Home / arte curiosità / Il rebus del cognome dipinto. Così Moroni rappresentò il cognome Suardo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Il rebus del cognome dipinto. Così Moroni rappresentò il cognome Suardo

“Certo che, se oscura è la vita, luminosa è invece la sua arte. E questa arte il Moroni trasfuse ed eternò nelle sue magnifiche opere che sono ora, specialmente quelle firmate e datate, come punti luminosi che brillano nell’oscurità della notte e che irradiano maggior o minor luce sulle vicende dell’artista a seconda delle notizie storiche che si sono potute raccogliere intorno alle sue opere”.

Così scriveva, a proposito di Giovan Battista Moroni, Davide Cugini, evidenziando in primo luogo come, nonostante le recenti scoperte documentarie, molti aspetti della vita dell’artista, a cominciare dal luogo e dalla data di nascita, restino ignoti. Diverse carte dimostrano che la sua formazione si svolse a Brescia, nella bottega del Moretto; egli fu principalmente ritrattista, e ricevette commissioni soprattutto dalla nobiltà di ispirazione spagnoleggiante e neo-feudale, tra cui si annoverano personaggi di spicco nel panorama politico come i nipoti del vescovo di Trento, Ludovico e Gian Federico Madruzzo, e il duca di Albuquerque, futuro governatore di Milano. Nei ritratti, particolarmente intensi ed attenti alla verità effettiva della fisionomia, per indicare il nome dell’effigiato egli utilizzò metodi diversi, non ultima l’allegoria del nome.

Nel ritratto del cavaliere Secco Suardo, ambasciatore a Venezia dal 1545, il nobiluomo indica palesemente un elegante braciere, posto su una colonna. L’immagine-rebus è senza dubbio quella di “Su-ardo”, che viene rafforzata semanticamente dall’iscrizione, configurata come un’impresa araldica in caratteri latini: “Et quid volo / nisi ut ardeat?”. Il tema del fuoco (e del verbo ardere) riferisce l’impresa a un versetto evangelico (Luca, XII, 49) riguardante la missione di Cristo in terra: “Ignem vidi mittere in terram; et quid volo nisi ut accendatur” (Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; e come vorrei che fosse già acceso!). Infine, come ulteriore strumento di rafforzamento degli indicatori di identità del personaggio, l’artista apre nel dipinto un’ampia finestra dalla quale si scorge una veduta del castello di Lurano, dimora della famiglia. Dove non esisteva la possibilità di utilizzare elementi allegorici nell’ambito della configurazione del nome o del cognome, Moroni si affidava alle imprese o motti araldici. Un’iscrizione appare infatti nel ritratto del duca di Albuquerque, datato 1560, in cui l’hidalgo, rappresentato a due terzi di figura, con la spada al fianco, poggia su un basamento marmoreo che reca incisa la scritta: “Aqui esto sin temor / y dela muerte / no he pavor”, una frase in spagnolo che significa: “Io sto qui senza timore e della morte non ho paura”, in riferimento all’impresa di famiglia.

Il terzo esempio rappresenta invece una scelta realistica – priva di elementi araldico-celebrativi – nell’indicazione dell’identità del personaggio. Nel dipinto che risale alla fine degli anni ’50 e che effigia il canonico Ludovico Terzi, nome e posizione sociale del soggetto sono semplicemente indicati dalla facciata di chiusura di una lettera che reca l’indirizzo: “Al Molto R.do M. Luc.co di Terzi / Can.co di Bgmo Dig.o et Proth.o / ap.co sig.r mio osser.mo / Bgomo”. Caratteristica peculiare di Moroni, che lo pone decisamente in antitesi – ad esempio -con Tiziano, è la capacità di far emergere dai suoi dipinti i segni di una moralità intrinseca: ciò che più gli interessa è imprimere nella memoria di chi osserva la vita e le gesta dei soggetti rappresentati.

Clicca sul link per aprire il PDF e accedere a testi e immagini:

[PDF] Il rebus del cognome dipinto



STILE ARTE 2007

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Quei quadri pornografici. Ecco le posizioni preferite a Pompei

Il genero geniale di Romanino