Home / News / I cibi dell’Ultima Cena – Tutte le pietanze dipinte in mille anni, apostoli verso l’obesità
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

I cibi dell’Ultima Cena – Tutte le pietanze dipinte in mille anni, apostoli verso l’obesità


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Mosaico degli inizi del VI secolo, Ravenna, Sant’Apollinare Nuovo E’ considerata la più antica rappresentazione dell’Ultima Cena nell’arte occidentale. Da notare i due grossi pesci al centro del desco

Mosaico degli inizi del VI secolo, Ravenna, Sant’Apollinare Nuovo
E’ considerata la più antica rappresentazione dell’Ultima Cena nell’arte occidentale. Da notare i due grossi pesci al centro del desco


 

Nel corso di un millennio le rappresentazioni della cena più famosa della storia sono notevolmente cambiate. Ci si è pian piano discostati dall’indicazione del testo sacro a favore di raffigurazioni calate nella realtà sociale del tempo: mutano gli indumenti, gli arredi, l’architettura del Cenacolo; muta, soprattutto, il menù.

E’ questo lo studio pubblicato dalla rivista scientifica statunitense International Journal of Obesity, alle cui pagine i fratelli Brian e Craig Wansink, professore di marketing ed economia applicata alla Cornwell University l’uno e docente di teologia del Virginia Wesleyan College l’altro, hanno affidato gli esiti dei loro studi.

In mille anni l’iconografia dell’Ultima Cena si è arricchita sia nella varietà degli alimenti presenti che nella loro quantità. La ricerca prende in esame cinquantadue dipinti, eseguiti a distanza di un ventennio l’uno dall’altro. Con un apposito software, i due studiosi hanno analizzato la relazione tra le dimensioni del corpo dei commensali e quelle dei piatti e delle vivande, nonché il tipo di cibo raffigurato.

Ecco le conclusioni: nel corso dei secoli, la dimensione delle pietanze è aumentata del 69,2%, quella del piatto del 65,6%, quella del pane del 23,1%. Per quanto riguarda il menù, invece, accanto al pane e al vino dell’iconografia classica fanno la loro comparsa il pesce, nel 18% dei casi, l’agnello (14%), il maiale (7%). Questi dati dimostrano come nel tempo lo stile alimentare si sia modificato nella direzione di una dieta via via più varia e certamente più abbondante. L’arte si conferma insomma una volta ancora di essere specchio fedele dell’evoluzione della società. (rossella olivari)


Maestro lombardo del XIII secolo. Anche qui il pesce la fa da protagonista, insieme al pane e al vino

Maestro lombardo del XIII secolo. Anche qui il pesce la fa da protagonista, insieme al pane e al vino

 

Duccio di Buoninsegna. Il menù dell’Ultima Cena si arricchisce, nell’interpretazione di Duccio, di un maialino da latte

Duccio di Buoninsegna. Il menù dell’Ultima Cena si arricchisce, nell’interpretazione di Duccio, di un maialino da latte

 

Domenico Ghirlandaio. Nell’Ultima Cena dipinta dall’artista fiorentino, sulla tovaglia sono disseminate a profusione rosse ciliegie, rosso preannuncio della Passione e intenso elemento decorativo

Domenico Ghirlandaio. Nell’Ultima Cena dipinta dall’artista fiorentino, sulla tovaglia sono disseminate a profusione rosse ciliegie, rosso preannuncio della Passione e intenso elemento decorativo

 

Dirck Bouts Solo pane e vino , nell'accezione filologica ed eucaristica, nell’austera rievocazione del pittore fiammingo

Dirck Bouts
Solo pane e vino , nell’accezione filologica ed eucaristica, nell’austera rievocazione del pittore fiammingo

Maestro del Libro di Casa In quest’opera del 1480 circa, anziché il pane e il vino è raffigurato l’agnello, simbolo del Sacrificio di Cristo e piatto Pasquale

Maestro del Libro di Casa
In quest’opera del 1480 circa, anziché il pane e il vino è raffigurato l’agnello, simbolo del Sacrificio di Cristo e piatto Pasquale

 


Leonardo da Vinci, Il Cenacolo

Leonardo da Vinci, Il Cenacolo

 

Jacopo Bassano. Nel piatto, è collocata una testa d’agnello

Jacopo Bassano. Nel piatto, è collocata una testa d’agnello

 

Tintoretto. Ecco far capolino a sorpresa, nella tela del maestro veneziano, addirittura una torta

Tintoretto. Ecco far capolino a sorpresa, nella tela del maestro veneziano, addirittura una torta

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Il bikini nell’iconografia – Dalle ragazze dell’Antica Roma alla rivoluzione del Novecento

Anders Ramsell – Giovane artista svedese dipinge 12.600 acquerelli e riscrive Blad Runner. Ecco il film