Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Il guitto (Federico Fellini) abusivo in casa del Principe (Sigismondo Pandolfo Malatesta)

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   

di Roberto Manescalchi

“…eravamo due poveracci senza una lira. Andavamo a mangiare in una latteria di via Frattina e c’eravamo accattivati la simpatia della cuoca. Ordinavamo uno spaghetto e lei sotto ci metteva due bistecche e due uova. Io e Federico Fellini facevamo lunghe passeggiate la sera. Sognavamo parlavamo di aspirazioni progettavamo di diventare io un grande attore e lui sosteneva sempre: “T’assicuro Albè che io un giorno diventerò un grande regista, forse il regista più grande del mondo”. Solo che lo dovevo sostenere; lui c’aveva fame gli era rimasta solo una testa così… piena di capelli su un corpo che ormai non si sosteneva più perché era debole deperiva di giorno in giorno ed io non potevo fare niente per lui. Potevo divertirlo, potevamo ridere, scherzare insieme, ma non potevo sfamarlo perché anch’io ero un poveraccio non c’avevo una lira e poi arrivò il suo angelo salvatore. Conobbe una ragazzina che faceva la radio si chiamava Giulietta. Lui scrisse per lei una rubrichetta alla radio e si fidanzarono. Lei da buona emiliana cominciò a cucinare agnolotti, lasagne, tortellini e lui cominciò a ingrassare. Federico cominciò a camminare da solo, cominciò a scrivere e cominciò a lavorare. Tutto quello che vi racconteranno che non sia quello che vi ho raccontato io probabilmente non è la verità e sapete perché probabilmente gliel’ha raccontata lui. Perché dovete sapere che oltre che ad essere un grande regista Federico Fellini è anche un grande bugiardo, forse l’uomo più bugiardo del mondo. Però oh! Federico c’ha una capoccia così”.
blank

Ricapitolando… che Fellini sia stato un guitto lo testimonia, nel senso di aggettivo (persona che vive in condizioni di estrema miseria) e nel senso di sostantivo (teatrante di infimo ordine -ricordiamo la rubrichetta alla radio per Giulietta-) il suo amico di vita Alberto Sordi di cui ho sopra trascritto il seguente audio:

blank

Ovviamente, a parte il capocomico Alberto Sordi, non nego l’enorme successo anche mediatico dei successivi lavori di Fellini spesso giudicati capolavori. Me lo spiego con il fatto che gli stupidi, in tutte le categorie, sono molti di più di quanti anche lontanamente sono in grado di supporre ne possano esistere, ma anche questa volta non sono io. Carlo Cipolla spiega bene la cosa in: The Basic Laws of Human Stupidity

«dall’inizio del genere umano non credo che vi sia stato uomo peggiore, né credo che si possa trovare alcuno la cui iniquità sia più completa, il cui fetore ammorba non solo la chiesa e il mondo, ma giunge fino al cielo. Provocherebbe nausea agli stessi spiriti beati se essi non fossero incapaci di passioni (…) si crederebbe superiore a Dio, se credesse che un dio esistesse; più saggio di Mosè e di Solone; capace di svelare il senso dei più difficili pensieri di Platone e di Aristotele e i più ardui problemi di teologia. (…) il veleno del mondo, il predone di ogni cosa divina e umana»

abbiamo estrapolato dalla requisitoria che l’avvocato fiscale Andrea Benzi, recitò contro Sigismondo Pandolfo Malatesta (soprannominato il Lupo di Rimini. Signore di Rimini, Senigallia, Gradara, Cervia, Fano, Bertinoro e San Leo), per conto del Pontefice Pio II.
blank

Sono talmente tante le cose vituperevoli attribuite a Sigismondo che se solo un decimo di esse fossero vere avrebbe diritto a sedere stabilmente tra gli dei dell’Olimpo.

Eppure Sigismondo dimenticato e Federico sugli altari come si spiega? Sempre con “le leggi sulla stupidità umana” che nel frattempo è stato tradotto.

Alberto Sordi per Federico e l’avvocato del Papa per Sigismondo? Si certo sono di parte, ma a se a favore di Federico posso citare altri innumerevoli testimoni si tratta per lo più di intellettuali radical chic… gli stessi che hanno celebrato un disegnatore siciliano di mano poco più che felice e poca testa (senza progetto) che ha avuto l’unico merito di scopare una contessa a nome di tutta la classe operaia e disegnarne ad libitum le cosce per quasi mezzo secolo anche quando erano ormai flaccide e cadenti… gli stessi che nel 1984 celebrarono le ritrovate teste di Modigliani, appena ripescate dai fossi di Livorno senza che gli passasse minimamente per il cervello che, quand’anche fosse stato… quelle teste “il maledetto” le avrebbe buttate e quindi disconosciute. E a discredito o favore della grandezza di Sigismondo Pontefice a parte? Cosimo il vecchio? Federico II da Montefeltro? Francesco Sforza? Borso d’Este? Leon Battista il principe degli umanisti? Piero della Francesca l’unico principe cui Piero, tra l’altro, abbia dedicato il tempo per ben due ritratti. Un pittore direte voi… si certo se si considerano gli sciocchi e sbagliati balconi della Valmarecchia… un po’ di più se si considera l’idea rivoluzionaria del partire non dalla realtà per la rappresentazione dell’universo mondo, ma dalle regole di rappresentazione per definire in ogni aspetto la realtà che ci circonda. Quanti hanno letto il suo enorme De Perspectiva Pingendi? Pochi, specialmente a Rimini, altrimenti non avrebbero spostato il suo affresco dalla cappella delle reliquie cfr:

Marchi: “L’affresco di Sigismondo non doveva essere spostato”

