Home / News / Sebiana Trigila
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Sebiana Trigila



PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Sebiana Trigila, finalista al premio Nocivelli 2014, analizza l’opera presentata alla giuria

premio nocivelli

“S_o_ svanisci ora” è la metafora di un Io sospeso, in una dimensione senza spazio e tempo. Svanire è l’unico modo per trovare sollievo. Uno scatto nato da un momento di profondo vuoto interiore, dal desiderio di svanire e far svanire ciò che ha lasciato vuoto l’animo. Il soggetto, volutamente fuori fuoco, si allontana gradualmente dal centro. Lentamente, assorbito dal nero, svanisce.


Breve Biografia
Sebiana Trigila nasce a Ragusa nel 1991. Diplomatasi al Liceo Artistico Platone di Palazzolo A., continua i suoi studi all’Accademia di Belle Arti di Catania, dove si laurea con il massimo dei voti nel 2014. La sua ricerca artistica è volta al sentire interiore proprio e delle persone ritratte. Nonostante l’inquietudine e la sofferenza dei suoi personaggi, non rinuncia ad una rappresentazione formale pacata ed equilibrata. Quasi a voler sottolineare, nelle forme come nei colori, la natura duale dell’universo. Espone a Catania, Firenze, Brescia e Barcellona (Spagna). Vive e studia a Catania.

PARTECIPA AL PREMIO NOCIVELLI 2015 PER VALORIZZARE LA TUA OPERA. PER ENTRARE IN CONTATTO CON GIURATI, CRITICI INTERNAZIONALI, COLLEZIONISTI E PER PORRE AL CENTRO DELL’ATTENZIONE DEI MEDIA SPECIALIZZATI, ATTRAVERSO SERVIZI CRITICI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO, IL TUO LAVORO. IMPORTANTI E DI RILIEVO I PREMI PREVISTI, CLICCA SUL LINK QUI SOTTO PER RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI

www.premionocivelli.it/home.pag

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico