Le ultime

Lo stile degli anni Cinquanta. In 54 foto la storia e il sentimento di un decennio cruciale. Il video

Il decennio degli ani Cinquanta fu caratterizzato dall'emersione dei primi risultati positivi della ricostruzione post-bellica. Non si trattava soltanto di interventi concreti, ma era necessario lasciarsi psicologicamente alle spalle l'incubo nazi-fascista, gli incubi comunisti e mutare il segno di un secolo orribile. Eppure i conflitti procedevano sotto diverse forme, tra le quali, terribile, la guerra fredda e comunque la battaglia senza confini tra comunismo e capitalismo. Le immagini che qui vedremo, nel filmato, dimostrano il perdurare coattivo delle ideologie di masse e, al tempo stesso, l'emersione delle libertà individuali che erano collegate al concetto più cinico del capitalismo aggressivo: l'uomo e la donna devono godere delle minime libertà per divenire consumatori. Libertà minime che l'Unione sovietica pilotava, negli Stati Unii e in Europa, nella forma del dissenso politico

Leggi Articolo »

Dal cranio al volto. Come sono state ricostruite le fattezze di Ramesse II, grande faraone del 1330 a.C.

Ramesse II (nato nel 1303 a.C. - morì in luglio o agosto 1213 a.C.), figlio di Seti I e popolarmente noto come "Ramesse il Grande" fu il terzo faraone della XIX dinastia dell'antico Egitto. Il più potente sovrano del suo tempo, è stato indicato come il "grande antenato" dagli egiziani successivi. Il suo regno durò poco più di 66 anni. La morte avvenne al'età di 90 anni. Ecco, grazie agli studi di anatomia del pittore, come si dovevano disporre le muscolari, la punta del naso, le labbra. Ricostruire il volto di una mummia porta a risultati molto vicini a quelli del volto originario

Leggi Articolo »

Piero della Francesca, cosa stava accanto al suo “Battesimo”? Ecco la ricomposizione corretta del puzzle

Roberto Manescalchi propone una soluzione assolutamente logica e definitiva al pasticciaccio brutto della ricostruzione dell'opera del Maestro toscano - Parte da un dipinto storico ottocentesco di Angelo Tricca nel quale, sul fondo, esiste documentazione iconografica dell'opera quattrocentesca ai tempi in cui era completa - Confuta correttamente le incongruenze notevoli del piano di assemblaggio, compiuto dai colleghi, che avevano unito il dipinto rinascimentale a un polittico gotico - Rimette a posto i tasselli e dà a Piero quel che è di Piero e dà a Matteo di Giovanni le ali incongrue che perfettamente collimano con un modello iconografico della tavola centrale

Leggi Articolo »

Eva Jospin, una grotta incantata realizzata nel bosco con il calco dei cartoni. Un lavoro straordinario. Il video

Jospin è gotica e moderna, rococò e simbolista. L'artista è nota per aver realizzato con il cartone ritagliato splendidi, complessi, enormi quadri tridimensionali di foreste, che ricordano gli intrichi vegetali della pittura gotica - pensiamo a Sant'Eustachio di Pisanello - o , come dice l'autrice i boschi delle fiabe. A Chaumont-sur-Loire - Jospin si è allontanata, per la prima volta, dal suo materiale preferito, il cartone, appunto, per realizzare una grotta, in cemento naturale, che all'esterno cita i mostri di Bomarzo e all'interno irradia la magia delle inglesi grotte di conchiglie, le concrezioni rocaille del Settecento francese e, ancora, anche i castelli infantili di sabbia decorati con materiali di recupero della battigia. Le pareti della grotta sono state realizzate con il calco, in cemento naturale, delle ondulazioni del cartone di vario tipo. Mensole, alto rilievi, cornici ed altri elementi decorativi risultano straordinarie efflorescenze che richiamano le colonne bizantine e le lavorazioni in alabastro. Completano questo luogo mistico valve lasciate nei colori naturali o verniciate d'oro, pietre e filamenti. Sicuramente da vedere

Leggi Articolo »

Michelangelo sul lettino dello psicanalista. I segni della bisessualità

Se nelle rime la passione assume aspetti trasfigurati, nel linguaggio visivo il lessico del Buonarroti si fa molto più “sensoriale”. Ad uscirne confermata è una profonda bisessualità. Graziella Magherini ha indagato i rapporti del genio di Caprese con Tommaso de’ Cavalieri e Vittoria Colonna. Vittoria fu - rispetto a Tommaso - un gigante, di spiccata personalità, e grande consolatrice di Michelangelo in periodi per lui difficilissimi, di acuto pessimismo. Prendiamo ancora i disegni. Se confrontiamo quelli che l’artista donò a Tommaso con quelli regalati a Vittoria (il “Crocifisso” e la “Pietà”), scopriamo che in questi ultimi traspare il dolore della mancata risposta ad un sostegno desiderato e necessario, traspare una richiesta di soccorso accorata e struggente

Leggi Articolo »

Franco Battiato pittore: l’attività artistica, l’intervista, le opere

Stile arte intervista il compositore sulla sua attività pittorica:"Il primo anno fu un anno di sofferenza, di sofferenza pura. Talvolta stavo davanti al cavalletto anche per dieci ore di seguito, e la sera disfacevo tutto, come Penelope. Caparbiamente, da solo, senza mai ricorrere a maestri o manuali. Poi, dopo tanti sforzi e tante delusioni, un bel giorno all’improvviso la figura di un danzatore derviscio si materializzò sulla tela"

Leggi Articolo »

Sirmione e Catullo al centro di Imago, concorso internazionale di fotografia

Presidente di giuria Paolo Pellegrin uno dei più importanti fotoreporter italiani nel mondo e fotografo di fama internazionale. Collabora con testate del calibro di Newsweek e NewYork Times magazine. Tra i membri a cui è affidata la cura e l'organizzazione dell'evento  Antonello Perin, Luigi Brozzi e Giovanni Benedetti . Ricoprono un ruolo fondamentale dove la professionalità della fotografia è una qualità indispensabile. Inoltre, in giuria, Michele Smargiassi, giornalista, autore e curatore del blog “ Fotocrazia” di Repubblica, Diego Orlando, collaboratore di Toscana Photographic Workshop e ideatore di Winephoto contest e Fausto Podavini devoto fotografo di reportage, secondo posto 2018 al World Press Photo Award internazionale. Edoardo Agresti riveste il ruolo di direttore artistico. Meraviglioso ed unico il suo abbraccio alla fotografia

Leggi Articolo »