Scusate! Non c’è filo conduttore. Proviamo a cercarne uno l’occhio alato di Alberti nella medaglia di Matteo de Pasti? Il quid tum? (Fot.1)

blank
Foto 1

Il Matteo de Pasti ambasciatore o comunque inviato come tale presso Maometto II che recava in dono il De re militari di Roberto Valturio con lettera dello stesso Valturio per conto di Sigismondo al Sultano? Lo stesso Matteo della medaglia di Sigismondo (Fot.2) con al verso (oculum?) la casa del Principe Castel Sismundum (Fot.3)

blank
Foto 2
blank
Foto 3

L’oculum che ritorna anche in Piero, sempre con Castel Sismundum (Fot.4)

blank
Foto 4

Caste Sismundum il castello che recenti studi di Giovanni Rimondini cfr. anche:

“Cominciano a distruggere Castel Sismondo: fermiamoli!”

riconducono giustamente a Filippo Brunelleschi il più grande architetto del primo rinascimento ed ecco ancora l’oculum (l’umanista dedicò all’architetto, che fu anche iniziatore se non codificatore di certi studi, un suo trattato sulla prospettiva) questa volta nella sua cupola. Occhio finestra che consente anche il respiro alle enormi masse murarie delle due cupole interna ed esterna e che è certamente simbolo. (Fot.5)

blank
Foto 5

Tutto questo perché? Perché oggi il castello del principe è occupato impropriamente da quelli che Rimondini definisce a buon titolo i “cianfi di Fellini”. Non contento il primo cittadino di Rimini sembra aver partorito un’idea geniale: Una enorme prua che richiama quella del transatlantico di Amarcord verrà piazzata davanti alla rocca. (Fot.6)

blank
Foto 6

Il Rex sbuca da Castel Sismondo: la trovata del museo Fellini destinata a far discutere

Una volta qualche decennio fa sorprendemmo dei muratori a rifare dei pezzetti di muro dell’anfiteatro romano di Rimini. Eravamo giovani e ci scandalizzammo, ma ci consolammo subito con l’iperbole di Denis Diderot: “Beati gli antichi che non avevano un’antichità (monumenti mi sovviene)”

L’iniziativa “geniale” del primo cittadino – che ci pare sia stata già criticata da Tommaso Montanari (con lui non siamo quasi mai daccordo) – ci pare in linea con le visionarie percezioni e le architetture fuori scala di Étienne-Louis_Boullée (Fot.7) Cenotafio per Newton) ed il gigantismo di Claude Nicolas Ledoux che dell’enciclopedia sono in qualche modo figli. Di Ledoux ricordiamo l’occhio (ancora l’oculum) che contiene il teatro di Besançon (Fot.8) e così ecco che si vengono a coniugare anche Alberti (occhio) e Fellini (teatro, al tempo di Ledoux, purtroppo, il cinema non c’era)

blank
Foto 7
blank
Foto 8

Faccia uno sforzo Sindaco lasci perdere il Rex… faccia partorire ai suoi scenografi un enorme, felliniano e grasso culo nudo gonfiabile. Lo faccia ancorare alla enorme massa muraria del castello. Annichilisca Boullée e Ledoux e faccia si che quel cupolone sia: “Structura sì grande, erta sopra e’ cieli, ampla da coprire chon sua ombra tutti e popoli di Romagna” e parafrasando l’Alberti del De pictura… passerà alla storia come Brunelleschi lui con la cupola lei con un simbolo di Fellini.

Ovviamente, va da se, che a me per Fellini parrebbe sufficiente il chioschetto che riproduce la macchina fotografica della Ferrania (Fot.9, l’occhio della macchina fotografica si chiama obiettivo ed è, al solito, sostantivo ed aggettivo). Era nella rotonda di Piazza Tripoli… C’è sempre? Riservate al regista una stanza al Grand’ Hotel se il chioschetto non c’è più, ma basta per favore con il guitto… giù le mani dal Castello.

blank
Foto 9

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo a cura della redazione di Stile arte

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti.

Vuoi rimanere aggiornato su offerte, occasioni, gadget a prezzi stracciati? Moda, arte, tecnologia sono la tua passione? Segui il nostro canale Telegram. Stile arte seleziona per te i prezzi del momento. Buoni, sconti e opportunità da cogliere al volo. L'iscrizione è semplice e grautita, Clicca qui per iscriverti al canale: https://t.me/stilearte Sei poco pratico di Telegram e vuoi capire di cosa si tratta? Leggi questo nostro approfondimento -> https://www.stilearte.it/?p=279033

Colori a olio: ecco le recensioni:

MAIMERIblank: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeriblank
 
blank
Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)
   

Royal Talens: il rinomato brand - fondato nel 1899 e da sempre sinonimo di grandissima qualità - ha presentato  il suo più prestigioso set di pittura ad olio. Se si vuole acquistare o regalare il meglio del meglio ecco l'Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli. La vernice ad olio della gamma Rembrandt è realizzata con la più elevata concentrazione possibile di pigmento finemente macinato, con tutte le 24 pitture del set classificate come resistenti per 100 anni alla luce.Clicca qui per visualizzare e acquistare i prodotti Royal Talensblank

blank
Royal Talens – Scatola con colori ad olio Rembrandt – Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli - Acquistala qui
E' possibile acquistare anche un set più accessibile al grande pubblico,  il Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition. Meno colori e meno accessori, ma qualità massima.
blank
Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition - Acquistala qui
  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrarioblank  
blank
CASSETTA IN LEGNO DI FAGGIO MISURE 30X40 COLORI OLIO VAN DYCK FERRARIO
  OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Hollandblank
blank
Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio
WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburgblank
blank
Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione
WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTONblank
blank
Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.