Home / Pittura antica / Sei secoli di pittura europea All’Accademia Carrara di Bergamo centododici capolavori della collezione Rau, da Beato Angelico a Renoir e Morandi
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Sei secoli di pittura europea All’Accademia Carrara di Bergamo centododici capolavori della collezione Rau, da Beato Angelico a Renoir e Morandi

rau051Marco Buscarino per “Stile” intervista Francesco Rossi, curatore della mostra “La collezione Rau” aperta all’Accademia Carrara di Bergamo.

Al di là degli elevati valori pittorici rappresentati dalla collezione, possiamo individuare in questa mostra un percorso sintetico, un viaggio nella storia dell’arte che permette in sintesi al visitatore di distinguere le scuole nazionali, i reciproci influssi, la nascita del moderno….
La collezione di Gustav Rau è una raccolta molto particolare, in quanto riflette l’ideale di tutti i grandi collezionisti, che è quello di costruire una sorta di storia dell’arte per capolavori. Detto ciò, bisogna anche tenere presente che la mostra offre una selezione di opere, centododici, sulle circa seicento complessive. Rau è stato un collezionista somigliante più ai suoi omologhi dell’Ottocento che agli attuali. Normalmente il collezionista contemporaneo agisce su due direzioni ben precise: o acquista importanti raccolte già formate (pensiamo alla collezione Thyssen, il cui nucleo fondamentale è costituito da raccolte che furono rilevate in blocco), oppure tende alla specializzazione, cioè isola un periodo della storia dell’arte e lo approfondisce. Per Rau non è stato così. Egli si è mosso individuando le singole opere e acquisendole una per una, quindi condizionando le scelte in base alla propria mentalità. Ci sono quindi, da un lato la volontà di tipo storico di rappresentare l’intero percorso dell’arte, e dall’altro una dimensione estremamente personale. Infine, bisogna tenere conto anche delle circostanze in cui si è formata la raccolta. Infatti Rau negli ultimi quarant’anni ha operato prevalentemente in Africa come medico e come responsabile delle sue Fondazioni, dei suoi ospedali, quindi senza occuparsi stabilmente del mercato. Da quanto ho potuto ricostruire, egli si teneva informato sostanzialmente per corrispondenza: gli mandavano i cataloghi d’arte e d’asta e, in Europa o in America, egli individuava i pezzi di suo interesse.
E come avveniva l’acquisizione?
Faceva dei blitz di pochi giorni. Andava per esempio una settimana a New York, dove aveva prenotato una serie di opere: se queste gli piacevano, le acquistava. Essendo persona con mezzi sconfinati, godeva certo di un trattamento di favore.
Possiamo definirlo un grande conoscitore d’arte?
Senz’altro. Le sue acquisizioni venivano alternate da lunghissimi momenti di meditazione. Quindi le scelte maturavano in un percorso abbastanza complesso. Di ciò va tenuto conto per capire la mostra: dove, peraltro, non tutte le scuole sono rappresentate. Ci sono dei vuoti, che può darsi siano dovuti all’indisponibilità di opere sul mercato, ma che, più probabilmente, riflettono proprio i suoi interessi personali. Ad esempio, nella raccolta non c’è niente del Manierismo toscano o romano; tutta la cultura del Cinquecento maturo è ignorata; ora, non è possibile pensare che in quarant’anni non gli sia mai capitato un pezzo significativo di quel periodo, anche perché negli anni Sessanta e Settanta tali opere circolavano, erano di eccelso valore ed avevano prezzi abbordabili. Se Rau non le ha acquistate, significa che lo ha fatto per una scelta precisa. Pensiamo, ancora, ad epoche a noi più vicine. E’ curioso che vengano rappresentati tutti i grandi momenti della cultura europea dell’inizio del nostro secolo, dai Fauve agli Espressionisti ai Simbolisti, e che non ci sia nulla del Cubismo. Non è immaginabile che Rau non fosse in grado di trovare dipinti di tale ambito; evidentemente aveva deciso di non selezionare i movimenti di punta. Non voglio pensare che li ignorasse: secondo me era proprio una forma di rifiuto, perché l’opera d’arte, per lui, aveva altri significati. Credo fosse per lui una sorta di ultimo, residuo legame con la cultura occidentale. Dopo la “mutazione genetica”, per cui si era recato a fare il medico in Africa, l’arte aveva assunto il valore di legame con la cultura d’origine. E allora, per Rau era importante ciò che si collegava alla cultura occidentale, non ciò che la negava. Ecco che il cubismo, molto più vicino alla cultura africana degli altri movimenti dell’arte moderna, non gli interessava, proprio perché meno riferibile alla tradizione dell’Occidente. Da qui l’“asistematicità” che c’è nella raccolta, e che viene riscattata proprio dalla qualità. Va sottolineata ancora una peculiarità della raccolta stessa. Alcuni artisti vengono colti in “contraddizione”, rappresentati in un modo originale: penso allo straordinario ritratto di Fragonard, proiettato in una dimensione completamente nuova che sembra anticipare Delacroix ed il clima romantico. O al piccolo quadro di Luini, che appartiene ad un certo tipo di cultura leonardesca, ma individuato proprio nel momento di “contraddizione” in cui Luini riesce ancora a tenersi fuori dalla sua dimensione “popolare” e apparire come un autorevole intellettuale che riflette su Leonardo. Cosa che Luini fa di rado.

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Paolo Veronese, il pittore della bellezza sovrumana. Il video, le quotazioni

Architettura – Quando furono inventati vetri e vetrate per le finestre?