Home / Pittura del Nocevento / Spad, il pittore che ingelosì Picasso
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Alberto Spadolini, Coreografia per l’Arena di Verona

Spad, il pittore che ingelosì Picasso


Alberto Spadolini

Alberto Spadolini

Coperta dalla coltre del tempo, l’esistenza del marchigiano Alberto Spadolini, danzatore, coreografo, attore, regista, cantante, scrittore e pittore, pareva destinata a restare un ricordo lontano, custodito da quei pochi intimi che, a trent’anni dalla morte, ancora posavano fiori freschi sulla sua tomba parigina.
Almeno fino al giorno in cui un suo nipote, Marco Travaglini, frugando nella polverosa soffitta della casa di Fermo, si è imbattuto in frammenti di giornale, fotografie, locandine, dipinti, spartiti, che riportavano alla luce lembi confusi della vita di uno degli artisti più eclettici del Novecento.
Documenti che citano personaggi illustri, da D’Annunzio a Picasso, da Renoir a Cocteau, e che forniscono un’infinita serie di aneddoti poi confluiti nella biografia Bolero-Spadò. Alberto Spadolini, una vita di tutti i colori, scritta dallo stesso Travaglini.
Spadolini nasce nel dicembre del 1907 ad Ancona. E’ ancora bambino quando apprende i primi rudimenti della pittura dal conterraneo Baldinelli. Negli anni ’20 si trasferisce a Roma, dove lavora come aiuto-scenografo al Teatro degli Indipendenti di Anton Giulio Bragaglia. Frequenta De Chirico, Prampolini, Marinetti, Pirandello, fino agli inizi degli anni Trenta, quando, dopo la chiusura del teatro per volere di Mussolini, decide di lasciare l’Italia per Parigi.
Grazie alle lettere di presentazione di D’Annunzio, Alberto riesce ad ottenere il posto di coreografo nell’atelier di Paul Colin. E’ proprio qui che, impegnato ad allestire uno spettacolo, Spadolini, sporco di vernice e madido di sudore, improvvisa una danza sulle note della seconda rapsodia di Liszt che lascia basiti i musicisti e i tecnici presenti. I passi furiosi, selvaggi, quasi animaleschi, e il fisico da statua greca, rivelano un talento istintivo, primordiale; un lirismo coreico prepotente e spontaneo.
La sua ascesa è fulminea: balla al Casinò de Paris, al Metropolitan e allo Ziegfelds di New York; indimenticata resta la sua interpretazione del Bolero di Ravel. Gli ammiratori non si contano: estasiata dal suo fascino, Marlene Dietrich gli sussurra: “Spadolini, se fossi stata una ballerina è voi che avrei scelto come partner”; Paul Valéry lo definisce “mitologico, mitico e faunesco”; secondo Max Jacob, il marchigiano “concretizza la visione del poeta”.
Fervida e tempestosa è pure la sua vita amorosa: Catherine Hessling, modella di Pierre-Auguste Renoir e moglie del figlio di questi, il regista Jean, lascia il marito per fuggire con lui – una liason dangereuse che si concluderà quando i due decideranno di esibirsi insieme e Alberto mal tollererà gli applausi scroscianti tributati alla sua amante -; Dora Marr, storica compagna di Picasso, se ne invaghisce e gli chiede di posare seminudo per il suo obiettivo, provocando l’ira del gelosissimo Pablo, che le sottrae la macchina fotografica.

Alberto Spadolini, Etoiles de l'Opera

Alberto Spadolini, Etoiles de l’Opera

La relazione più passionale, impetuosa e travolgente è però quella tra Spadolini e Joséphine Baker: un amore prima cementato e poi distrutto dalla danza.
I due ballano insieme per qualche tempo. Il loro sodalizio sentimentale e professionale si interrompe bruscamente al termine di una performance al Prince Edward Theatre di Londra: il pubblico fischia Joséphine, mentre riserva ad Alberto un fragoroso battimani.
Il narcisismo della Venere nera non può tollerare tanto: è un amico del Nostro, Alex Wolfson, a rammentare la scenata della donna e la successiva reazione, tanto iperbolica da apparire esilarante, di Spadò: “Lui tornò a casa e si chiuse nel suo studio. Quando riuscii a entrare, la stanza era un campo di battaglia: dischi fracassati, libri strappati, portafotografie in frantumi… Riuscii a salvare solo un’immagine in cui Alberto e Joséphine danzano Hawaii al Casinò de Paris. Dopo aver sforbiciato la testa della Baker me la diede come souvenir”.

Non appena sulla sua carriera di ballerino cala il sipario, Spadolini si dedica alla passione primitiva, la pittura: i quadri che esegue, visioni oniriche intrise di cromie dense e cangianti, scaturiscono da ricordi autobiografici fondati, come sosteneva Jean Cocteau, sulla “trasmigrazione dell’anima nella danza”.“Spadò danza i suoi sogni. I suoi sogni di pittore”, commenta Max Jacob. La tela accoglie l’espressione di un animo romantico, di un universo esistenziale fatto di istintività e di poesia, ma anche di un personale e mai sopito conflitto tra l’uomo e l’artista, incarnato dalla frequente rappresentazione di una maschera.
Il lato più privato del Nostro può emergere solo quando egli raffigura la sua terra: le vedute marchigiane, dai colori caldi e rassicuranti, sono forse la nota più intima e malinconica, lontana anni luce dallo sfavillio effimero dei fasti parigini.



Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Schad: Il ritratto “romano” dell’amante, Fornarina del Ventesimo secolo

Giacomo Balla fu nauseato dal Futurismo. E tornò alla pittura figurativa. Eccola