Home / News / Sulle tracce di chiese perdute – Così è oggi il tempio di Carlo Magno in Lombardia
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Sulle tracce di chiese perdute – Così è oggi il tempio di Carlo Magno in Lombardia

La facciata dell'antica chiesa di san Dionigi, poi trasformata in abitazione, a Rodengo Saiano. Secondo la leggenda l'edificio religioso sarebbe stato fondato da Carlo Magno per celebrare un'importante festa religiosa, durante la conquista dell'Italia longobarda

La facciata dell’antica chiesa di san Dionigi, poi trasformata in abitazione, a Rodengo Saiano. Secondo la leggenda l’edificio religioso sarebbe stato fondato da Carlo Magno per celebrare un’importante festa religiosa, durante la conquista dell’Italia longobarda

Ciò che mi stupì, all’inizio, fu la presenza a Rodengo Saiano e nelle limitrofe zone della Franciacorta, in provincia di Brescia, di un nome particolare come Dionigi, utilizzato sia come nome di battesimo sia come denominazione di attività di servizio. Ciò indicava la possibile presenza di un edificio di culto legato a san Dionigi e a una possibile presenza di chiese erette o trasformate dai Franchi, in seguito alla vittoria sui Longobardi. Secondo la tradizione, Carlo Magno, che aveva sposato una principessa reale longobarda – colei di cui non si conosce il nome esatto, ma che viene ricordata come Ermengarda, secondo il celeberrimo passo manzoniano dell’Adelchi – e che l’aveva ripudiata, costringendola al ritorno in patria, avrebbe stabilito a Rodengo Saiano, un Comune a una quindicina chilometri da Brescia, il proprio quartier generale, nel corso delle operazioni di conquista del regno dell’ex suocero, Desiderio, e dell’ex cognato, Adelchi, appunto.

La lapide che ricorda la chiesa di San Dionigi (saint Denis) e Carlo Magno, a Rodengo Saiano

La lapide che ricorda la chiesa di San Dionigi (saint Denis) e Carlo Magno, a Rodengo Saiano

Il suo transito, per quanto reale, è segnalato da leggende che dicono che egli sia salito nella località Campiani, tra Collebeato e Cellatica – dove un edificio antico oggi ospita il ristorante Carlo Magno – e abbia raggiunto, lungo le creste, attraversando il territorio di Gussago,  Rodengo saiano, dove stabilì il proprio quartier generale o comunque fondò uno dei capisaldi d’occupazione, utilizzando strutture forti e ben organizzate appartenenti ai longobardi. La strada romana, che seguendo il pedemonte congiungeva Brescia con la Spina di Erbusco (e poi con Bergamo e Milano) aveva il più importante presidio in quello che è oggi il territorio di Rodengo Saiano a Ponte Cingoli, struttura a tre arcate, affiancata da una Posta e difesa dall’alto dall’imponente complesso militare della Rocca. Centinaia di sepolture di epoca alto medioevale (e in particolare quelle nell’area detta della Santa, disposte militarmente) fanno pensare a un lungo assedio, con battaglie cruente e centinaia di morti fra i Franchi.

A poche centinaia di metri, sull’area dell’attuale Abbazia olivetana sorgeva un “castrum”, accampamento militare fisso, con edifici in muratura e, scoperta recentissima, con un tempio. Vari cippi esposti al museo romano documentano la massiccia presenza latina. Secondo voci leggendarie, tramandate nei secoli, non distante da ponte Cingoli, nel punto d’intersezione degli assi viari, Carlo Magno ordinò la costruzione di una chiesa, poichè avrebbe voluto celebrare, per voto, la festa del Natale o di San Dionigi, nell’omonima cattedrale di Acquisgrana – Saint Denis di Parigi sarebbe poi diventata il luogo di sepoltura di tutti i sovrani francesi -, ma gli eventi lo avrebbero lasciato lontano dal proprio palazzo.

Murature antiche alla base di quella che fosse originariamente la facciata della chiesa di San Dionigi

Murature antiche alla base di quella che fosse originariamente la facciata della chiesa di San Dionigi

La facciata orientale della casa, dove si presume sorgesse la zona absidale della chiesa. Il palazzo visibile in fondo alla strada è il municipio di Rodengo Saiano

La facciata orientale della casa, dove si presume sorgesse la zona absidale della chiesa. Il palazzo visibile in fondo alla strada è il municipio di Rodengo Saiano

Il lato settentrionale della casa, con la lapide

Il lato settentrionale della casa, con la lapide

L’edificio di Rodengo Saiano, che fu successivamente affidato ai cluniancensi, sopravvisse per lungo tempo ed era visibile, nella sua connotazione originaria, fino all’Ottocento, per quanto abbandonato. Nel XIX e XX secolo la struttura venne trasformata in abitazione. Una targa fu poi posta per ricordare l’antico tempio e la presunta fermata di Carlo Magno. L’ex chiesa si trova di fronte all’attuale municipio di Rodengo Saiano

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Quei quadri pornografici. Ecco le posizioni preferite a Pompei

Danza, il dinamismo universale di Gino Severini