Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
clicca, a destra, "Mi piace".

Arnaldo Soldini – La vita, le opere, la tecnica e l’analisi critica

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995 

Arnaldo Soldini, Veduta del lago di Garda

Arnaldo Soldini, Veduta del lago di Garda

intervista di Chiara Seghezzi

 

Stile intervista Luciano Anelli

Stavolta parliamo di Arnaldo Soldini, paesaggista bresciano tra i più noti del suo tempo.

Nato nel 1862, Soldini inizia a dipingere a vent’anni. Il periodo d’oro è quello compreso tra il 1883 ed il 1910, anni in cui le sue opere sono più solide e costruite. Arnaldo è un epigono dei grandi veristi dell’Ottocento: è un autore squisito, che però non ha “inventato” nulla.

Dopo il 1910 si assiste ad un progressivo sfaldamento della sua pittura, sempre più “adatta alla clientela”, la quale vuole il piacevole e non accetta il drammatico che talora, invece, appare nei lavori dell’artista: come nella meravigliosa Bufera imminente del 1899, acquistata alla Biennale di Venezia dal Museo Revoltella di Trieste. L’arrivo del temporale è annunciato dalla nebbiolina che discende dalle montagne, dalle nuvole che si disfano e si disperdono e dalle tinte grigie; la linea dell’orizzonte è alta, il cielo, come spesso in Soldini, è assente. Di questo quadro esiste una versione con veduta da sud-est, caratterizzata anch’essa dallo sviluppo della parte inferiore.

Secondo un aneddoto, un mercante d’arte propose un giorno al Nostro di applicare a un dipinto un altro pezzo di tela affinché potesse aggiungervi il cielo: Arnaldo rifiutò. E ciò nonostante egli abbia dato prova in più occasioni di essere perfettamente in grado di dar vita con maestria a cieli di grande effetto, in cui i bianchi trascolorano nei blu.

Dopo il 1931, l’autore bresciano ricerca en plein air in Valtrompia, lungo il Mella e sul lago d’Iseo (in particolare a Montisola) quelle emozioni che non provava più nel chiuso dello studio.

 

Arnaldo Soldini, Il Castello di Brescia

Arnaldo Soldini, Il Castello di Brescia

Torniamo agli esordi. La questione della sua formazione è piuttosto dibattuta.

Già. Alcuni ritengono che egli abbia iniziato da solo realizzando nature morte, altri invece pensano che sia stato allievo di Luigi Campini, il maestro di Filippini e di Lombardi, il quale, vedendolo portato al paesaggio e ad un particolare colorismo, gli avrebbe suggerito di copiare i quadri dello stesso Lombardi.

Un’ipotesi, questa del Soldini imitatore, in contrasto con la sua proverbiale scrupolosità: sappiamo che egli giungeva a rifiutarsi di rivelare agli acquirenti dove si trovasse la località effigiata nel dipinto per timore che essi obiettassero che non era stato abbastanza fedele al vero. Da tale preoccupazione derivano i titoli vaghi delle sue opere: Paesaggio, Pioggia imminente, Dopo il temporale… Io ed altri studiosi abbiamo però identificato molte di quelle località.

Che Lombardi abbia esercitato su di lui una certa influenza è, peraltro, fuor di dubbio. Non dimentichiamo che i due pittori erano intimi amici e si frequentavano con assiduità.

Arnaldo Soldini, Paesaggio con casa

Arnaldo Soldini, Paesaggio con casa

 

Come si relaziona Soldini, vissuto a cavallo tra Otto e Novecento, con il contesto culturale dell’epoca?

Benché dopo il 1910 egli si converta ad una pittura meno costruita rispetto a quella delle origini, sarebbe davvero improprio parlare, per lui, di modernità. Soldini rimane sempre uno splendido ritardatario, che applica fino allo spasimo lo stile, elevato a mezzo espressivo in grado di trasformare in bellezza la banalità e la quotidianità; ed è assolutamente sganciato da qualsiasi forma di confronto e non riconducibile a nessuno degli ismi.

Questo artista attraversa le diverse avanguardie, dal Futurismo, al Simbolismo, al Divisionismo (in verità, c’è chi ha parlato di Divisionismo per certe sue opere: io non sono d’accordo) senza subire alcuna influenza, senza accorgersene.

