Home / News / Sebastiano Del Piombo nel ritratto del diplomatico celebra la propria abilità di destreggiarsi fra arte e pubblici doveri
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

14sebaape

Sebastiano Del Piombo nel ritratto del diplomatico celebra la propria abilità di destreggiarsi fra arte e pubblici doveri


Di piombo era il sigillo pontificale sugli atti emanati dalla curia che Sebastiano, facendo parte del clero minore, fu incaricato di apporre dopo il 1531. A questo aspetto, che mal si sposa con la creatività propria di un artista, si vincolano gli altrettanto numerosi dubbi inerenti la sua vita e le sue opere.

Ad avvalorare il fatto che fosse un grande pittore – sebbene mai riconosciuto appieno quale genio del Rinascimento al pari di Raffaello, Michelangelo o Tiziano – stanno numerose opere che ne dimostrano il talento eclettico e capacissimo di generare mistero. Una di queste è il ritratto del diplomatico Ferry Carondelet, in cui l’abilità del Luciani si lega al suo saper generare dramma attraverso l’azione, la storia personale, i simboli e i dettagli.

NOSCE OPORTUNITATEM è la scritta, inserita nella trabeazione, che suggerisce la sagacia nel discernere il giusto momento, destreggiandosi tra la cancelleria imperiale e la curia pontificia. Ma pure -autobiograficamente – tra l’essere artista e piombatore al tempo stesso. Indagando gli scandagli della psiche individuale, fantasie e dati reali, Sebastiano approda a verità anche morali.

Sebastiano del Piombo,  Ritratto di Ferry Carondelet, 1511

Sebastiano del Piombo,
Ritratto di Ferry Carondelet, 1511

 

x

Ti potrebbe interessare

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica

a gibbs copertina

Ciao, buona fortuna e buona giornata a tutti