Home / Art food / Crippa e il raggio obliquo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Crippa e il raggio obliquo

di Gualtiero Marchesi

gualtiero-marchesi L’ispirazione questa volta mi è venuta dal cielo. Sì, proprio dal cielo, e per la precisione da un cielo infuocato dal tramonto che incombeva sulla periferia milanese. Ero in viaggio quando, guardando in alto, ho visto il sole affogare all’orizzonte lasciando dietro di sé, per qualche attimo, l’impronta oscura d’un raggio, obliquo ed inquietante. L’immagine mi ha colpito, con la violenza d’una emozione vera. E ho pensato a Roberto Crippa. Crippa era di quelle parti. Chissà se anche a lui sarà capitato di vedere lo stesso raggio, da quella stessa strada di periferia. Forse sì; e chissà se, in tal caso, ciò avrà influenzato la sua opera: le sue famose “Spirali”, in primis. In ogni caso, entrambi – Crippa ed il raggio oscuro – hanno influenzato me, quando ho messo mano al piatto che presento qui.

Ho steso su un piatto nero un riso a velo. Ho intinto un pennello cinese fatto di piume di gallo – scovato in una straordinaria bottega parigina, delicato come un soffio – nel nero di seppia, e ho dipinto – sì, ho detto proprio “dipinto” – il riso con una striscia trasversale: su cui ho posato, infine, alcuni calamaretti. Crippa era arrivato alle “Spirali” al termine di un cammino che lo aveva portato, per gradi, a comprimere ogni profondità fino al raggiungimento della bidimensionalità; mentre le figure, dapprima collegate da intrecci lineari e vicendevolmente disponibili, approdavano al rovello labirintico proprio, appunto, della spirale. Un percorso, questo, che – almeno in parte – mi sento di condividere. Di certo per quanto concerne l’interpretazione dello spazio. “La nuova via, nelle spirali” annota il mio amico Luciano Caramel nella monografia dell’artista, da lui curata con Paola Sega Serra Zanetti e pubblicata nel 1999 da Mazzotta “Crippa l’aveva trovata preminentemente, anzi quasi esclusivamente sulla superficie della pittura, su cui tracciava matasse plurime di segni in una prima fase sottili, grafici. Che non volevano tuttavia avere a che fare, scriverà Crippa nel 1955, con l’‘astrattismo grafico’: si proponevano invece di ‘essere discorsi nello spazio’, uno spazio ancora illusivo, ossia non fisicamente espanso nelle tre dimensioni dell’ambiente, come invece in Fontana, non citato in quel testo (che pure ricorda altri artisti che il pittore dichiara di stimare profondamente, da Ernst e Marcel Duchamp a Brauner, De Kooning, Matta), ma ovviamente basilare anche per Crippa, se non altro come stimolo, su di un piano teorico almeno”. Di certo, nella cura del dato compositivo. “Se da un canto realizzava il desiderio di un vitalismo sintonizzato sul dinamismo della contemporaneità” rileva ancora Caramel “dall’altro Crippa, nelle sue spirali, nei suoi grovigli segnici, difendeva il radicamento nella pittura. Nella quale, sviluppando con tensione espressionistica l’automatismo surrealista, dipana e accumula i suoi filamenti, sì assecondando pulsioni profonde, ma nel rispetto di un’armonica impostazione dell’immagine sulla superficie, con tesi e antitesi, punti di aggregazione ed espansioni controllate, e sempre secondo una spazialità giocata nel rapporto figura-sfondo. E in rima con una tale dimensione di equilibrio sono i medesimi interventi cromatici, condensati in precisi cerchi dai colori timbrici primari che si collocano quali punti focali di una diramata, ma tutt’altro che dispersiva, scansione ritmica”. Già, i cerchi “precisi” di Crippa. Precisi come un piatto: anche se violati, gli uni e l’altro, dagli iperbolici ghirigori del pennello. Così com’è “preciso” il contorno del sole, pur negli alterati riverberi d’un raggio sghembo.

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Balla e le chiocciole, il manifesto della cucina futurista

La pasta-madre diventa performance e fotografia

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp