Home / Fotografia / Herbert List. Le immagini magico-poetiche nella fotografia. Il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

list ape

Herbert List. Le immagini magico-poetiche nella fotografia. Il video

Entrato nell’Agenzia Magnum Photos negli anni cinquanta su sollecitazione dell’amico Robert Capa, List ha saputo combinare la passione per gli studi classici e una sensibilità lirica a un’estetica quasi surrealista, riuscendo ad afferrare la magia di certi momenti in istanti perfetti.



 

La Corna - The proud Father, Trastevere, Rome, Italy, 1951 © Herbert List / Magnum Photos

La Corna – The proud Father, Trastevere, Rome, Italy, 1951
© Herbert List / Magnum Photos



Attraverso più di 120 opere, con una mostra allestita a Milano, alle Stelline fotografiche è stato possibile seguire l’intera ricerca dell’artista tedesco, presentando capolavori di fama internazionale accanto ad opere meno note, offrendo una panoramica di tutto il suo sfaccettato lavoro, in cui si è confrontato con quasi ogni genere fotografico: architettura, still-life, street photography, ritratto, documentazione e catalogazione, sfumandone i confini.

 

Goldfish bowl, Santorini Island, Cyclades, Greece, 1937 © Herbert List / Magnum Photos

Goldfish bowl, Santorini Island, Cyclades, Greece, 1937
© Herbert List / Magnum Photos

Dagli enigmatici scatti notturni, attraverso composizioni surreali e cupe, alla abbagliante luce del Mediterraneo che si riflette sui corpi di giovani uomini e sulle rovine dell’antica Grecia, proseguendo attraverso i ritratti di celebri artisti del XX secolo – come Berard, Cocteau, Honnegger, Morandi e Picasso – per giungere alle opere degli anni ’50 e ’60,  dichiarazione d’amore di List per l’Italia e celebrazione dell’eterna bellezza della vita.

x

Ti potrebbe interessare

a merda

Perchè non ci facciamo un regalo dadaista? A 6 euro la Merda di Natale (che non offende nessuno)

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più