Home / Aneddoti sull'arte / Estro e avarizia. Michelangelo realizzava l’opera e raddoppiava il prezzo. Il caso del tondo Doni
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Estro e avarizia. Michelangelo realizzava l’opera e raddoppiava il prezzo. Il caso del tondo Doni


Michelangelo Buonarroti, “Sacra Famiglia con san Giovannino (Tondo Doni)”, 1504

di Enrico Giustacchini

UN QUADRO IN 30 RIGHE

Primato del disegno o primato dei volumi? Dilemma-chiave in pittura. Eppure, c’è chi lo ha risolto quando non aveva ancora compiuto i trent’anni. Si chiamava Michelangelo. Ne ha ventotto, di anni, il Buonarroti, quando un tessitore arricchito fiorentino, Angelo Doni, decide di migliorare il suo status symbol acquistando opere d’arte. E commissiona proprio all’astro emergente di Caprese un tondo con una “Sacra Famiglia” (commissionerà pure, e nello stesso periodo, a Raffaello il ritratto della moglie, oggi a Palazzo Pitti). La storia (o la leggenda?) narra di un Doni tanto avaro a dispetto del nome da rimangiarsi la parola a proposito del compenso pattuito: “Sarà pure bello questo dipinto, ma 70 ducati sono un’esagerazione, facciamo 40 e non se ne parli più”.

Ci si immagini la reazione di Michelangelo, uno a cui, come si sa, la mosca saltava al naso facilmente. “Se le cose stanno così, io rilancio e raddoppio: non più 70 ducati, ora ne voglio 140, altrimenti il tondo se ne torna in bottega”. E il micragnoso tessitore costretto, onde evitare scorno e scandalo, a far buon viso a cattivo gioco, sborsando sull’unghia, e chissà con quale rincrescimento, tutti quei pezzi di buon oro. Storia o leggenda che sia, certo è che a finire a casa Doni fu uno dei massimi capolavori del tempo, e dei tempi a venire. Il Buonarroti sciolse da par suo, come si accennava, i dubbi sulla superiorità del disegno o dei volumi in pittura. Perché in questa tavola sia l’uno che gli altri sono sublimi, e gareggiano tra loro in virtuosismo, nello strabiliante intreccio di membra e di increspature. E che dire dell’inarrivabile sapienza della doppia prospettiva (quella del gruppo in primo piano, quella delle figure e del paesaggio sullo sfondo)? Consolati, mastro Angelo, hai ben speso infine i tuoi ducati.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Chi è Fulvio Roiter, le radici di un genio fotografico. Le opere, la poetica

I segnali stradali nell’arte – Le opere di Francesco Garbelli reinventano le icone delle vie e le auto

252 Condivisioni
Condividi252
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp