Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Caravaggio. Chi si muove dietro la tenda di Giuditta e Oloferne? Nuove figure. Ecco com’era, il quadro, quando fu impostato

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
blank
Michelangelo Merisi da Caravaggio, Giuditta e Oloferne, 1600-1602 circa, olio su tela, 145×195 cm., Gallerie nazionali d’arte antica, Palazzo Barberini, Roma

di Maurizio Bernardelli Curuz

L’indagine ricostruttiva del materiale iconico presente negli strati più profondi del dipinto Giuditta e Oloferne del Caravaggio consente di mettere in luce il primo pensiero compositivo del pittore rispetto alla scena. E i mutamenti che l’artista operò, in divenire.
L’ordinamento del materiale di fondo, secondo una lettura delle radiografie che si avvicina a quella compiuta nell’ambito della radiologia medica, ha consentito al mio gruppo di lavoro di evidenziare parti di grande rilievo, nell’ambito del divenire compositivo dell’opera. Materiali poi occultati o fortemente velati per ragioni compositive,  che sono strettamente connessi, sotto il profilo stilistico e tematico, a ciò che l’artista ha poi scelto di sviluppare nel corso della stesura finale. A questo proposito vorrei evidenziare la svolta compiuta, a livello generale, nell’ambito della ricerca applicata, da Rossella Vodret che ha gettato i presupposti per indagini degli strati profondi delle opere di Caravaggio.
I materiali che abbiamo portato alla luce sono i seguenti.
1) Il volto feroce di Oloferne che il pittore coglie prima che entri in azione la spada di Giuditta. Poi, il capo attualmente dipinto, in posizione reclinata. Un’altra testa, tenuta sul braccio sinistro di Giuditta. Caravaggio rivela, anche in questo caso, un approccio da narrazione drammaturgica. Egli sembra sentire l’assoluta necessità di configurare un atto narrativo esteso e non una semplice rappresentazione statica di un istante. L’artista interviene poi, in fase finale, per privilegiare un segmento temporale, mantenendolo collegato a possibili elementi subliminali, legati al prima e al dopo, rispetto al momento scelto.
blank
2) La figura di una giovane ancella con un contenitore cilindrico davanti a sé.
blank
3) Gruppo di figure – oggi coperte dalla tenda, forse, un tempo, intuibili, prima dei restauri, nelle marezzature della stoffa – davanti a un tavolo, personaggi che, con tutta probabilità, rappresentano i partecipanti al banchetto a cui intervenne Giuditta, con l’intento di uccidere Oloferne. Le figure indossano abiti coevi rispetto al pittore.
blank

blank
Michelangelo Merisi da Caravaggio, Giuditta e Oloferne, 1600-1602 circa, olio su tela, 145×195 cm., Gallerie nazionali d’arte antica, Palazzo Barberini, Roma

4) Figura maschile, con barba, alle spalle di Giuditta, che potrebbe essere un cammeo dedicato a un cospicuo personaggio dell’epoca di Caravaggio
blank
5) Quinta architettonica con palazzi
blank
6) Testa di toro, in primo piano, confermata dal nuovo rilievo sugli strati profondi, dopo un precedente recupero dei materiali in luce, come ricostruiamo nel breve saggio, qui sotto

Il toro eccitato, la vedova astinente e il mastino. Figure nascoste emergono anche da Giuditta e Oloferne del Caravaggio

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!