Home / News / Filippo de Pisis – La tecnica del pittore
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Filippo de Pisis – La tecnica del pittore



“Nel volgere di un mattino, De Pisis compera un pesce, lo dipinge, lo cuoce e lo mangia” diceva di lui il collega Mario Tozzi. L’impressione è un attimo, e il pittore ferrarese non indugia nell’attesa di fissarla rapidamente sulla tela, in gara con il tempo. In coincidenza con la stagione parigina, adotta uno stile veloce, nervoso, immediato, una sorta di “furore felice”. Sembra addirittura entrare in sfida con l’attimo luminoso degli impressionisti: le sue non sono istantanee, ma sintesi di immagini colte in unità temporali inferiori all’istante, per raggiungere, in un concitato alfabeto morse del colore, l’essenza delle cose, la struttura e la proiezione in direzione del disfacimento. L’essenza, allora. L’essenza fissata nel lasso di tempo che scivola tra un secondo e l’altro: e ciò gli consente di creare dipinti che vanno ben oltre la mera raffigurazione del paesaggio. Un esempio è Ponte sulla Senna a Parigi. In questa tela del 1926, come annota Daniela De Angelis in De Pisis.

 

Layout 1

Gli anni di Parigi, 1925-1939, edito da Mazzotta, “la definizione precisa degli spazi raffigurati è come annullata da un’immediatezza che tutto confonde”: un’immediatezza di composizione che arricchisce l’opera di un’ulteriore dimensione, la quale, appunto, “esprime il disagio esistenziale e la solitudine del testimone contemporaneo”. Una pittura che si confronta per molti aspetti – ma ponendosi anche come momento di definitivo superamento della vecchia seduzione monettiana – con l’Impressionismo, al quale impone un’accelerazione e centrifugazione violenta, dopo un primo periodo di vicinanza alla perennità del tempo dell’universo metafisico di Giorgio de Chirico, Carlo Carrà e Alberto Savinio. Il lavoro sulla nuova, concitata dimensione temporale che trae origine dall’osservazione critica del mondo impressionista è rilevabile nel raffronto tra La rue Saint Denis, festa del 30 giugno 1878 di Claude Monet e White Hall, creazione dell’autore ferrarese datata 1935, opera nella quale “l’artista accentua la frammentazione della pennellata, in quadri che si indovinano eseguiti con una rapidità sempre più convulsa”. Un altro commento a proposito di tale rapidità ci giunge da Francesco Arcangeli, che nel 1951 afferma: “Una consuetudine, quella depisisiana nel dipingere en plein air, divenuta leggendaria per la velocità dell’esecuzione, per la capacità di rendere in un flash l’impressione”. Tra le numerose testimonianze relative a questa “gara con il tempo”, eccone una, ancora di Mario Tozzi: “De Pisis dipinge rapido, produce molto ed espone spesso. Questa sua, poi, alla Jeune Europe, è stata un’esposizione lampo: il tempo di appendere i quadri e quello di rimetterli a terra!”.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

I tre filosofi di Giorgione significato

Luce radente- L’eleganza dei corpi nudi nella fotografia o in pittura. Il filmato

463 Condivisioni
Condividi463
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp