Home / Impressionismo / Degas, affari di famiglia
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Degas, affari di famiglia


di Francesca Baboni

“Ah Giotto, lasciami vedere Parigi e tu, Parigi, lasciami vedere Giotto!”. Così si legge in un taccuino di Edgar Degas in riferimento a quell’estate del 1858, quando, a venticinque anni, sulla spinta dell’amico Gustave Moreau che vi si era trasferito da poco, giunge per la prima volta a Firenze, invitato dalla zia, Laura Degas, a soggiornare con lei, il marito Gennaro Bellelli e le due figliolette nell’appartamento in affitto in piazza Maria Antonia, nel nuovo quartiere del Barbano, l’odierna piazza dell’Indipendenza.

Particolare della zia dell'artista, Laura Degas

Particolare della zia dell’artista, Laura Degas

Sebbene a Firenze il pittore si dedichi allo studio dei maestri antichi, copiando opere d’arte agli Uffizi, sappiamo dalla critica recente come in realtà venga in contatto anche con il fertile ambiente del Caffè Michelangiolo, ed in particolare con Cristiano Banti, che abita nello stesso quartiere e che conosce da subito. Le tracce della presenza di Degas al celebre caffè sono note grazie alle fonti attendibilissime di Telemaco Signorini, che lo cita assieme a Moreau e ad altri francesi come assiduo frequentatore e come partecipante attivo a quel dibattito sui toni chiaroscurali che metterà a punto nel capolavoro degli anni fiorentini La famiglia Bellelli, oggi al D’Orsay.

Lo stesso Diego Martelli, critico e teorico dei Macchiaioli, scrisse a proposito del soggiorno fiorentino di Edgar che “quando per ragioni di famiglia, ed attratto dal desiderio, venne in Toscana, si trovò proprio nel suo centro, fra i suoi antenati artistici Masaccio, Botticelli, Bozzoli e il Ghirlandaio. Il suo culto diventò furore ed una massa di disegni attesta lo studio coscienzioso fatto da lui, per appropriarsi tutte le bellezze e gli insegnamenti dell’arte da loro posseduta”.

E’ proprio a casa della zia dunque che Degas realizza quella che è considerata la sintesi del suo soggiorno giovanile, opera magistrale dalla complessa e sofferta elaborazione
– numerosi sono gli studi e i bozzetti delle singole figure, anche su fogli sciolti – che non è semplice ritratto di famiglia ma evocazione psicologica, in cui coglie efficacemente le tensioni emotive di una difficile situazione domestica.

Dalle lettere di Laura al nipote traspare difatti l’infelicità di una donna dai difficili rapporti col marito (“Ho ragione di vedere sempre le cose in nero?”), che nel quadro è colto di spalle mentre la moglie si erge alta e maestosa nel suo abito scuro, statuaria e dignitosa come in un ritratto rinascimentale, assolutamente moderna, eroina di un dramma familiare. L’incomunicabilità diventa qui distanza mentale, un disagio che il pittore legge con efficacia in quello spaccato di tipico interno borghese di metà Ottocento, dove ogni oggetto domestico ha un suo significato.

Particolare di Gennaro Bellelli

Particolare di Gennaro Bellelli

Nelle lettere accorate al nipote, Laura parla di un marito “dal carattere immensamente sgradevole e disonesto” e del “timore di impazzire”. “Vivere qui con Gennaro – scrive a Edgar il 19 gennaio 1860 – di cui conosci il carattere detestabile e senza che abbia una seria occupazione è qualcosa che mi trascinerà nella tomba”. E’ questa l’atmosfera che il pittore respira nella casa dove si trova ospite e che fa rivivere all’interno di un’opera ambiziosa di grandi dimensioni, molto criticata dai contemporanei per la diversità rispetto alla sua precedente produzione.

Degas lascia Firenze nel ’59 ma vi ritorna nel ’60, lavorando ancora al quadro (le testimonianze sono però scarse e poco attendibili). La tela sarà comunque terminata quell’anno. Dalla descrizione si evince chiaramente ciò che ogni familiare pensa del pittore: Laura, molto legata e affezionata al nipote, assume una posa rigida, cosciente del talento dell’artista, mentre il marito di lei, che a stento lo sopporta, rimane sostanzialmente indifferente.

Cristiano Banti rimarrà invece talmente colpito alla vista dell’opera da citare Van Dyck nella costruzione plastica della figura imponente della donna: un dipinto classico, quindi, ma con elementi presi dal “vero”, in linea con le teorie sulla “macchia” che si svolgono in quel periodo al Caffè Michelangiolo.
Nei suoi taccuini il pittore scrive, a proposito del quadro: “Ho due cuginette a pranzo. La maggiore è veramente un fiore di bellezza; la minore ha il carattere di un diavoletto e la bontà di un angelo. Le dipingo con i loro vestiti neri e i loro grembiulini bianchi che le rendono affascinanti. Ho varie idee per lo sfondo. Vorrei ottenere una certa grazia naturale assieme a una nobiltà che non riesco bene a definire”.

Particolare delle due "cuginette" di Edgar Degas

Particolare delle due “cuginette” di Edgar Degas

Degas ammette di riferirsi, per l’impianto compositivo e il colore, a modelli fiamminghi e veneti, come appunto Van Dyck, Giorgione, Carpaccio e Veronese. L’artista si diverte dunque a giocare con tutto quello che la vecchia Accademia può ancora offrire, sfidandola però insieme dall’interno con suzioni nuove e sostituendo agli eroi del passato personaggi contemporanei, ben sintetizzati nelle loro carni e nei loro costumi.

E’ Diego Martelli che, nel 1879, registra la compenetrazione nel Degas italiano tra culto dell’antico e tensione coloristica moderna. Così infatti scrive: “Antico e moderno ad un tempo… educato a Firenze dove s’innamorò della semplicità sublime del disegno dei cinquecentisti, vide quei grandi maestri con l’occhio di un francese e, ritornato poi in Francia, modificò più che mai questo suo modo di tradurre il vero attraverso il sentimento degli antichi applicandovi una ricerca di colorazione tutta moderna”.

 

Degas, La famiglia Bellelli

Degas, La famiglia Bellelli

 

SE HAI GRADITO IL SERVIZIO E “STILE ARTE””,   VAI ALL”INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Magia e occultismo nell’arte. Streghe, notte, spettri, spiriti-guida tra Ottocento e avanguardie storiche

Buon giorno d’autunno con Claude Monet!