News

Flavia Rossi, così nello sfavillio di un momento. Una scala appoggiata al cielo, tra poesia e ironia

La giovane fotografa: "La geografia e le mappe possono essere viste come un’azione geopolitica e retorica di desiderio di controllo su un territorio. La nostra mente, al contrario, si va quindi a configurare come la terra dell’immaginazione, priva di ogni sorta di riferimenti spaziali. Inoltre è stata per me, come fotografa, un’operazione interessante: lavorare sul mio archivio è stato un processo di sua rivisualizzazione, capire perché alcune immagini scattate in anni e luoghi diversi potessero stare insieme per realizzare quello che poi è, in parte, anche un atlante delle emozioni"

Leggi Articolo »

Nubi, nuvole e cielo nell’arte – Nei quadri indicano i cambiamenti della visione del mondo

Il tratto filosofico che domina l’ampio segmento d’ogni epoca incide in maniera vincolante nell’ambito della rappresentazione; e l’indicatore del cielo - come elemento scenografico maggiore, dotato del potere di irradiare luce e di permeare ogni angolo del dipinto - gioca un ruolo centrale nel delineare gli snodi del pensiero

Leggi Articolo »

Cos’è il bisso? E’ la preziosa seta di mare. “Salvo il mio museo” dice l’ultima tessitrice. Il video

"Incontriamoci e parliamo delle maestrie che non vanno perdute. L'Italia è un Paese d'arte". E’ l’appello che attraverso l’Adnkronos Chiara Vigo, ultimo maestro di bisso al mondo, lancia al ministro dei Beni culturali Dario Franceschini. Sessantuno anni, sarda di Sant'Antioco, Chiara è rimasta l’ultima depositaria dell’arte di quel filo d'oro che da millenni lega l'uomo al mare.l bisso è una fibra tessile di origine animale, una sorta di seta naturale marina ottenuta dai filamenti che secerne una specie di molluschi bivalvi marini (Pinna nobilis) endemica del Mediterraneo volgarmente nota come nacchera o penna, la cui lavorazione è stata sviluppata esclusivamente nell'area mediterranea.

Leggi Articolo »

Cristina Pesce Rosso dipinge la Montagna incantata. Viaggio nel mito e ritorno alla pittura

La giovane artista, insignita del Premio finalisti al Nocivelli 2019: "Provo grande attrazione nei confronti delle montagne. Le reputo entità molto affascinanti, e studiando qualcosa al riguardo, documentandomi, ho iniziato a riflettere sui motivi che spingono l’essere umano a sfidarle. Sono partita da “El Capitan” perché è una montagna molto ambita nello sport dell’arrampicata, e luogo di prodezze sovrumane"

Leggi Articolo »

Claudio Valerio, il paesaggio dipinto tra osservazione della realtà e rivelazione degli arcani

Il giovane artista, insignito del Premio finalisti al Nocivelli 2019: "È il primo di una serie di lavori nata dalla riflessione fatta sull’idea di paesaggio. “Paesaggio” inteso come spazio pittorico su cui si manifestano avvenimenti, attraverso un punto di vista totale che vuole suggerire una visione panoramica-panottica. Testimonia ciò che la pittura rappresenta per me. Io credo che la Pittura non sia una mezzo ma un Ente portatore di significato che dialoga con l’artista"

Leggi Articolo »

Aurora consurgens – Gli ultimi misteriosi mesi di Tommaso d’Aquino, diventato alchimista

La psicanalista junghiana Marie Louise Von Franz, che ha edito e studiato la parte visionaria del testo ritiene plausibile l’attribuzione e la collega alle vicende degli ultimi mesi di vita di Tommaso, quando visse una svolta estrema, sotto il profilo del pensiero. L'alchimia indicava profondità all'apparenza insondabili in cui non esisteva opposizione tra fisica e mistica; e rilevava la presenza di Dio, in emanazione, in ogni parte dell'universo

Leggi Articolo »

Vincenzo Zancana, patogenia. Una pietra calcarea sbriciolata rivela la propria materia costitutiva

Il giovane artista, vincitore del Premio finalisti al Nocivelli 2019: "Tramite un processo manuale che sfrutta la meccanicità della stampante e lo scanner l’oggetto viene plasmato attraverso la sua stessa matericità. Le strisce in carta plastificata prendono forma in una loro autonomia adagiandosi sopra parti in plexiglas come fossero lembi di pelle. L’opera diventa così il lascito di uno sviluppo riflessivo sul legame che ognuno di noi ha (seppure in maniera latente) con le proprie origini".

Leggi Articolo »

Jeanne e Modigliani: amore, pittura e morte come un colpo di fulmine

Un legame molto intenso, una grande storia d'amore e di pittura che va oltre la morte. Jeanne Hébuterne, divenuta poi artista e compagna di Modigliani, è nata Meaux , in Seine-et-Marne , in Francia , il 6 aprile 1898 ed morta suicida a Parigi , il 25 gennaio 1920, a 21 anni. Le quotazioni dei disegni e dei dipinti di Jeanne Hebuterne

Leggi Articolo »

Davide Viggiano, corpo-flusso. Un’opera d’arte realizzata con un tessuto ricavato dal mais

Il giovane artista insignito del Premio finalisti al Nocivelli 2019: "L’opera fa parte di una serie intitolata “corpo flusso”. L’abito diventa casa-contenitore del corpo, un guscio che lo avvolge e protegge. Esso è pelle artificiale che si aggiunge a quella naturale, diventando un tutt'uno con essa. Un corpo fluttuante senza identità fisse che si modifica all’infinito. L’opera si compone da una fitta trama in Pla (polimero termoplastico biodegradabile ricavato dal mais), quasi a ricreare piccole strutture cellulari che nell’insieme creano una membrana porosa"

Leggi Articolo »