Archivi giornalieri: 28 marzo 2018

Franco Bocchi, disegni erotici di fuoco e di gioia. Le immagini

Artista di vaglia, Franco Bocchi è anche un notevole disegnatore, dotato di una scioltezza e incisività del tratto assolutamente non comuni. E'questa naturalezza sinuosa del segno a renderlo un ottimo autore di arte erotica. Questo aspetto - che pochi conoscevano - è stato sottolineato nel corso della vasta retrospettiva tenutasi a Chiari, nel Palazzo della cultura - estate 2016 -, nel corso della quale il curatore, Maurizio Bernardelli Curuz, ha chiesto che fosse riservata una sala appositamente allestita, su questo tema e su questa tecnica di convergenza tra disegno e pittura. L'approccio giocoso, pone l'artista a compiere alcune citazioni molto spontanee, quali, ad esempio, al Boldini erotico. [caption id="attachment_54133" align="aligncenter" width="1930"]10 NINFEA Franco Bocchi, Ninfea[/caption]

Leggi Articolo »

Gli autoritratti delle pittrici – Il video

Quasi un gioco. Riconosciamo gli autoritratti delle pittrici che furono profonde interpreti del proprio tempo? Nel filmato di Gygist ne scorrono sessantasette perchè la prima opera è di Guercino, che ritrae una donna che dipinge. Cliccate sul video per fermarlo. E leggete la didascalia qui sotto. Il percorso è molto bello, ma impervio

Leggi Articolo »

Auguste Rodin, il filmato mentre scolpisce nel suo studio

Quello che è veramente particolare e interessante nelle varie scene del filmato è il processo di lavorazione del marmo di Rodin, un close up sulla tecnica e i gesti dello scultore francese. Il filmato si divide in quattro segmenti nei quali l'artista sale e scende le scale di un palazzo monumentale, ispezionando la struttura; Rodin che posa, indossando un cappello, in un giardino; lo scultore che esce dall'abbandonato Hôtel Biron che l'artista usa come studio; e infine Rodin che scolpisce nel suo studio, con in mano scalpello e martello.

Leggi Articolo »

Pietro Torrigiani – Che vita dura, dopo aver rotto il naso a Michelangelo

Se Buonarroti piangeva, peraltro, non rise molto l’irascibile Torrigiani. Che, proprio a ragione dl suo gesto avventato, subì addirittura l’esilio da Firenze. Scultore abilissimo, Torrigiani fu segnato da quel pugno e dall'esilio; al punto che la sua reale grandezza si disperse tra l'Inghilterra e la Spagna dove morì in prigione per aver sfregiato un Cristo da lui stesso modellato; il gesto fu interpretato come un'azione sacrilega e non come una protesta nei confronti dei ritardi di pagamento da parte del committente

Leggi Articolo »

Renoir – Giardini e fiori in pittura, uno splendido video sull’attimo che fugge

Giardini e fiori sono elementi portanti della pittura impressionista, che si colloca sempre nelle dimensione del presente, per scandagliare otticamente la realtà nel suo momento effimero e transitorio. I dati naturali, le essenze arboree, le piante fiorite costituiscono un polifonico banco di prova del colorismo impressionista, per questi artisti che credono nella luce e nella bellezza della natura, da godere in un istante poiché poi muterà e non sarà più quella. Qui presentiamo un viaggio tra fiori e giardini dipinti da Renoir

Leggi Articolo »