Home / News / A 98 anni muore Guadagnucci, scolpì nuvole di marmo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

A 98 anni muore Guadagnucci, scolpì nuvole di marmo

 

Lo scultore Guadagnucci con una realizzazione floreale di marmo

Lo scultore Guadagnucci con una realizzazione floreale di marmo

Posava contro il cielo terso della toscana, abbracciato a candidi e lievi fiori di marmo. Gigi Guadagnucci, scultore vissuto tra la Francia e la Toscana, si è spento ora, all’età di 98 anni, nella sua casa sulla collina di Castagnetola, dove era nato il 15 aprile 1915, Autodidatta, aveva imparato a lavorare il marmo nei laboratori della zona e, consolidate le basi tecniche e la perfetta conoscenza della materia, era partito per la Francia, con l’idea di affrontare un percorso stilistico di maturazione, nel Paese che, prima delle due guerre, era realtà epicentrica dell’innovazione artistica. 

Fin da bambino, seguendo le orme dei fratelli maggiori, impara a lavorare il marmo, frequentando i laboratori di scultura e maturando cosi una precoce esperienza. Nel 1936 si stabilisce in Francia, a Grenoble, dove mette a frutto quello che ha imparato, dedicandosi alla scultura. Lavora con Gilioli e si dedica, da autodidatta, allo studio della storia dell’arte e al disegno.La guerra interrompe, almeno in parte, la sua formazione artistica. Il servizio prestato nella Legione Straniera e poi l’attività nella Resistenza lo impegnano su un terreno diverso e tuttavia facilitano il suo inserimento nella società francese. Finita la guerra e dopo un breve soggiorno in Italia, durante il quale allestisce comunque, a Firenze, alla Casa di Dante, la sua prima mostra di disegni, ritorna in Francia e si stabilisce, nel 1953, a Parigi.Frequenta la comunità degli artisti e il contatto con gli ambienti culturali più aggiorna-ti favorisce la sua maturazione. La straordinaria manualità e la grande conoscenza della materia si concretizzano tuttavia in una visione artistica e in una concezione: un’idea della scultura che per sottrarsi alla tentazione del-le mode, guarda alla tradizione, all’esempio dei classici.

Quando alla fine degli anni Cinquanta espone per la prima volta le sue sculture, per molti è una felice scoperta. Da lì a poco ottiene così i primi riconoscimenti pubblici e quando, nel 1964, Pierre Courthion gli dedica un magnifico saggio su “XXème Siècle”, esprime un apprezzamento ormai molto diffuso. A partire dagli anni Sessanta la presenza di Guadagnucci alle principali manifestazioni di scultura contemporanea è ormai ricorrente. Le rassegne Jeune Sculpture, Salon de Mal, Comparations, Réalltés Nouvelles, Grands et Jeunes d’aujourd’hui, Art Sacré, Biennale de Menton, Biennale di Carrara, Quadriennale di Roma, lo vedono, in alcuni casi ripetutamente, fra i protagonisti. Nello stesso periodo esegue sculture monumentali in molte città francesi ed in partico-lare a Créteil, Tours, Marseile, Corneil-le-en-Parisis, Cannes, Draveil, Isle-sur–Sorgue, Frévent, Albenville, Thonon-les-Bains, Strasbourg, Bruay-en-Artois, Greno-ble, dove, in occasione dei Giochi Olimpici In-vernali, partecipa al Primo Simposio Francese di Scultura, ed infine a Montecarlo.

Dalla metà degli anni Settanta era tornato a vivere a Massa, vicino alle cave dove sceglieva i marmi per le sue sculture, pur continuando periodicamente a frequentare il suo vecchio studio di Montparnasse.

Fra le sue ultime realizzazioni sono da ricordare le sculture installate nel palazzo del sultano del Brunei, all’Hilton di Tokio, nel Palazzo Ducale ed in quello Comunale a Massa. Con la sensibilità di sempre, attivo e vigoroso nonostante l’età,  ha continuato a scolpire il marmo. Lavorava sia in piccola che grande dimensione prediligendo i marmi statuari che meglio si prestano ad essere svuotati fino ai minimi spessori, fino al-la trasparenza. Negli anni Novanta si era dedicato alla realizzazione di gioielli, veri capolavori dell’arte orafa, che riprendono le grandi opere in marmo: sculture da indossare.

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Attenzione! Quando vedrete in cielo questa luce non sarà un Ufo, ma una scultura. Il lancio. Il video

Erotikon, il film cult del 1929. Perchè viene spesso citato? Cosa racconta? Cosa mostra? Il video