Home / News / Il giudice Albertano, il terzo libro di Giustacchini rivela i disegni vividi del giurista-filosofo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Il giudice Albertano, il terzo libro di Giustacchini rivela i disegni vividi del giurista-filosofo

 

albertano FOGLIO 100 VERSO FACCINA (1)

I disegni di Albertano da Brescia, sino a oggi inediti, verranno “svelati” sulle pagine del nuovo romanzo di Enrico Giustacchini, il terzo della serie con protagonista il magistrato medievale, che sarà nelle librerie in primavera, pubblicato da Liberedizioni.
Il romanzo fa seguito a “Il giudice Albertano e il caso della fanciulla che sembrava in croce” e a “Il giudice Albertano e il caso dell’uomo pugnalato fra le nuvole”, entrambi di grande successo.
Sarà come i precedenti un giallo, ambientato naturalmente all’epoca di Albertano, ossia nel XIII secolo. Stavolta, teatro della vicenda saranno le rive del lago di Garda, dove il giudice-investigatore si troverà ad affrontare un serial killer senza volto, ma di diabolica intelligenza, in una sfida difficile e rischiosa.
Sullo sfondo, farà capolino l’affascinante mondo dei catari, gli eretici che proprio sul Garda, a Desenzano, avevano, al tempo, una delle loro colonie più numerose. E si avvertiranno gli echi di prodigiose scoperte scientifiche, che in quegli stessi anni aprivano folgoranti spiragli di luce nel “buio” Medioevo.
In appendice, il libro di Enrico Giustacchini riproporrà, come si diceva, i disegni autografi di Albertano. Si tratta di opere sorprendenti, che ci mostrano il grande letterato, magistrato e diplomatico sotto una veste inaspettata, quella di un uomo ironico, arguto, attento anche ai risvolti caricaturali della realtà.
I disegni in questione sono stati eseguiti da Albertano sui margini di un codice membranaceo, il Codice B II 6, datato alla fine del IX secolo e contenente le Epistulae ad Lucilium di Seneca, oggi conservato alla Biblioteca Queriniana di Brescia.
L’identificazione della mano del giudice sul codice è da far risalire a uno dei massimi studiosi della tradizione dei testi di Seneca, l’inglese Leighton D. Reynolds; l’attribuzione è poi stata supportata e confermata dagli studi più recenti di Claudia Villa, Simona Gavinelli e Laura Toselli.

 

albertano FOGLIO 5 VERSO FACCINA
Sui margini del codice, Albertano scrisse oltre 1200 postille e tracciò circa trecento disegni. Se molti di essi sono piccolissimi, spesso semplici fregi o abbozzi, ve n’è una sessantina che invece, per dimensioni e completezza, risultano di straordinario interesse. Questi ultimi sono stati tutti riprodotti e compariranno nel libro di Giustacchini, accompagnati da un testo introduttivo di uno degli studiosi citati, ossia Laura Toselli.
I soggetti sono i più vari. Vi si ritrovano visi di diverse fattezze, assai simili alle moderne caricature, a volte orrendi e deformi, altre volte eccezionalmente realistici; ma pure teste bifronti, o con corna e fauci spalancate, la lingua esposta e il naso sproporzionato, omuncoli dal corpo minuto e dal capo enorme. E poi, schizzi di animali, veri o fantastici: draghi, mostri, pesci, uccelli, creature che ricordano le chimere. Splendido un cavallo che sembra uscire dal testo per fuggire oltre la pagina.

