Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Chi amputò le gambe alle sculture, che poi iniziarono a sfaldarsi? Salvato il Compianto del Trecento

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Che accadde a questo splendido gruppo scultoreo? Da dove giunse e perchè alle statue furono letteralmente tagliate le gambe? Tanti misteri che avvolgono il Compianto del Cristo morto, opera del XIV secolo, scolpita nella pietra, che era conservata in una nicchia stretta e bassa della chiesa del Santo Sepolcro del cimitero di Caprino Veronese, in Veneto.

Ora il gruppo, dopo sette anni trascorsi nei laboratori dell’Opificio delle Pietre dure di Firenze, è tornato nel Comune veronese, dopo un restauro che ha permesso di consolidare la pietra – un calcare organaceo, cioè originato da un accumulo di resti di organismi animali e vegetali – e di donare alle statue una struttura che sostiene i busti e che sostituisce le gambe perdute.
L’opera – nel suo insieme – è composta dalla figura di Cristo deposto nel sudario attorniato da sei dolenti a grandezza naturale e originariamente era un insieme policromo. “Il complesso di statue, dai caratteri di forte pathos e accentuazioni di tipo espressionistico capaci di suscitare un intenso coinvolgimento emotivo nel riguardante, è attribuito al Maestro di Sant’Anastasia e collocato cronologicamente nella prima metà del XIV secolo. – dicono gli studiosi dell’Opificio delle Pietre dure, che hanno curato il restauro – Esso proviene dalla chiesa del Santo Sepolcro a Caprino Veronese da dove nel 1980 è stato trasferito, per ragioni di sicurezza, nel Museo civico di Villa Carlotti a Caprino. Le sculture in calcare organogeno, originariamente policrome, non sono scolpite a tutto tondo ma presentano molti dettagli nella parte frontale e laterale e solo segni di sbozzatura sul retro”.

blank
Il gruppo con tutta la parte inferiore mancante com’era, nella nicchia della Chiesa di Caprino

“I segni brutali della mutilazione operata sui manufatti con una disomogenea resecazione orizzontale ha comportato la loro riduzione a una serie di busti disarticolati. – proseguono gli studiosi dell’Opificio delle Pietre dure – Questi con la parte inferiore variamente e gravemente scalpellata erano segnati da fessurazioni e rotture di varia entità e un processo diffuso di decoesione del materiale che si sfaldava al solo tatto. Consistenti gli interventi precedenti di risarcimento eseguiti con stuccature di malta cementizia o di gesso, impiegato anche per i rifacimenti delle parti mancanti e vari incollaggi. La superficie si presentava coperta da uno spesso deposito di polveri e alterata da stratificazioni di calce, da cui a tratti affioravano tracce di policromia eseguita a tempera.
blank
L’opera venne trasferita al museo dopo i primi interventi conservativi

blank
Le condizioni delle figure prima dell’intervento completo di restauro

Dai dati offerti dalle indagini effettuate emerge che le statue policrome siano state nel tempo private gradualmente del colore originale con ridipinture eseguite in date ancora da precisare”. A questi gravi problemi si erano aggiunte le lesioni create, in questo materiale friabile, dal terremoto del 2012. Le sculture sono rimaste sette anni nei laboratori fiorentini. Si è studiato il modo di intervenire sul materiale stesso. Poi è stata progettata la modalità per portare le statue ad altezza naturale e ciò è avvenuto attraverso attraverso un supporto complementare realizzato dopo la scansione dei busti e lavoro di integrazione delle linee. La parte ricostruita è stata realizzata in materiale sintetico da una stampante 3D.
Il gruppo è ora accolta in una teca grossa teca che consentirà di proteggere le sculture e di creare un ambiente molto umido – con un grado di umidità relativa particolarmente alto e compreso tra il 70 e il 75 per cento – indispensabile per la corretta conservazione della pietra organacea della quale il gruppo è composto.

blank
Il Compianto come si presenta oggi, dopo l’intervento degli specialisti dell’Opificio delle Pietre dure di Firenze

blank

La presentazione del restauro e degli studi, quanto l’inaugurazione del restauro stesso, avverrà il 31 ottobre a Caprino Veronse.
Alla tavola rotonda “Compianto sul Cristo morto. Il ritorno del capolavoro del Maestro di Sant’Anastasia” seguirà la cerimonia di inaugurazione presso la Sede Municipale di Palazzo Carlotti con l’apertura ufficiale dell’opera *trecentesca del “Compianto” in presenza delle autorità, gli ospiti della tavola rotonda e Costantino D’Orazio, Storico dell’arte e saggista, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

Programma – Domenica 31 ottobre
COMPIANTO SUL CRISTO MORTO, Il ritorno del capolavoro del Maestro di Sant’Anastasia

Ore 10.00 accoglienza e saluto delle autorità
10.45 Il “Compianto sul Cristo Morto” di Caprino Veronese: Inquadramento critico, vicende conservative Dr. Luca Fabbri Funzionario storico dell’arte – SBAP-VR, RO, VI
11.15 Il restauro del Compianto di Caprino Veronese
Dr. M. Cristina Improta ex Dir. Settore restauro materiali lapidei OPD/Firenze
Dr. Riccardo Gennaioli Direttore Settore restauro materiali lapidei OPD/Firenze
Paola Lorenzi – Franca Sorella Restauratrici OPD/Firenze Settore restauro materiali lapidei
Buffet
14.00 Il “Compianto” oggi nel Museo Civico di Caprino Veronese. La conservazione programmata Dr. Eleonora Cigognetti Restauratrice
14.30 L’antica Chiesa caprinese del Sepolcro, sede originaria del “Compianto”
Prof. Giuliano Sala Indagine storica, Arch. Benati Martina e Ridolfi Giovanni Indagine archeologica
15.00 Prospettive ed oppurtunità turistico-culturali: Nuove modalità di fruizione dell’heritage Dr. Enrica Scopel Dirigente Istituto Tecnico Superiore per il Turismo
15,30 Il “Compianto” lungo i cammini della Corona. Renato Betta e Rinaldo Veronesi – Pro Loco Caprino Veronese
16.30 Il “Compianto”, un flusso di emozioni da Atene a New York, passando per Caprino Veronese Dr. Costantino D’Orazio Storico dell’arte e saggista, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali
17.00 Chiusura del convegno e trasferimento presso la sede Municipale di Palazzo Carlotti con Inaugurazione Sala “Compianto” con la presenza di Costantino D’Orazio
Modera Simonetta Chesini, giornalista.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!