Home / Tag Archivi: educazione all’immagine

Tag Archivi: educazione all’immagine

Un aereo che vola sul foglio. Ecco il trucco per questa splendida illusione ottica

La prospettiva e la rappresentazione della realtà, in pittura, secondo un'aderenza al reale, svilupparono, nel tempo l'elaborazione di divertenti inganni ottici. Oggi li percepiamo come tali, ma un tempo essi erano finalizzati, ad esempio, a rendere più ampie e grandiose le chiese o a conferire, prima dell'avvento della fotografia, una verità rappresentativa altrimenti impossibile. Un inganno ottico per rendere più acuta e veritiera la realtà raffigurata. Come per questo aeroplano. Un semplice disegno, che non solo diventa tridimensionale, ma proietta tra sè e la parte inferiore del foglio un vuoto verticale sorprendente

Leggi Articolo »

Silenzio, parla il cane. La funzione degli animali domestici nella pittura

Una ricerca di Bernardelli Curuz dedicata alla funzione iconografica degli animali da compagnia dei dipinti mette in luce il ruolo basilare svolto da cani e gatti nella delineazione dell’atmosfera della scena. Gli atteggiamenti delle bestiole anticiparono così il ruolo svolto nel cinema dalle colonne sonore

Leggi Articolo »

Dipingere pesci o granchi, tanti tutorial

La scatola è vera. E' un contenitore di legno. I pittori versano silicone liquido e attendano che asciughi. Iniziano a dipingere i pesci. Versano altro silicone e ridipingono con velature. Alla fine sommergono i pesci dipinti, versando altro liquido, che poi si solidifica. L'effetto è sorprendente. Un tromp-l'oeil

Leggi Articolo »

Come disegnare un finto e profondo buco su un foglio o sull’asfalto

Tra gli effetti illusionistici basilari per le opere di street art vi è un profondo, illusorio buco, dipinto con i gessetti sull'asfalto. Da quella finta cavità profonda, nella quale il pubblico ha l'impressione di poter sprofondare, gli artisti fanno poi emergere personaggi, disegnano instabili ponti o fanno innalare giganteschi animali. Il finto buco crea profondità ed è basilare perchè, anche attraverso questo disegno, è possibile disporre di tre livelli d'altezza, che creano l'effetto tridimensionale

Leggi Articolo »