albertano FOGLIO 51 RECTOSERPENTE GALLO FACCINA CASTELLO
Talvolta i disegni a margine si riferiscono al contenuto delle lettere di Seneca alle quali fanno da cornice. Dove, ad esempio, l’autore latino parla di un tizio che abbandona la sua casa sul Nilo per trasferirsi altrove, Albertano, nel margine, disegna una villa di stile arabeggiante, contornata da torri in riva a un fiume. Ancora, in un passo dell’epistola in cui Seneca accenna alle navi e ai timoni, il giudice disegna delle imbarcazioni con il timone bene in evidenza sott’acqua; e dove Seneca scrive Ceterum qui interrogatur an cornua habeat non est tam stultus ut frontem suam temptet (Del resto, se si chiede a qualcuno se ha le corna, costui non è tanto stolto da toccarsi la fronte), Albertano disegna la faccia di un uomo con due lunghe corna.
Molto belli pure i ritratti di personaggi del tempo, come un re, un frate e un giullare. Non mancano volti ricavati all’interno dei capilettera, quasi che il nostro giudice si fosse divertito a improvvisarsi miniatore.
Una curiosità, infine: Albertano disegna frequentemente quello che sembra uno dei suoi soggetti preferiti, ossia un serpente con il corpo annodato. Già, proprio come… Jacovitti.

albertano FOGLIO 110 VERSO ANIMALE
La pubblicazione dei disegni avviene per gentile concessione della direzione della Biblioteca Queriniana.

 

LA BIOGRAFIA DI ALBERTANO DA BRESCIA

Albertano da Brescia nasce probabilmente nell’ultimo scorcio del XII secolo e, altrettanto probabilmente, studia giurisprudenza all’Università di Bologna. Ancor giovane, entra da protagonista nella vita politica della sua città, rivelando notevoli doti diplomatiche. Lo vediamo, ad esempio, tra i delegati del Comune di Brescia alle assemblee della Lega lombarda del 1226 e del 1231, nei cui atti compare con l’appellativo di “iudex”.
Nel 1238 è inviato, in qualità di capitano di una guarnigione, a presidiare il castro di Gavardo, minacciato dalle truppe di Federico II. Alla fine di agosto, è costretto ad arrendersi e viene condotto prigioniero a Cremona. Nei mesi passati in cattività, Albertano scrive il suo primo libro, il trattato De amore et dilectione Dei et proximi et aliarum rerum et de forma vitae.
Negli anni a seguire, ecco le altre opere: l’Ars loquendi et tacendi (1245), ripresa alla lettera da Brunetto Latini nel Trésor e che, a giudizio di alcuni studiosi, avrebbe influenzato anche Dante Alighieri; il Liber consolationis et consilii (1246), che riscuoterà un successo straordinario in tutta Europa, con edizioni, adattamenti e traduzioni in varie lingue, fino a diventare uno dei Racconti di Canterbury di Geoffrey Chaucer; nonché cinque sermoni, il primo dei quali composto nel 1243 a Genova, città in cui l’autore si trovava al fianco del podestà Emanuele Maggi.
Di Albertano da Brescia non abbiamo più notizie documentate dopo il 1253. Federico Odorici ricorda che “secondo il Mazzuchelli (Giammaria Mazzuchelli, autore nel XVIII secolo del monumentale Gli scrittori d’Italia: dove però manca, nella pur ampia voce dedicata al nostro giudice, qualsiasi riferimento in proposito, ndr), cessò di vivere Albertano verso il 1270”; “ma senza prova”, chiosa Paolo Guerrini.
L’ipotesi potrebbe tuttavia trovare una conferma indiretta in ciò che asseriva nel 1839 Antonio Schivardi nella sua Biografia dei medici illustri bresciani in relazione all’erudito, medico e scienziato Guglielmo Corvi. Schivardi citava “il giureconsulto e filosofo Albertano, i cui codici e le cui opere, preziosi depositi delle biblioteche, furono tradotti dal latino idioma nel toscano da Bastiano de’ Rossi e stampati a Firenze l’anno 1610”, aggiungendo che “per gli insegnamenti di Albertano giudice di Brescia, il Corvi, compiuti gli studi delle lettere, si adornava della filosofia del maestro, ed in quella crebbe così da uguagliare ne’ suoi teneri anni i migliori che professavano in quelle dottrine”. Poiché Corvi era nato nel 1250, il fatto di essere stato allievo di Albertano dimostrerebbe che intorno al 1270 quest’ultimo era ancora in piena attività.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

40 foto di attrici anni Sessanta e Settanta, quando era di moda la seduzione del vedo-non vedo.

Vedo nudo. Furini (1603-1646), il prete sensuale che dipingeva sante, eroine, donne tutte senza veli. Video