Home / News / Sculture al microscopio. L’incredibile arte miniaturista di Willard Wigan
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

willard-wigan-large

Sculture al microscopio. L’incredibile arte miniaturista di Willard Wigan


 di Federico Bernardelli Curuz

ww_aboutE’ più facile che un cammello passi dalla cruna di un ago…. Ecco l’ultima novità artistica per un arte contemporanea alla ricerca della provocazione e di situazioni estreme. Qui Willard Wigan gioca addirittura con una parabola biblica facendo entrare nella cruna dell’ago ben 9 microsculture di cammelli… “Tutto è iniziato quando avevo cinque anni”, dice Willard. “Ho iniziato a fare le case per le formiche, perché ho pensato che serviva loro un posto dove vivere. Poi ho fatto loro scarpe e cappelli. Era un mondo di fantasia di fuga dalla realtà. È così che è iniziata la mia carriera di micro-scultore.”

Bisturi, strumenti d’alta precisione e un microscopio divengono così martello e scalpello per l’artista, nato nel giugno 1957 a Birmingham, chicchi di riso, cristalli di zucchero e granelli di sabbia sostituiscono il marmo e il granito. Creando così le sculture più piccole al mondo. Per la realizzazione di tali opere Willard entra in uno stato meditativo in cui il suo battito cardiaco è rallentato, permettendogli di ridurre i tremori alle mani e  di scolpire tra i battiti del polso. Anche i disturbi derivanti dal traffico esterno possono influenzare il lavoro di Willard. Di conseguenza, egli lavora spesso per tutta la notte, quando non vi è il minimo rumore.

Tra i vari premi ricevuti il più importante è sicuramente il riconoscimento per i suoi servizi nell’arte che Willard Wigan ha ricevuto nel 2007  dal Principe Carlo d’Inghilterra a nome della Regina Elisabetta II.

Nomi di spicco tra i proprietari delle sue opere:  il principe Carlo d’Inghilterra, Sir Elton John, Sir Philip Green, Lord Bath, Mike Tyson e Simon Cowell per citarne solo alcuni.

Qui Willard Wigan all’opera:

 


x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista