Home / News / Gianluigi Brancaccio –
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Gianluigi Brancaccio –

Gianluigi Brancaccio finalmente “si mostra”. Ha sempre dipinto, sin da molto giovane, ma non ha mai esposto prima d’ora. L’amico Luciano Caramel oggi racconta il suo singolare “rapporto-non rapporto” con Brancaccio che risale addirittura all’immediato dopoguerra, e lo fa da curatore nel catalogo della prima grande antologica dell’artista, tenutasi tra luglio e settembre al Castello della Lucertola di Apricale e successivamente a Palazzo Robellini di Acqui Terme (catalogo Mazzotta). Incontriamo il pittore, mentre presenta al largo pubblico i suoi quadri già molto amati e apprezzati per qualità stilistica e particolarità poetica da estimatori ed amici.

Lei dipinge da sempre. Per quale motivo non ha mai voluto esporre le sue opere? Inoltre da molti anni è legato da amicizia con Luciano Caramel. Come mai Brancaccio artista e Caramel critico si avvicinano solo oggi? Non esponevo perché non avevo ancora coscienza di cosa valesse il mio lavoro. Ho partecipato ad alcune collettive ma niente di più. Inoltre l’amicizia con Caramel risale agli anni della nostra infanzia a Como, ma abbiamo vissuto vite assai diverse e in luoghi assai lontani. Lui era a Milano e io in Australia, per esempio. D’altra parte ho trascorso periodi molto lunghi della mia vita all’estero. Per tramite di amici comuni, dopo mezzo secolo, ci troviamo oggi riuniti in questa avventura.

Come nasce allora l’idea di esporre? Circa cinque anni fa mi trovavo a Parigi, dove mi reco spesso, e un mio amico litografo e incisore, Gino Diomaiuto, che ha lavorato con grandi artisti del Novecento, vide il mio lavoro. La sua prima affermazione fu che avrei dovuto esporre e alla mia risposta di diniego, perché mai l’avevo fatto e mi pareva un’idea bizzarra, affermò che non avevo il coraggio di mettermi a nudo mostrando le mie opere. Devo ammettere che in quel momento mi scattò l’orgoglio e, per dimostrare che di coraggio ne avevo, nel giro di un anno ho presentato la mia prima mostra di arte grafica all’Atelier Lacourière Frélaut di Montmartre. Era il 2004 ed è stato l’inizio.

Ci racconti della sua pittura, a cui si dedica fin da ragazzo ma che costituisce una scelta di vita parallela alla sua attività professionale, del tutto estranea al mondo dell’arte. Due lati opposti o collegati? Pittura anche come sfogo liberatorio? L’arte è sempre stata uno sfogo e insieme un grande piacere. Non è che ci si domanda il perché si dipinge. Si dipinge perché non se ne può fare a meno. Certo sono due aspetti che sono cresciuti paralleli. Ho avuto una formazione molto importante negli anni dell’adolescenza. Ho avuto grandi professori, tra cui Caramel, il padre di Luciano, per la letteratura italiana, e a quei tempi già sapevo che ero in grado di fare bene più cose: infatti suonavo il pianoforte, dipingevo, scrivevo di filosofia, amavo la matematica. Dovevo scegliere una strada, e dopo un momento di crisi ho capito che bisogna seguire le proprie inclinazioni. Così ho fatto, tralasciando purtroppo la musica, che richiede applicazione continua e totalizzante. Ma ancora suono e compongo per diletto. Alla fine mi sono laureato in ingegneria chimica e sono imprenditore nel campo dell’energia, ma non ho mai tralasciato la pittura, che ho cercato di alimentare con approfondimenti continui e stimoli nuovi in ogni città in cui mi recavo per lavoro. Posso dire che la creatività è ciò che unisce i due aspetti. Nel settore del commercio energetico detto di “commodity”, cioè di materie prime, che sembra estraneo a qualsiasi creatività, essere creativi significa per esempio fare delle cose che le grandi compagnie non fanno. Si può essere artisti in qualsiasi campo.

Veniamo alla sua pittura, dove è evidente l’impianto formale e cromatico postcubista, ma non solo. Soluzioni “astratteggianti” o “surrealisteggianti”, afferma Caramel, eppure metafisiche e primitiviste, tipicamente novecentiste. D’altra parte, nella sua opera sembra di rileggere integralmente la pittura del Novecento in una sempre nuova e originale rielaborazione. Sì, si può dire che il Novecento l’ho attraversato completamente. A Parigi, certo, e anche in Olanda, dove ho conosciuto gli artisti del gruppo COBRA, Appel, Corneille e Lucebert. Ma la mia vena resta italiana, e si lega agli incontri personali con Carrà, Prampolini, Gentilini, Saetti, e soprattutto Marino Marini, che oltre ad essere un grande scultore è stato un pittore straordinario. D’altra parte la mostra di Apricale è nata all’insegna del Novecento poiché voluta da Danièle Noel, che ha sposato il figlio di un grande ristoratore e collezionista di Saint Paul de Vence, nel cui ristorante si trovano le opere di Picasso, Braque, Miró, Léger e molti altri, tutti avventori dell’epoca. Danièle vide la mia mostra di Parigi e ne rimase entusiasta, e ha voluto una rassegna ancora più estesa, di incisioni e dipinti, in questo paesino, dove spesso risiede e dove ha il suo laboratorio di incisioni.

I temi dei suoi quadri sono nature morte, paesaggi, ma soprattutto figure femminili che l’accompagnano da sempre; da Toilette, del 1960, alle figure degli anni Settanta, materiche nel colore e spesse nel segno, fino alle più vitali, dinamiche e ritmiche figure dell’ultimo decennio. Figure in Estasi (2004-2005), contorsioniste, odalische, danzatrici con posture disarticolate, erotiche eppure ironiche. Un inno al gioco della vita? Il mistero femminile mi ha sempre affascinato e ancora mi affascina perché in realtà è un mondo incomprensibile che non ho ancora capito bene, nonostante i miei settant’anni. Un mistero che ti rimette sempre in gioco.

Cosa ci dice dei suoi prossimi quadri? Ha già in mente qualcosa di nuovo? Non lo so; ogni giorno si crea con una nuova ispirazione. Per scoprire le mie nuove opere bisognerà aspettate la mia prossima mostra.


Clicca sul link per aprire il PDF e leggere il testo, con immagini comparative:

 [PDF] La prima volta di Brancaccio

STILE ARTE 2006

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Neuroestetica – Ritratti e muscoli facciali. Come percepiamo le espressioni

Cecco del Caravaggio: la Resurrezione iperrealista e metafisica rifiutata per scandalo