Home / 2018 / giugno / 18

Archivi giornalieri: 18 giugno 2018

Pont-Aven, la Bretagna mitica per Gauguin. Com’è oggi, com’era. Cosa vi dipinse e perchè. Il video

Nel luglio del 1886, alla ricerca di un luogo privo degli effetti contaminanti del progresso, Gauguin raggiunge Pont-Aven, un piccolo e suggestivo borgo di 1500 abitanti nel nord della Francia. Pont-Aven - che oggi conta circa 3mila residenti - si trova dipartimento del Finistère nella regione della Bretagna. Dopo il 1870 il villaggio era divenuto punto di riferimento di numerosi artisti, specialmente statunitensi, attirati dalle favorevoli condizioni di vita della zona: ottimi paesaggi, mari, fiumi e colline, una popolazione accogliente e legata all'antico, una cucina ottima, prezzi modestissimi. Il luogo ideale in cui dipingere, tranquilli, incontrando colleghi, la sera. Era il paese dei pittori

Leggi Articolo »

Come Warhol produceva questi ritratti serigrafici. Artista mostra procedura. Il video Tate

La Tate gallery di Londra spiega, attraverso una artista che le realizza davanti alla telecamera, le diverse fasi di realizzazione dei quadri di Warhol, prodotti attraverso il procedimento serigrafico. La serigrafia poneva sempre più l'artista al cospetto dell'integrazione tra un sistema meccanico a produzione multipla e l'apporto nella scelta dei colori. Un lavoro di "tipografia creativa", nella quale Warhol eccelse, trasformandola in linguaggio.E' indubbia l'incisività dei suoi lavori, lo stile particolare che si manifesta sotto il profilo cromatico e nell'uso stesso dei telai di serigrafia. Il filmato è comprensibilissimo perché la parte linguistica - inglese - è limitata alle prime battute del video. Poi si procede con l'azione diretta sul bancone.

Leggi Articolo »

Leonardo Cremonini, il mare delle vacanze. Eros e panico. Perchè si litiga al mare? Le opere. Il video

Leonardo Cremonini (Bologna, 26 novembre 1925 – Parigi, 12 aprile 2010) è stato un pittore e disegnatore italiano che ha massimamente espresso, analizzandolo senza preconcetti, l'inquietudine del corpo che percepisce se stesso e, per questo, ha analizzato con esiti assolutamente straordinari il rapporto tra eros e nudità temporanea autorizzata. Riti di massa e la profonda solitudine indotta dal mare e dall'acqua, che richiede una compensazione sessuale, un'immagine erotica atta a ripagarla. Splendide opere di matrice esistenzialista, collocabili attorno alla nuova figurazione e - seppur con esisti formali diversi - al realismo esistenziale milanese. Hopper, la metafisica e le immagine ferme e inquietanti chiedono all'autore di ripensare a ciò che rivela una vacanza al mare, sotto l'apparente bellezza

Leggi Articolo »