Home / News / Sapete quanto vale un bronzetto nuragico sardo di 2700 anni fa?
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Sapete quanto vale un bronzetto nuragico sardo di 2700 anni fa?


bronzetto completo

bronzetto copertina
PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI SOPRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Singolari le quotazioni nel mondo dell’arte. Assistiamo infatti a un deprezzamento dell’antico, a favore delle realizzazioni più recenti legate ad autori che, come Giacometti, si ispirarono ad un arte che, tra Etruria e cultura sarda, fornì le fonti di ispirazione. Ma se le quotazioni di Giacometti sono statosferiche, oggetti d’arte antichissimi di splendida fattura, vengono venduti al prezzo medio di una conforevole automobile. E’ il caso di un arciere nuragico,prodotto, com’è evidente, da un artigiano-artista sardo,nel settimo ottavo secolo prima della nascita di Cristo che sarà posto all’asta, da Christie’s, nella sede newyorkese, il 9 dicembre, a un range valuntativo compreso tra i 25mila e i 35mila dollari. E la valutazione è cresciuta, negli ultimi anni. Perchè questi splendidi lavori potevano essere acquistati,tempo fa, a partire da base più mnodeste, fissate tra i 5 e i 6 mila dollari.

LA SCHEDA DEL BRONZETTO
bronzetto completo
STATUETTA DI ARCIERE SARDO
BRONZO
periodo nuragico, CIRCA 8 °-7 ° secolo aC

6 5/8 in. (16,8 cm.) di altezza
Provenienza: collezione texana


Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica