Home / News / Dante Gabriel Rossetti riesumò il cadavere della moglie per recuperare i propri poemi
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Dante Gabriel Rossetti riesumò il cadavere della moglie per recuperare i propri poemi

di Chiara Bertoldi

Dante Gabriel Rossetti, Proserpina

Dante Gabriel Rossetti, Proserpina

Il pittore e poeta inglese Dante Gabriel Rossetti (1828-1882) è senza alcun dubbio uno dei massimi rappresentanti della Confraternita dei Preraffaelliti, fondata nel 1848. I giovani che diedero vita a questo movimento, delusi da tutto quello che li circondava e che consideravano uno stato di decadenza, cercavano le origini nella pittura (come ben esemplifica il nome prescelto) prima di Raffaello, incarnata da artisti come Botticelli e Filippo Lippi e da poeti come Dante. Curioso a tale proposito sottolineare che, nonostante il lavoro di Rossetti traesse profonda ispirazione dalla tradizione italiana, egli non raggiunse mai l’Italia e addirittura si allontanò da Londra, sua città natale, solo in tre occasioni. Profonda fu l’influenza del padre, insegnante d’italiano al King’s College di Londra e grande cultore di Dante, poeta la cui vita costituì uno dei soggetti preferiti da Rossetti. Inoltre, le donne, presenza immancabile nelle sue tele, sembrano svolgere un ruolo simile a quello della Beatrice della Divina commedia dantesca: immerse in un’atmosfera silenziosa svelano attraverso la loro bellezza la dimensione trascendentale.

 

Se il 1848 fu l’anno della fondazione della Confraternita, non meno cruciale fu per Rossetti il 1850, anno in cui conobbe Elisabeth Siddal (“Lizzie”), anch’ella pittrice e sua futura moglie. Da quel momento la donna sarebbe divenuta la modella preferita del pittore e degli altri rappresentanti preraffaelliti; basti ricordare a tal proposito che fu proprio Lizzie a posare per la celeberrima “Ophelia” di Millais. Ma fu comunque Rossetti a ritrarla in dipinti e disegni, in modo ossessivo anche una volta che la donna prematuramente morì: di salute cagionevole, forse anoressica, diede alla luce una bambina morta e da lì a poco, nel 1863, solo tre anni dopo aver sposato il compagno di una vita, morì per overdose di laudano. Rossetti, disperato, la fece seppellire impulsivamente insieme ai suoi poemi. Poesie che riuscì a recuperare solo nel 1869, dopo aver riesumato il corpo di Elisabeth, per pubblicarle nella raccolta intitolata semplicemente “Poems”. Come un’apparizione dantesca la donna è protagonista di un’opera realizzata dopo la morte ed intitolata emblematicamente “Beata Beatrix”.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Il cavallo nell’arte, collezione Giannelli. Morsi di un’amicizia nata soltanto 4000 anni fa

Arturo Martini, capire il Novecento attraverso la scultura che muta. Le 140 opere del Museo Bailo