 

Arnaldo Soldini, Paesaggio della Valtrompia

Arnaldo Soldini, Paesaggio della Valtrompia

Cosa può dirci in merito ai temi, allo stile e alla tecnica?

L’unico tema affrontato da Soldini è il paesaggio, il “suo” paesaggio, quello dei luoghi che egli conosce ed ama. Non ci sono altri soggetti.

La tecnica è squisitamente ottocentesca: sulla scia di Campini, lavora su uno sfondo preparato in chiaro o in scuro a seconda della tipologia del quadro, con un colore qui liquido, qui denso. Sempre ad olio, senza eccezioni.

Artista compito, vicino a Lombardi, come si è detto, egli non capì mai del tutto Filippini. Difficile pure il rapporto con Bertolotti: costui, eccellente pittore di figura, guardava con sufficienza Soldini, che non si dedicava al ritratto e dai cui scorci naturali l’uomo era in genere assente. Addirittura si ipotizza che i rari personaggi che compaiono nei suoi quadri siano stati eseguiti da un altro amico suo, Gaetano Cresseri.

Dopo la partecipazione alla Permanente di Milano del 1896 e alle Biennali di Venezia del 1897 e del 1899, Soldini si ritirò in provincia. Quale è stata la sua fortuna critica?

In vita, il Nostro fu sempre molto vicino ai colleghi e all’attività dell’“Arte in Famiglia”. Suo principale sostenitore era Vincenzo Lonati, raffinatissimo letterato, scrittore simbolista, segretario accademico dell’Ateneo di Brescia. Quando Soldini morì, Lonati gli dedicò un necrologio in cui gli riconosceva l’appartenenza “a quel gruppo di bresciani che sulla fine dell’Ottocento e agli inizi del Novecento ebbero una posizione notevole nella storia della pittura lombarda del paesaggio”. La mostra commemorativa del 1936, organizzata dagli amici, non ebbe un vero e proprio catalogo.

Da allora, l’unica importante occasione espositiva è stata quella del 1972 a Iseo, che costituì però una sorta di “tradimento” nei confronti dell’artista: furono sì presentate ben cinquantasei opere, ma tutte databili agli ultimi quindici anni della sua produzione, anni in cui, non avendo più grandi aspirazioni personali, egli soggiornava a Montisola e raffigurava ciò che vedeva spostando man mano la sedia. Avendo escluso i capolavori del periodo 1883-1910, questa mostra fu quindi un’occasione mancata.

Dopo tale iniziativa cadde nuovamente – e inspiegabilmente – il silenzio: i quadri di Soldini sono stati esposti al più in collettive, come Brescia postromantica e Liberty 1880-1915, del 1985.

 

 

 

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti.

Vuoi rimanere aggiornato su offerte, occasioni, gadget a prezzi stracciati? Moda, arte, tecnologia sono la tua passione? Segui il nostro canale Telegram. Stile arte seleziona per te i prezzi del momento. Buoni, sconti e opportunità da cogliere al volo. L'iscrizione è semplice e grautita, Clicca qui per iscriverti al canale: https://t.me/stilearte Sei poco pratico di Telegram e vuoi capire di cosa si tratta? Leggi questo nostro approfondimento -> https://www.stilearte.it/?p=279033

Colori a olio: ecco le recensioni:

MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

   

Royal Talens: il rinomato brand - fondato nel 1899 e da sempre sinonimo di grandissima qualità - ha presentato  il suo più prestigioso set di pittura ad olio. Se si vuole acquistare o regalare il meglio del meglio ecco l'Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli. La vernice ad olio della gamma Rembrandt è realizzata con la più elevata concentrazione possibile di pigmento finemente macinato, con tutte le 24 pitture del set classificate come resistenti per 100 anni alla luce.Clicca qui per visualizzare e acquistare i prodotti Royal Talens

Royal Talens – Scatola con colori ad olio Rembrandt – Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli - Acquistala qui

E' possibile acquistare anche un set più accessibile al grande pubblico,  il Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition. Meno colori e meno accessori, ma qualità massima.

Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition - Acquistala qui

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.