporaneamente. Rispetto all’eccentrico Rosso, è stilisticamente più vicino a quell’erotismo cortese e a quella grazia padana tipica del Parmigianino e della sua lunga eco.

 

“Minerva”

“Minerva”

LE QUOTAZIONI

GRATIS I RISULTATI D’ASTA, LE QUOTAZIONI, LE STIME DI BASE, I RECORD DELLE OPERE – DIPINTI E DISEGNI – SEMPRE AGGIORNATI DI PRIMATICCIO CON FOTOGRAFIE E SCHEDE.DUE LE FONTI DI RILEVAMENTO. PER AVERE UN QUADRO COMPLETO CLICCATE UN LINK, POI L’ALTRO.

www.sothebys.com/it/search-results.html?keyword=primaticcio


www.christies.com/LotFinder/searchresults.aspx?action=search&searchtype=p&searchFrom=auctionresults&entry=%22primaticcio%22

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Giovani donne, fiori, giardini, bambini. I quadri di Courtney Curran. Il video

Beth Moon, le fotografie degli alberi monumentali più vecchi del mondo. Il video