Home / Mostre in Italia / Teste al Cassero, le sculture di Garbolino Rù a Montevarchi
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Garbolino_Rù_Stallo-__terracotta_2012

Teste al Cassero, le sculture di Garbolino Rù a Montevarchi

I ritratti di Gabriele Garbolino Rù a “Il Cassero per la scultura” di Montevarchi

 

Si intitola “Gabriele Garbolino Rù. Ritratto multiforme” la terza mostra del progetto “Contemporaneamente…al Cassero!” realizzato dal Comune di Montevarchi e finanziato insieme alla Regione Toscana.

Aperta al pubblico dal 21 aprile

 

Il Cassero per la scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento, museo civico unico in Italia che per vocazione è interamente dedicato alla scultura, in via Trieste 1 a Montevarchi (Ar), ospita dal 21 aprile al 2 giugno 2013 la mostra “Gabriele Garbolino Rù. Ritratto multiforme” di Gabriele Garbolino Rù, emergente scultore torinese (nato nel 1974), che si è formato all’Accademia Albertina di Torino. Si tratta del terzo di cinque eventi espositivi del progetto “Contemporaneamente…al Cassero! Suggestioni, poetiche, linguaggi e approfondimenti sulla scultura italiana contemporanea”, realizzato dal Comune di Montevarchi, Assessorato alla Cultura, curato dal direttore scientifico de “Il Cassero” Alfonso Panzetta e finanziato insieme alla Regione Toscana nell’ambito di “Toscanaincontemporanea 2012”.

Garbolino è un’artista che modella la materia con una grande forza e impatto visivo creando opere che spaziano dal bronzo all’alluminio, al piombo e alla ghisa, sondando le potenzialità espressive di metalli meno “praticati” per le oggettive difficoltà di fusione. Ultime in ordine di tempo le sue personali a Modena e Agrigento. Le opere di Garbolino si coniugano con la multimedialità grazie alla collaborazione dell’Associazione MACMA e dell’Associazione Fotoamatori Francesco Mochi, due importanti realtà del territorio. Una giovane fotografa, Bianca Baroni, e un video maker di MACMA hanno il compito di rileggere e interpretare le opere dello scultore arricchendo il catalogo curato da Alfonso Panzetta con un testo di Veronica Becattini. La realizzazione del progetto vede poi la partecipazione dell’Associazione “Amici de Il Cassero per la scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento” per quanto riguarda la logistica e della Cooperativa Itinera C.E.R.T.A. per la segreteria organizzativa e la didattica.

 

La mostra “Gabriele Garbolino Rù Ritratto multiforme” sarà ospitata nelle sale de “Il Cassero per la scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento” in Via Trieste n. 1 a Montevarchi (Ar), dal 21 aprile al 2 giugno 2013 con i seguenti orari: giovedì e venerdì 10 -13; 15 -18, sabato e domenica 10 – 13; 15 – 19, primo giovedì del mese 21.30 – 23.30. Costo del biglietto 3 euro intero, 1 ridotto. Sono in programma due visite didattiche gratuite alla mostra per un massimo di 20 persone, giovedì 2 maggio ore 21.30 e sabato 18 maggio ore 21.30, in occasione della Notte Europea dei Musei. È gradita la prenotazione. Info: tel.0559108274. E-mail: info@ilcasseroperlascultura.it sito web: www.ilcasseroperlascultura.it Il Cassero è anche su Facebook e Youtube.

x

Ti potrebbe interessare

stendhal

Sindrome di Stendhal – Perché si soffre della sindrome di Stendhal?

crocifisso di cividale

Il Crocifisso di Cividale. Da dove viene l’immagine di quel gigante buono?