Home / News / Ascolta. “Ricordi sbocciavan le viole…” – La musica di De Andrè fu scritta 200 anni prima da Telemann
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Ascolta. “Ricordi sbocciavan le viole…” – La musica di De Andrè fu scritta 200 anni prima da Telemann


fabrizio copertina

Uno dei brani più intensi firmati da De André, “La canzone dell’amore perduto” (1966) trae una profonda e sorprendente ispirazione musicale nell’Adagio del “Concerto in Re maggiore per tromba, archi e continuo” di Georg Philipp Telemann (Magdeburgo, 14 marzo 1681 – Amburgo, 25 giugno 1767). De Andrè recupera ampiamente la linea melodica di Telemann, mantenendo la presenza della tromba e sfrondando l’apparato decorativo del musicista settecentesco. La “Canzone dell’amore perduto” costituisce una cesura rispetto alle ballate caustiche e ironiche che avevano caratterizzato la produzione del cantautore ligure, aprendo una nuova prospettiva e presentandosi come un punto nodale della canzone italiana. Il crepuscolarismo del testo associato al malinconico e dolce segmento della musica alla qualche De Andrè ha tolto l’elemento rocaille, porta a un basico e struggente senso della vanitas del tutto che assume un singolare sapore medievale. Si dice che il cantautore abbia trasposto nelle parole e nel recupero di questa melodia il dolore per la fine della storia d’amore con la moglie. Il pubblico ha amato profondamente questo brano, condividendo la predilezione dimostrata dalla stesso De Andrè che lo inserì nel 33 giri “Nuvole barocche” (1969), in “Canzoni” (1974) e le doppio album “Concerti 1991”.

ASCOLTA E CONFRONTA LE DUE MELODIE

“LA CANZONE DELL’AMORE PERDUTO” DI FABRIZIO DE ANDRE

 

 

ADAGIO DEL CONCERTO IN RE MAGGIORE PER TROMBA, ARCHI E CONTINUO DI TELEMANN

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica