Home / News / Van Gogh: come per magia i quadri si animano, i personaggi si muovono e l’acqua scorre turbinosa
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Van Gogh: come per magia i quadri si animano, i personaggi si muovono e l’acqua scorre turbinosa


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

L’operazione video di Luca Agnani riscuote un notevole successo. Egli ha preso in considerazione alcuni dipinti di Van Gogh e li ha animati. Bambine che camminano, passanti che transitano sul ponte, la carrozzella nera che passa lenta trainata da un cavallo, l’oscillazione della luce di una candela. E ancora, la camera di Vincent – la celeberrima stanza con il letto giallo, ad Arles – che si illumina progressivamente come se fosse mattina e il sole, espandendosi nel cielo occupasse progressivamente lo spazio dell’edificio. Al di là della curiosità che queste animazione ispirano, il video si presta a interessanti considerazioni sulle scelte del pittore. Se egli avesse bloccato le sue figure più in là il dipinto avrebbe avuto la stessa efficacia? E la sua stanza, all’alba, in controluce, non sarebbe apparsa pi inquietante? Il filmato ci porta a considerare la “messa in scena” – intesa come elemento compositivo – nella sua funzione primaria, all’interno di un quadro. Scegliere un istante piuttosto che il successivo muta il senso del dipinto e gli equilibri.

Un fotogramma del video dell'artista Luca Agnani mostra la Camera di Vincent ad Arles con luci e ombre mutate

Un fotogramma del video dell’artista Luca Agnani mostra la Camera di Vincent ad Arles con luci e ombre mutate

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista