Home / News / Alfonso Rubbiani – Così nacque “La fabbrica dei sogni”
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Alfonso Rubbiani – Così nacque “La fabbrica dei sogni”

 

B1-Y262/18  Abside con la 4a Cappella restaurata (Albergati): 22 novembre 1887

La mostra “La Fabbrica dei sogni. ‘Il bel San Francesco’ di Alfonso Rubbiani” che verrà inaugurata a Bologna oggi, 26 settembre alle 18,  nell’ex chiesa di San Mattia in via Sant’Isaia 14/A è uno degli eventi più significativi delle Celebrazioni per il centenario della morte dell’eclettico personaggio bolognese, avvenuta il 26 settembre 1913. Coordinate dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna e iniziate un anno fa con le visite guidate al Palazzo della Mercanzia, dove Rubbiani operò, le molteplici iniziative distribuite in città ed in provincia sono ormai alla conclusione: restano la mostra “Bologna bella” al Museo della Tappezzeria (fino al 31 dicembre) e gli incontri sull’Aemilia Ars” (fino al 12 novembre) in Palazzo d’Accursio e nella Biblioteca d’Arte e di Storia di San Giorgio in Poggiale. Nel Centenario della morte di Alfonso Rubbiani, la mostra, organizzata dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna e curata da Elisa Baldini, Paola Monari e Giuseppe Virelli, presenta il risultato di una ricerca condotta da studiosi e funzionari su documenti conservati nella Biblioteca del Convento di San Francesco, nell’Archivio della Soprintendenza per i Beni Architettonici e nel Museo MAMbo di Bologna, nell’Archivio Centrale dello Stato, nell’Archivio della Regione Emilia-Romagna e negli Archivi privati dell’ing. Franco Manaresi di Bologna, degli eredi Barbacci di Verona, di Guido Polloni di Firenze.

La-Fabbrica-dei-sogni-cover-oriz

L’esposizione ripercorre quello che fu il più grande impegno di Rubbiani, “il punto di partenza e quello d’arrivo del suo viaggio spirituale”: il restauro della chiesa di San Francesco che egli diresse a partire dal 1886 insieme alla sua Gilda, una compagnia di moderni artieri, cui egli affida i lavori artistici. Sono gli anni della grande trasformazione del Paese e della organizzazione dello Stato postunitario e il lavoro di Rubbiani si svolge nell’ambito di quell’imponente opera di unificazione che vede faticosamente svilupparsi il processo di formazione della legislazione di tutela del patrimonio e della struttura tecnico-amministrativa per la sua conservazione. L’idea, nata dalla conoscenza dei documenti custoditi nella Biblioteca dei Frati Minori Conventuali di San Francesco, si propone di dare la giusta evidenza ai materiali che costituiscono la più sistematica e organica raccolta di carte relativa a uno dei cantieri di Rubbiani e inoltre attesta l’eredità lasciata a chi ha proseguito l’opera dopo di lui. L’evoluzione del gusto e il progressivo definirsi della regolamentazione nel campo del restauro e della conservazione sono documentati, nell’ultima sezione, dagli interventi di ricostruzione diretti dal Soprintendente Alfredo barbacci dopo i bombardamenti subiti dalla chiesa nel 1943 e 1944.

18

L’allestimento è articolato in sezioni contraddistinte da differenti colori che guidano il visitatore, senza vincolarlo in un percorso predefinito. I temi sviluppati sono: Architettura, Vetrate, Cappelle absidali, Arredo e decorazione, San Francesco 1914-1962: dal restauro alla ricostruzione. Il materiale esposto è prevalentemente costituito da documenti cartacei e fotografie, materiali la cui delicatezza ha, in alcuni casi, obbligato a mostrare delle riproduzioni. Un pannello dedicato ad Alfonso Rubbiani introduce il percorso: riporta la trascrizione di una lettera indirizzata a un amico, in cui parlando di sé in terza persona, egli esprime il suo amore per la chiesa di San Francesco e il desiderio di esservi sepolto. Il sogno si avvererà nel 1926, tredici anni dopo la sua morte.

 

“LA FABBRICA DEI SOGNI. ‘IL BEL SAN FRANCESCO’ DI ALFONSO RUBBIANI

ex chiesa di San Mattia, via Sant’Isaia 14/a – Bologna

 

INAUGURAZIONE

Venerdì 26 settembre ore 18.00

 

ORARI

giovedì, venerdì, sabato e domenica: ore 11.00-19.00

VISITE GUIDATE

giovedì: ore 17.30

domenica: ore 11.15

 

INFORMAZIONI

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna

Ufficio Comunicazione

t. 051.4298242-224

dr-ero.comunicazione@beniculturali.it

www.emiliaromagna.beniculturali.it

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Sangue dolcissimo. Santa Caterina da Siena lecca la ferita di Cristo

Apocalissi, cataclismi e fine della Terra secondo Leonardo da Vinci. Nubi e disastro

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp